Percorso:ANSA.it > Speciali > News
Tifone nelle Filippine Tutti i titoli

Tifone Filippine, oltre 5 mila morti

Prosegue l'impegno dell'Organizzazione mondiale della Sanità

22 novembre, 12:43

Correlati

Speciali

La piccola Bea Joy, nata sotto le macerie e simbolo della rinascita delle Filippine dopo la tragedia del supertifone che ha provocato migliaia di vittime La piccola Bea Joy, nata sotto le macerie e simbolo della rinascita delle Filippine dopo la tragedia del supertifone che ha provocato migliaia di vittime
Tifone Filippine, oltre 5 mila morti

Sono oltre cinquemila i morti per il tifone che si è abbattuto nelle Filippine, ma il bilancio è destinato a crescere. Lo rendono noto fonti ufficiali, come riporta l'Ap.

Prosegue l'impegno dell'Organizzazione mondiale della Sanità nelle zone più colpite dal tifone che ha devastato le Filippine. Ventitré equipe di medici sono al lavoro, in coordinamento il Dipartimento regionale per la Salute, per identificare i bisogni degli sfollati e garantire che vengano forniti servizi sanitari e medicinali. Circa 13 milioni le persone danneggiate dal passaggio di "Haiyan", ma di queste solo 392.000 vivono nei 1.587 centri di evacuazione. Attualmente 3.300 soggiornano in 7 centri a Cebu City, ma il loro numero continua ad aumentar

e. Il governo filippino ha chiesto aiuto ad agenzie umanitarie internazionali per assistere sfollati, che sono stati costretti ad abbandonare tutti i loro averi, compresi i farmaci di primaria importanza. Influenza virale, ma anche molti casi di infezioni cutanee dovute a lacerazioni provocate durante il passaggio del tifone, fa sapere l'Oms, sono tra i problemi più frequenti, oltre a un numero crescente di pazienti affetti da ipertensione e ansia. Particolare attenzione a mamme e bambini. "Stiamo somministrando vitamine alle donne in gravidanza e incoraggiando le madri ad allattare al seno i loro figli - riferisce un medico di guardia al centro - inoltre, stiamo cercando di ottenere contraccettivi, perché molte donne hanno smesso di prendere il controllo delle nascite quando hanno lasciato le loro case".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA