Percorso:ANSA.it > Politica > News

Cosentino: ordinanza, sostegno elettorale dai casalesi

Chiesta custodia cautelare per il sottosegretario

11 novembre, 15:16
Nicola Cosentino
Nicola Cosentino

ROMA - La giunta per le autorizzazioni della Camera ascolterà il sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino mercoledì 18 novembre alle 8.30 di mattina. A chiedere di essere ascoltato dai componenti della giunta è stato lo stesso Cosentino. Nella seduta di oggi della giunta, dedicata all'esame della richiesta di autorizzazione all'arresto del parlamentare arrivata dai magistrati campani, il relatore Nino Lo Presti (Pdl) ha esposto i fatti di cui viene accusato il suo collega del Pdl sostenendo che comunque "si tratta di fatti risalenti al '90''. "Studieremo con attenzione questa vicenda - osserva Donatella Ferranti (Pd) - perché ad una prima lettura degli atti ci sembra un caso estremamente complesso e grave visto che emergerebbe anche un coinvolgimento nel tessuto camorristico di tutta la famiglia del parlamentare. Stiamo preparando delle domande da rivolgergli nel corso della sua audizione".

COSENTINO SOTTO ACCUSA A NAPOLI

Nicola Cosentino ha contribuito a rafforzare i Casalesi, negli anni '90. E, nella sua carriera politica, ha sempre potuto contare sui voti del clan camorristico: e' diventato, così, consigliere provinciale, regionale, e poi deputato. E' quello che scrivono gli inquirenti nelle 351 pagine della ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del sottosegretario alla Economia e coordinatore campano del Pdl. Il provvedimento, firmato dal gip Raffaele Piccirillo su richiesta dei pm Alessandro Milita e Giuseppe Narducci, è arrivato alla Camera per l'autorizzazione alla esecuzione. Accuse pesanti, secondo le quali l'esponente del Pdl, che sembrava ormai prossimo alla candidatura per la presidenza della Regione Campania, avrebbe "garantito la continuità dei rapporti fra imprenditoria mafiosa e le amministrazioni pubbliche" nel Casertano.

RAFFORZO' I CASALESI: Cosentino "contribuiva, sin dagli anni '90 a rafforzare vertici e attivita' del gruppo camorrista facente capo alle famiglie di Bidognetti e Schiavone". E' quanto si afferma, tra l'altro, nel capo di imputazione per concorso esterno in associazione mafiosa. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere, che si compone di 351 pagine, è stata trasmessa alla Camera per l'autorizzazione all'esecuzione.

I VOTI DEI CLAN: Dal sodalizio dei Casalesi, Cosentino "riceveva puntuale sostegno elettorale in occasione alle elezioni a cui Cosentino partecipava quale candidato diventando consigliere provinciale di Caserta nel 1990, consigliere regionale della Campania nel 1995, deputato per la lista Forza Italia nel 1996 e, quindi, assumendo gli incarichi politici prima di vice coordinatore e poi di coordinatore del partito di Forza Italia in Campania, anche dopo aver terminato il mandato parlamentare del 2001". Cosentino avrebbe in particolare "garantito il permanere dei rapporti tra imprenditoria mafiosa, amministrazioni pubbliche e comunali".

PRESSIONI PER CERTIFICATI ANTIMAFIA: Cosentino avrebbe esercitato "indebite pressioni nei confronti di enti prefettizi per incidere, come nel caso della Eco4 spa (società che operava nel settore dei rifiuti, ndr) nelle procedure dirette al rilascio delle certificazioni antimafia".

ECO 4 E VICENDA ORSI: Cosentino è anche accusato di aver creato e cogestito "monopoli d'impresa, quali l'Eco4 spa e nella quale Cosentino esercitava, in posizioni sovraordinata a Giuseppe Vitiello, Michele Orsi (ucciso poi in un agguato di camorra, ndr), e Sergio Orsi, il reale potere direttivo e di gestione, così consentendo lo stabile reimpiego dei proventi illeciti, sfruttando delle attività di impresa per scopi elettorali, anche mediante l'assunzione di personale e per diverse utilità".

IL PENTITO VASSALLO: In ampi stralci - riportati nella ordinanza - delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia viene tirato in ballo Cosentino. "I rapporti economici tra i fratelli Orsi e il clan sono stati regolati direttamente da Massimiliano Miele, con modalità che non conosco. Posso dire che la società ECO4 era controllata dall'onorevole Cosentino e anche l'onorevole Landolfi aveva svariati interessi in quella società ".

ANCORA IL PENTITO, POLITICI NAZIONALI IN TESSUTO CAMORRISTICO Nell'ordinanza appare anche una dichiarazione 'de relato' di Vassallo: "Bidognetti Raffaele, alla mia presenza e alla presenza di Antonio Di Tella, riferì che gli onorevoli Italo Bocchino, Nicola Cosentino, Gennaro Coronella e Landolfi facevano parte del 'nostro tessuto camorristico' ".

50 MILA EURO IN UNA BUSTA: Vassallo parla di una somma di denaro, in una busta gialla, consegnata al sottosegretario: "Presenziai personalmente alla consegna di cinquantamila euro in contanti da parte di Sergio Orsi all'onorevole Cosentino, incontro avvenuto a casa di quest'ultimo a Casal di Principe".

"LASCIO' CICCIOTTO E PASSO' CON SCHIAVONE": Secondo Vassallo, Cosentino, appoggiò il progetto di realizzazione del termovalorizzatore di S. Maria la Fossa, cui era interessato il suo gruppo, e cambiò i suoi referenti criminali. "Si trattava di un termovalorizzatore differente rispetto a quello della Fisia-Fibe, in quanto avrebbe dovuto essere un termovalorizzatore realizzato con finanziamenti dello stesso consorzio CE4. Era stato individuata un'area del comune di Santa Maria La Fossa. E' per questo che nascono i problemi in quanto, in quel territorio, il gruppo Bidognetti non ha nessun referente, essendo la zona di Santa Maria La Fossa sotto il dominio incontrastato di Francesco Schiavone detto Cicciariello, del gruppo degli Schiavone". "Ne deriva - dichiara Vassallo - che Cosentino, con gli Orsi, per realizzare il progetto economico della costruzione del termovalorizzatore in Santa Maria La Fossa, lasciano il gruppo Bidognetti e 'passano' con gli Schiavone".

BONAIUTI: IO GARANTISTA, NON EMETTO SENTENZA ORA - ''Io sono un garantista e non emetto sentenze prima dei tre gradi di giudizio. Mi sorprende questa sinistra'' che attacca nel tentativo di ''dare dei colpi a Silvio Berlusconi'' per abbatterlo. ''Ma non ce la faranno...''. Cosi' il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti risponde, in collegamento con Mattino5, ad una domanda sulla richiesta di misura cautelare per il sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino.

SCAJOLA: TEMPI INDAGINE RIEMPIONO DI PERPLESSITA' - "Questa indagine della magistratura mi riempie di perplessità: a quanto mi è stato detto si riferisce ad una campagna elettorale del '94 e, per di piu', che viene fuori adesso quando Cosentino era il candidato più probabile per la presidenza della Regione Campania". Lo ha detto il ministro dello sviluppo economico, Claudio Scajola, parlando a margine del forum Italia-Brasile. "Conosco Cosentino da anni, lo stimo come ottimo parlamentare, come una persona che si è sempre dedicata tantissimo al territorio", ha detto Scajola.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni