Percorso:ANSA.it > Mondo > News

PROFILO: Saif Gheddafi, ultimo baluardo ex regime

Delfino del rais, da ponte verso occidente a capo repressione

21 novembre, 14:47

Correlati

ROMA - Con l'arresto di Saif al Islam, figlio e 'delfino' di Muammar Gheddafi, cade l'ultimo baluardo dell'ex regime del colonnello. Nelle ultime settimane, il destino della 'Spada dell'Islam' - significato del nome Saif al-Islam - e' stato avvolto nel mistero. Scappato da Sirte nelle stesse ore in cui il padre e il fratello Mutassim restavano uccisi, il braccio destro del rais e' stato dato a volte per morto, altre volte in fuga nei paesi limitrofi (si era parlato insistentemente del Niger) aiutato dai mercenari. Altre indiscrezioni riferivano invece di contatti con la Corte Penale internazionale che ha emesso per lui - cosi' come per il padre ed il suo clan - un mandato di arresto internazionale per crimini contro l'umanita'.

Contatti portati avanti da intermediari, aveva confermato il procuratore generale della Cpi, Moreno Ocampo. Ultimo del clan Gheddafi a restare vivo in patria, Saif, con lo scoppio della rivolta si e' trasformato da 'colomba' in uno dei principali artefici della feroce repressione contro gli oppositori, sorprendendo un po' tutti. Questo potente ingegnere 39enne che ha studiato in Austria e Gran Bretagna era infatti noto come il piu' illuminato e riformista della famiglia del rais. Sfrontato, colto, abile oratore, preferito dai libici ai suoi sette fratelli, Saif in passato si era imposto come il principale interlocutore dell'Occidente nei complessi rapporti internazionali della Grande Jamahirya ed era stato a lungo a capo di una potente ong umanitaria, la Fondazione Gheddafi. Poi, nel 2008, il ritiro ufficiale dalla politica e l'accesa rivalita' con Mutassim per la successione al Colonnello lo avevano un po' emarginato senza pero' intaccarne l'influenza politica.

Con lo scoppio della rivolta Saif e' tornato protagonista imponendosi come il volto della 'resistenza', ribadendo al mondo intero che ne' lui, ne' il padre avrebbero mai lasciato la Libia. All'inizio di settembre, uno dei suoi gridi di battaglia ha interrotto i negoziati che il fratello Saadi stava intavolando con le forze del Cnt. Saadi, pochi giorni dopo, ha ripiegato in Niger. Saif e' rimasto, fino alla fine. Fino a quando sulla parabola di Gheddafi non sono scesi i titoli di coda.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni