Percorso:ANSA.it > Speciali > News

Papa: Chiesa sia testimone misericordia e tenerezza di Dio

Francesco: 'La diffusione del Vangelo non dipende dalla quantita' di denaro'

07 luglio, 20:48

Correlati

Speciali

L'Angelus L'Angelus
Papa: Chiesa sia testimone misericordia e tenerezza di Dio

"La gente oggi ha bisogno certamente di parole, ma soprattutto ha bisogno che noi testimoniamo la misericordia, la tenerezza del Signore, che scalda il cuore, che risveglia la speranza, che attira verso il bene". Lo ha detto papa Francesco durante la messa per i seminaristi, i novizi e le novizie, ai quali ha indicato, tra i punti di riferimento da seguire,, oltre alla croce e alla preghiera, "la gioia di portare la consolazione di Dio".

I servitori della Chiesa, gli "operai della messe" secondo l'espressione del Vangelo di Luca, non sono scelti attraverso campagne pubblicitarie o appelli al servizio e alla generosità, ma sono 'scelti' e 'mandati' da Dio". Lo ha detto papa Francesco nella messa per i seminaristi, i novizi e le novizie, ai quali, per questo, ha raccomandato l'importanza della "preghiera".

"La diffusione del Vangelo non è assicurata né dal numero delle persone, né dal prestigio dell'istituzione, né dalla quantità di risorse disponibili". Lo ha detto papa Francesco durante la messa per i seminaristi, i novizi e le novizie. "Gesù manda i suoi senza "borsa, né sacca, né sandalì", ha affermato Bergoglio.

"Quello che conta è essere permeati dall'amore di Cristo, lasciarsi condurre dallo Spirito Santo, e innestare la propria vita nell'albero della vita, che è la croce del Signore", ha aggiunto papa Francesco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA