Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Algeria: bilancio attacco svela ecatombe, 67 morti

Stima non definitiva. Per Algeri obiettivo era distruzione sito

23 gennaio, 12:10
Strage in Algeria
Strage in Algeria
Algeria: bilancio attacco svela ecatombe, 67 morti

di Diego Minuti

TUNISI - Il governo algerino, per la prima volta dall'inizio dell'attacco al sito gasiero di In Amenas, ha squarciato oggi il velo sul bilancio ufficiale delle vittime: 37 ostaggi stranieri e uno algerino uccisi, oltre a 29 terroristi di diverse nazionalità: algerina, egiziana, tunisina, maliana, mauritana e canadese.

Un bilancio che peraltro, ha detto il primo ministro algerino, Abdelmalek Sellal, dopo un paio di giorni di totale silenzio su quanto accadeva, potrebbe non essere quello definitivo (e non soltanto perché, a tutt'oggi, mancano all'appello diversi lavoratori stranieri, se sono esatti gli elenchi forniti dalle rispettive ambasciate). Non definitivo anche perché appare ben difficile che nel feroce assalto alle postazioni in cui i terroristi si erano asserragliati, armati anche con razzi e lanciagranate, nessun elemento delle unità speciali dell'esercito algerino sia rimasto ucciso. E di militari algerini nell'elenco di Sellal non ne compaiono. Possibile certo, ma poco probabile perché i giornalisti che hanno visitato oggi il sito parlano di evidenti segni di una durissima battaglia, in cui stati sparati centinaia e centinaia di colpi e di sicuro non tutti contro i terroristi.

Ma, al momento, quelle fornite da Sellal sono le cifre ufficiali, così come tali devono essere considerate le notizie su quelli che erano i reali obiettivi degli uomini di Moctar Belmoctar, per i quali la presa di ostaggi era una sorta di 'opzione B'. Perché, secondo il premier,, i terroristi avevano il solo obiettivo di distruggere In Amenas e così bloccare quasi il 20 per cento delle esportazioni di gas algerine e, soprattutto, spingere le compagnie straniere ad andare via non solo dal sito della provincia di Illizi, ma da tutta l'Algeria, accusata di essersi schierata, con il sì al sorvolo degli aerei francesi, contro gli jihadisti che combattono in Mali. Un obiettivo, a guardare i risultati dell'operazione di bonifica che sta ancora proseguendo nel sito, che è stato a un passo dall'essere raggiunto perché gli jihadisti avevano cercato anche di fare saltare due gigantesche torri contenenti Co2, con gli effetti devastanti che potevano derivare. L'autobomba che doveva servire a questo è esplosa, ma le torri ed il loro rivestimento esterno hanno miracolosamente resistito e oggi i tecnici della Sonatrach hanno rilevato solo delle bruciature e nulla di più. Ma per sicurezza si procederà a ulteriori controlli, nella speranza di potere far riprendere l'attività estrattiva al massimo in un paio di giorni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni