Percorso:ANSA.it > Politica > News

Processo breve: Csm, è incostituzionale

Commissione boccia ddl, un voto contrario

10 dicembre, 08:12
Il Csm durante una riunione
Il Csm durante una riunione
Processo breve: Csm, è incostituzionale

di Sandra Fischetti

ROMA - Viola almeno tre principi della Costituzione e una Convenzione internazionale (quella dell'Onu contro la corruzione) il ddl sul processo breve; e non solo: per i reati dei colletti bianchi si tradurrà in una "sostanziale amnistia" con buona pace della tutela delle vittime dei reati e delle parti lese. E avrà di fatto una portata "dirompente", non solo per i processi che farà finire al macero, ma soprattutto perché introduce nel sistema uno strumento, l'estinzione del processo, che non ha riscontri in nessun altro Paese europeo. In 50 pagine fitte di osservazioni e dati, la Sesta Commissione del Csm boccia il provvedimento voluto dalla maggioranza e che ha come primo firmatario Maurizio Gasparri e anche le ottimistiche previsioni sull'impatto previsto dal ministro della Giustizia Alfano.

Lo fa con un parere passato a larga maggioranza, con il solo voto contrario del laico del Pdl Gianfranco Anedda, e che lunedì sarà discusso dal plenum in una seduta straordinaria; un percorso accelerato, come ha spiegato il vice presidente Nicola Mancino, perché il Gaurdasigilli, che ne è il destinatario, possa trasmetterlo a sua volta in tempo utile alla Commissione Giustizia del Senato, che nella serata di lunedì comincerà la discussione.

Della stroncatura del provvedimento da parte dei consiglieri "prende atto" il presidente della Commissione Giustizia del Senato Filippo Berselli, ribadendo però che "le leggi le fa il Parlamento e non il Csm". Mentre il Pd invita il ministro ad ascoltare Palazzo dei marescialli e a ritirare il processo breve, il leader dell'Italia dei valori Antonio Di Pietro si appella al capo dello Stato perché ponga fine alle "incursioni allo Stato di diritto".

Secondo i consiglieri di Palazzo dei marescialli il ddl, viola più principi costituzionali, a cominciare da quelli dell'obbligatorietà dell'azione penale, del giusto processo e dell'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge. Tutto questo non solo perché ponendo termini perentori alla conclusione del processo impedisce che nei casi più complessi si possa arrivare all'accertamento delle responsabilità, ma anche perché crea disparità di trattamento irragionevoli, escludendo dalla nuova disciplina alcuni reati (come per esempio quello di immigrazione clandestina, che è pure una semplice contravvenzione) e i recidivi.

La Commissione si sofferma soprattutto sul "tradimento" del giusto processo: la disciplina che si vuole introdurre "non sembra adeguatamente considerare i principi sanciti dall'articolo 111 della Costituzione", che vuole una giustizia rapida ma non superficiale; "né sembra legittimata dalla giurisprudenza della Corte di Strasburgo sui diritti dell'uomo". E per spiegare quanto sia poco comprensibile prevedere termini così rigidi per la conclusione di un processo (sei anni complessivi, due per ogni grado di giudizio), a prescindere dalla sua complessità, la Commissione usa un'immagine efficace: "é come assegnare due ore per ogni intervento chirurgico". L'allarme dei consiglieri riguarda soprattutto quella che viene ritenuta la sicura amnistia per i reati contro la pubblica amministrazione e in particolare per la corruzione: è in contrasto anche con gli impegni presi dall'Italia in sede internazionale, avvertono i consiglieri, richiamando la Convenzione dell'Onu firmata dall'Italia nel 2003 e ratificata proprio quest'anno, che impegna i firmatari a perseguire questo reato, anche adottando termini lunghi di prescrizione.

Quanto al numero dei processi che saranno cancellati il Csm smentisce le rosee previsioni di Alfano, sulla base dei dati raccolti nelle audizioni dei procuratori e dei presidenti dei tribunali dei principali distretti giudiziaria: i processi che finiranno nel nulla vanno da un minimo del 10 a un massimo del 60%. Tra le situazioni più allarmanti quella di Roma dove, secondo il Csm, saranno buttati a mare il 45% dei processi pendenti davanti a gip e gup; il 70% dei dibattimenti monocratici e collegiali; e il 90% dei procedimenti pendenti davanti al giudice di pace. Una sorte che nella capitale riguarderà, tra gli altri, il processo a Lady Asl e Calciopoli. Ma le conseguenze potrebbero essere anche peggiori, visto che il processo breve farà crollare, segnala la Commissione, il ricorso ai riti alternativi. Dati ancora più preoccupanti nel civile: a Bari finirà nel nulla il 67% dei processi, a Bologna il 50%, a Milano il 41%, a Palermo il 43%, a Torino il 23% a Venezia il 46%.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni