Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Nozze gay: matrimonio non solo uomo-donna

Defence Marriage Act, la legge federale, definita incostituzionale. Nozze gay parificate a etero

27 giugno, 11:16
Gay esultano per la storica sentenza della Corte Suprema Usa
Gay esultano per la storica sentenza della Corte Suprema Usa
Nozze gay: matrimonio non solo uomo-donna

NEW YORK - La Corte Suprema ha bocciato il Defence Marriage Act (DOMA), la legge federale americana secondo cui il matrimonio è solo tra uomo e donna.

USA: NOZZE GAY, BOATO DI GIOIA FUORI DA CORTE SUPREMA - Un boato di gioia, grida e applausi della folla emozionata fuori dalla Corte Suprema hanno accolto la notizia della decisione di abrogare la Doma, la legge federale Usa che nega in sostanza le nozze gay. Tantissimi con bandiere con i colori del movimento gay e striscioni da giorni attendevano questa sentenza che oggi ha un carattere storico.

USA: VITTORIA GAY, LEGGE MATRIMONIO INCOSTITUZIONALE - La Corte Suprema americana ha bocciato la legge federale che definisce matrimonio solo quello tra uomo e donna spiegando come sia incostituzionale, in quanto viola il quinto emendamento sulla difesa delle libertà individuali. Una storica vittoria per la comunità gay americana, le cui nozze ora sono parificate a quelle etero.

USA: OBAMA, NOZZE GAY STORICO PASSO VERSO UGUAGLIANZA - La sentenza di oggi della Corte Suprema sulle nozze gay è uno storico passo avanti verso l'uguaglianza. Lo ha twittato il presidente Usa Barack Obama

CORTE USA NON DECIDE SU BANDO CALIFORNIA NOZZE GAY - La Corte Suprema degli Stati Uniti spiana la strada ai matrimoni gay evitando di decidere sulla Proposition 8, la legge della California che mette al bando le nozze omosessuali. I saggi federali rimandano la decisione ad una corte dello Stato con indicazione di abolire la legge.

La Proposition 8, si spiega, sarà rimandata ad una Corte federale, con i nove saggi della Corte Suprema che indicano di seguire la strada della sua abolizione.

NOZZE GAY; FOLLA IN DELIRIO IN STORICO BAR NY - All'interno dello Stonewall Inn, storico bar gay di Greenwich Village, a Manhattan, è il delirio. Una folla enorme esulta per la storica decisione presa dalla Corte Suprema. Almeno un centinaio di persone hanno atteso con gli occhi incollati agli schermi della tv la pronuncia dei nove saggi sulla legge sul matrimonio, e il silenzio si è improvvisamente trasformato in un boato di gioia alla notizia che il Defence Marriage Act è stato dichiarato incostituzionale. "E' una giornata storica - spiega all'ANSA Johanne - la conclusione di una dura lotta". "Il presidente Obama è stato fondamentale", aggiunge Derek. E' sicuro che senza il suo appoggio questa giornata sarebbe rimasta "solo un sogno".

BLOOMBERG, PARITA' PER TUTTI E' PIU' VICINA - Il sindaco di New York Michael Bloomberg ha applaudito alla decisione della Corte Suprema sulle nozze gay: "La nostra storia è definita dall'allargamento dell'eguaglianza per tutti e la Corte - ha detto il sindaco - ci ha portato un passo più vicino".

OBAMA, E' FINITA DISCRIMINAZIONE - "Applaudo la scelta della Corte Suprema. Cancellata legge discriminatoria che trattava coppie gay innamorate e impegnate come cittadini di serie B". Dopo il primo commento su Twitter, così Barack Obama commenta con una lunga nota la scolta storica della Corte Suprema.

OBAMA DA AIRFORCE 1 A LEGALI,ORGOGLIOSO DI VOI - In volo verso Dakar, Barack Obama ha voluto comunque congratularsi con i legali californiani che hanno vinto la causa delle nozze gay davanti alla Corte Suprema. Dopo il twitter inviato a caldo, Obama ha detto loro di essere "orgoglioso" per quello che hanno fatto per la causa dell'uguaglianza. "Siamo tutti orgogliosi di voi. Con il vostro lavoro - ha detto il presidente - le cose hanno preso la strada giusta. Dovreste essere molto orgogliosi di quello che avete fatto oggi".

OBAMA, RISPETTO IDEA DEI CREDENTI - "L'amministrazione è stata sempre rispettosa a come le istituzioni religiose definiscono e consacrano il matrimonio. Questa decisione, che riguarda solo le nozze civili, non cambia questo nostro atteggiamento". Lo precisa Barack Obama nel suo comunicato ufficiale a commento della sentenza della Corte Suprema a favore delle nozze gay.

NOZZE GAY; VESCOVI, GIORNO TRAGICO, ERRORE CORTE - Un "giorno tragico per la Nazione" perché "la Corte Suprema ha sbagliato": questa la reazione dei vescovi Usa alle sentenze sulle nozze gay. "E' un giorno tragico per il matrimonio e per la nostra nazione", si legge nel comunicato della conferenza episcopale americana firmato dal presidente, l'arcivescovo di New York Timothy Dolan.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni