Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Egitto: prima assoluta alla tv di stato In onda una giornalista velata

Polemiche per la decisione di affidare a Lamiaa Mouafi il compito di seguire la nuova presidenza

14 luglio, 20:53
Donne velate festeggiano la vittoria di Morsi
Donne velate festeggiano la vittoria di Morsi
Egitto: prima assoluta alla tv di stato In onda una giornalista velata

E' una prima assoluta per la televisione di stato egiziana. La nuova corrispondente presso la presidenza sara' una giornalista velata. Lo ha stabilito la redazione centrale dell'emittente pubblica che ha nominato Lamiaa Mouafi, scrive il quotidiano al Shorouk. La decisione ha gia' scatenato una ondata di polemiche anche se la politica di non consentire alle giornaliste velate di andare in video si e' gia' ammorbidita dopo la rivoluzione che, a febbraio dello scorso anno, ha rovesciato Hosni Mubarak.

Mouafi lavora da dodici anni alla tv pubblica e da otto porta il velo, il che l'aveva tenuta lontano dal video e le consentiva di fare i suoi servizi per la radio pubblica. Con l'avvio della campagna elettorale per le presidenziali in Egitto, le e' stato affidato l'incarico di seguire quella di Mohamed Morsi, ma anche in questo caso le sue apparizioni in video sono state poche e molto rapide. Con la vittoria del candidato della Fratellanza musulmana la televisione ha deciso di confermarla e la giornalista e' entusiasta. ''Non me lo sarei mai immaginato, non avrei pensato di poter ritornare in video'', ha commentato a caldo, riportano alcuni giornali egiziani.

Il capo redattore responsabile per i corrispondenti e inviati, Khaled Mahanna, ha ricordato che le giornaliste velate sono gia' comparse in video dopo la rivoluzione, sottolineando che questa scelta non ha nulla a che vedere con l'elezione alla presidenza di Mohamed Morsi. Mahanna ha anche negato che la nomina della nuova corrispondente alla presidenza abbia come obiettivo quello di ingraziarsi i movimenti pro Islam e la nuova presidenza del paese, sostenendo anche che rimane il divieto assoluto di andare in video per le 'barbe lunghe', simbolo dell'adesione all'islam piu' integralista. ''Non daro' mai l'autorizzazione perche' questo confermerebbe l'accusa che stiamo cercando di piacere al potere'', ha osservato. Ma non e' dello stesso parere il caporedattore responsabile dei 'mezzibusti' Amr el Shenawi. ''Non avrei nulla in contrario a conduttori con la barba, a condizione che sia presentabile'', ha affermato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni