Percorso:ANSA.it > Politica > News

Pedofilia: Bagnasco, in Italia possibili coperture di abusi

Referente vittime e' Vescovo,''Io disponibile giorno e notte''

29 maggio, 13:06
Il presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco
Il presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco
Pedofilia: Bagnasco, in Italia possibili coperture di abusi

CITTA' DEL VATICANO  - Esiste ''la possibilita''' che anche in Italia preti pedofili abbiano goduto della copertura dei vescovi, come accaduto in altri paesi: lo ha ammesso il presidente dell'episcopato italiano, card. Angelo Bagnasco, rispondendo alle domande dei giornalisti, in una conferenza stampa a conclusione della 61/esima assemblea generale della Cei in Vaticano. ''C'e una possibilita''', ha detto: tuttavia, ''qualora ciò fosse accertato il giudizio della Chiesa è noto: è una cosa di per sè sbagliata e da superare''. ''La pedofilia è un peccato terrificante e un reato'', ha aggiunto, senza tuttavia essere in grado, per il momento, di fornire ulteriori dettagli sui procedimenti canonici aperti, negli ultimi dieci anni, nei confronti di un centinaio di preti sospettati di abusi su minori (su oltre 40 mila in servizio in Italia). ''Daremo le informazioni - ha promesso - via via che ci perverranno''. ''Personalmente, come arcivescovo di Genova - ha raccontato - non ho dovuto avviare inchieste: fino ad oggi non mi risulta nessun caso nella diocesi . E speriamo - ha proseguito - di andare avanti cosi'''. ''Quando ero vescovo a Pesaro, invece - ha riferito - c'e' stata una situazione che ho dovuto verificare: era una voce, un 'rumor'; abbiamo visto che non aveva fondamento ed anche la Congregazione per la Dottrina della Fede, a cui avevo riferito, decise di non procedere''. Nel sottolineare che ''il bene vero delle singole vittime'' deve essere il criterio-guida ''per gli interventi e i provvedimenti necessari'', Bagnasco ha precisato che la Cei ''non ritiene necessario ne' opportuno'' in questo momento attuare particolari iniziative a livello nazionale, ''ne' tantomeno documenti''. Non saranno creati, ad esempio, referenti diocesani 'ad hoc': le vittime - ha indicato - potranno rivolgersi direttamente ai vescovi, che sono i ''referenti naturali'' della diocesi. Di fatto, ogni vescovo nella sua diocesi interverra' facendo riferimento alle linee guida della Congregazione per la dottrina della fede, che sono ''il testo piu' aggiornato, autorevole ed esplicito esistente oggi''. Non sara' difficile per le vittime di abusi contattare direttamente il proprio vescovo? Si e' chiesto qualcuno, pensando anche ad una diocesi grande, come puo' essere Genova. ''Saro' sempre a disposizione per ascoltare chi ha subito violenze'', ha assicurato il cardinale. Quando una persona si rivolge al proprio vescovo per denunciare di aver subito degli abusi da parte di un prete, ''la si riceve immediatamente, di giorno o di notte'', ha detto.''Non credo che un vescovo sia inaccessibile. Io ricevo lettere personali e riservate, scritte anche a stampatello su una pagina di quaderno su varie questioni delicate. Molti prendono, scrivono e presentano un problema'', ha spiegato. Nel caso di denunce d'abuso sessuale, ha proseguito, si tratta di ''situazioni così gravi che richiedono una risposta immediata''. Sara' il vescovo a decidere il modo di affrontare gli scandali: nessun modello, come certe iniziative tedesche, austriache o statunitensi, e' automaticamente trasferibile in altre realta', ha sintetizzato il porporato. In conferenza stampa, insieme al tema della pedofilia, sono tornati gli argomenti della prolusione e dell'Assemblea: il cardinale ha ribadito che occorre un particolare sostegno alle famiglie e alle piccole e medie imprese, a cui ''non arrivano sufficienti aiuti'', specie in questo momento di grave crisi economica. Quanto al federalismo - ha nuovamente ammonito Bagnasco - esso e' destinato al fallimento, se non e' ancorato ai valori ''irrinunciabili'' dell'unita' nazionale e della solidarieta'''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni