Percorso:ANSA.it > Politica > News

Mafia: Capezzone, da Ciancimino una bufala

Bersani: lasciamo lavorare i magistrati

09 febbraio, 15:17
Vito Ciancimino durante la deposizione
Vito Ciancimino durante la deposizione
Mafia: Capezzone, da Ciancimino una bufala

ROMA - "E' evidente che un network di forze in condizione di influire nelle cose giudiziarie e nel mondo dei media non ha abbandonato l'obiettivo di avvelenare la prossima campagna elettorale e di lanciare fango contro il Governo e la maggioranza, senza limiti e senza esclusione di colpi. Hanno tentato con Spatuzza, con la grottesca tesi del Berlusconi artefice degli attentati e delle bombe di mafia: ma la cosa è stata liquidata dall'opinione pubblica come meritava, e cioé come un'infamia. Così Daniele Capezzone, portavoce del Pdl. "E allora, bruciato Spatuzza, ritentano con Ciancimino. Ma già la surreale giornata di ieri (tra accuse inverosimili e improvvise "stanchezze") mostra che siamo dinanzi ad una bufala. E gli italiani la archivieranno come tale. Poi, però, non ci si sorprenda se la credibilità di alcuni magistrati crolla...".

BERSANI,  LASCIAMO LAVORARE MAGISTRATI - ''Lasciamo lavorare i magistrati''. Secco il commento del segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, che così ha risposto ai cronisti che, al termine di una riunione tenutasi nella sede del partito, gli hanno chiesto un commento sulle dichiarazioni di Massimo Ciancimino.

CIANCIMINO,QUANDO MIO PADRE SCRISSE A BERLUSCONI - Vito Ciancimino pensava da politico e, preoccupato del calo di consensi subito nel '92 dal suo partito, la Dc, sognava la nascita di un grande movimento in grado di ereditare l'enorme patrimonio elettorale democristiano in cui, per anni, erano confluiti pure i voti della mafia. Un'ambizione che il vecchio sindaco del sacco edilizio di Palermo avrebbe messo sul piatto della cosiddetta trattativa tra Stato e mafia e che avrebbe avuto nella costituzione di Forza Italia la sua concretizzazione. A bassa voce, come spesso accade quando si toccano certi argomenti, Massimo Ciancimino, figlio dell'ex politico corleonese, teste al processo al generale dell'Arma Mario Mori, racconta la "sua" verità sulla genesi del partito di Silvio Berlusconi e definisce Forza Italia "il frutto della trattativa tra Stato e mafia".

"Quelle di Ciancimino sono falsità destituite di ogni fondamento e prive di ogni dignità logica", commenta il legale del premier, l'avvocato Nicolò Ghedini. "Forza Italia non ha mai avuto collegamenti con la mafia", replica il Guardasigilli Angelino Alfano, che denuncia un tentativo di "delegittimazione dell'azione del Governo sempre in prima linea nella lotta a Cosa nostra". Ancora una volta, dunque, il nome del premier viene fuori al processo al generale Mori, uno dei presunti protagonisti del dialogo che per anni pezzi dello Stato avrebbero avuto con i clan. Anche oggi, come alla scorsa udienza, lo spunto è in uno dei pizzini che il boss Bernardo Provenzano, nel 1994, avrebbe scritto a Marcello Dell'Utri, all'epoca deputato, e avrebbe inviato "per conoscenza" a Silvio Berlusconi. Il documento per anni sarebbe rimasto chiuso in una cassaforte che i carabinieri non avrebbero mai aperto nonostante avessero perquisito la casa di Massimo Ciancimino nel 2005. Nel bigliettino, che il teste ebbe da personaggi vicini al boss e che fece leggere al padre, il capomafia corleonese parla di un piano per intimidire Berlusconi, forse il rapimento del figlio.

"Intendo portare il mio contributo - si legge nel pizzino - che non sarà di poco conto perché questo triste evento non si verifichi (si allude al sequestro ndr). Sono convinto che Berlusconi potrà mettere a disposizione le sue reti televisive". "Mio padre - ha spiegato il testimone - mi disse che questo documento, insieme all'immunità di cui aveva goduto Provenzano e alla mancata perquisizione del covo di Riina era il frutto di un'unica trattativa che andava avanti da anni. Con quel messaggio Provenzano voleva richiamare il partito di Forza Italia, nato grazie alla trattativa, a tornare sui suoi passi e a non scordarsi che lo stesso Berlusconi era frutto dell'accordo". Insomma, il capomafia a un certo punto avrebbe presentato il conto al politico che da lui sarebbe stato favorito e, per ricordargli gli impegni presi, avrebbe minacciato l'intenzione di fare del male al figlio. Don Vito, a cui il testo del messaggio sarebbe stato letto da Massimo - nel frattempo l'ex sindaco venne arrestato - avrebbe condiviso l'intenzione del padrino, ma avrebbe optato per metodi più soft. La prova sarebbe in un altro manoscritto, stavolta a firma dell'ex sindaco, consegnato dal testimone oggi e finito agli atti del processo Mori. Il testo per una parte è identico a quello scritto da Provenzano, alla fine, però, don Vito fa una correzione "minacciando - spiega il teste - di fare rivelazioni sulla genesi di Forza Italia qualora certe promesse non fossero state mantenute".

Ciancimino jr non specifica a quali patti violati o ancora non rispettati il padre alludesse. Alla scorsa udienza, però, parlando del ruolo che Marcello Dell'Utri avrebbe a un certo punto avuto nella trattativa, aveva fatto cenno ad un'amnistia per i detenuti mafiosi e alla tutela del patrimonio di famiglia" come alle cose che stavano più a cuore al padre. Quello di oggi dunque è in un certo senso l'atto conclusivo del lungo racconto di anni di dialogo tra Stato e mafia fatto dal figlio di Don Vito. Un racconto che vede, nell'ombra, sempre la presenza dei Servizi Segreti, a conoscenza di ogni passaggio della trattativa, un racconto in cui cambiano i protagonisti e al posto del sanguinario Totò Riina subentra Provenzano, lo stratega della sommersione. E che vede mutare anche i referenti politici con Ciancimino scalzato da Marcello Dell'Utri. Perché Massimo Ciancimino a conoscenza di tutto dal 1992 parla solo ora? Glielo chiede, al termine dell'esame, il pm Nino Di Matteo.

E' la domanda che si fanno in molti. "Nessuna ambizione a riavere i soldi che mi hanno sequestrato - risponde il teste - Solo che, dopo l'indagine per riciclaggio in cui sono stato coinvolto mi sono stancato di pagare da solo". E allora la collaborazione con i pm: "nonostante le minacce subite, l'invito dei Servizi e dei carabinieri a non parlare della trattativa, a non fare il nome del premier, a fare sparire i documenti scottanti contenuti in una cassaforte", secondo i pm che stanno indagando anche su questo, volutamente mai aperta. Una spiegazione che non convince il legale di Mori, l'avvocato Piero Milio. "Tutte menzogne", dice preparandosi ad affrontare Ciancimino jr nel controesame del 5 marzo.

BERLUSCONI INDIGNATO, SCONTRO PDL-DI PIETRO - Chiamato in causa da Massimo Ciancimino nel processo di Palermo all'ex generale dei carabinieri Mario Mori, e attaccato dal leader dell'Idv Antonio Di Pietro, Silvio Berlusconi evita oggi ogni replica ufficiale: "Avrei tante risposte da dare ma la dittatura imposta da Bonaiuti mi impone il silenzio" è la battuta con cui il Cavaliere evita di commentare le accuse rivolte dal figlio dell'ex sindaco di Palermo.

Di fronte ai giornalisti accorsi alla conferenza stampa con il primo ministro della Repubblica Croata Jadranka Kosor a Villa Gernetto, sede della futura università liberale, Berlusconi tace. In privato però con più di qualche fedelissimo il Cavaliere non nasconde l'indignazione per le notizie che arrivano dalla Sicilia. E' sempre il solito copione, sarebbe stato il ragionamento fatto con i suoi, che si ripete ogni volta che c'é un appuntamento elettorale. Sono cose fuori dalla realtà, avrebbe ribadito Berlusconi che però ai suoi interlocutori non avrebbe mostrato nessuna preoccupazione per eventuali ricadute nei sondaggi. I nostri elettori, avrebbe sottolineato, sono ormai vaccinati visto che è da 15 anni che raccontano falsità sul mio conto. Se il Cavaliere affida ai suoi uomini più stretti lo sfogo, a prendere ufficialmente le distanze dalle accuse del figlio dell'ex sindaco di Palermo ci pensa Niccolò Ghedini, avvocato del presidente del Consiglio: "Le dichiarazioni di Massimo Ciancimino - attacca - non sono soltanto destituite di ogni fondamento, ma sono anche totalmente inverosimili e prive di ogni dignità logica". Parole dure a cui si allinea anche il ministro della Giustizia Angelino Alfano: "E' in atto un tentativo di delegittimazione dell'azione del governo Berlusconi sempre in prima linea nella lotta a Cosa Nostrà", ribadisce il Guardasigilli che difende anche Forza Italia dall'accusa di coinvolgimento nella trattativa tra Stato e la criminalità organizzata: "Fi - precisa Alfano - non ha mai avuto collegamenti con la mafia". A difendere l'operato del premier e dell'esecutivo è poi tutto lo stato maggiore del Pdl:"Sono cose che non stanno né in cielo né in terra", è la convinzione del coordinatore del partito Ignazio La Russa mentre per il capogruppo al Senato Maurizio Gasparri "il comportamento di Ciancimino è sconcertante. E' ora - aggiunge- di dire basta con la vergogna di questi pseudo pentiti alla ribalta".

Le dichiarazioni del figlio dell'ex sindaco di Palermo, tengono banco anche nell'opposizione. Chi si schiera a difendere Berlusconi e Forza Italia è il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini: "Ritenere che Fi sia prodotto della mafia - osserva l'ex presidente della Camera - significa non solo offendere milioni di elettori, ma soprattutto falsificare profondamente la realtà". Resta in attesa invece il Partito Democratico: "Lasciamo lavorare la magistratura - si limita a dire Andrea Orlando responsabile giustizia - che saprà discernere nelle dichiarazioni di Ciancimino e restituirci un quadro certo su uno dei momenti più difficili e opachi della nostra storia recente". Sul piede di guerra è invece l'Italia dei Valori che con Antonio Di Pietro accusa il governo di essere "piduista e fascita. E poi - attacca ancora l'ex pm - se fossero vere le dichiarazioni di Ciancimino sarebbe anche paramafioso".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni