Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Russia: blitz sarebbe errore grave Francia, uso forza destabilizzante

Cresce paura attacco all'Iran. Cina avverte: 'No all'uso delle armi'

08 novembre, 14:33
Esercitazione a Tel Aviv
Esercitazione a Tel Aviv
Russia: blitz sarebbe errore grave Francia, uso forza destabilizzante

Un intervento militare contro l'Iran sarebbe un "errore molto grave con conseguenze imprevedibili": lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov, citato dall'agenzia Itar-Tass.

FRANCIA, USO FORZA DESTABILIZZANTE  - Un attacco militare contro le installazioni nucleari iraniane creerebbe una situazione "totalmente destabilizzante": lo ha sottolineato oggi il ministro degli Esteri francese, Alain Juppé, spiegando che la Francia punta piuttosto a inasprire le sanzioni contro Teheran.

"Possiamo ancora inasprire le sanzioni, per fare pressione sull'Iran, e stiamo insistendo su questa linea perché un intervento militare creerebbe una situazione totalmente destabilizzante nella regione", ha detto il ministro a radio Europe 1. "Dobbiamo fare tutto per evitare l'irreparabile". La scorsa settimana il presidente Nicolas Sarkozy ha criticato quello che ha definito il "desiderio ossessivo" di Teheran di sviluppare armi atomiche.

NUCLEARE: CRESCE PAURA ATTACCO ALL'IRAN. CINA AVVERTE: 'NO ALL'USO DELLE ARMI' - Cresce l'allarme internazionale sulla possibilita' che Israele decida di attaccare le postazioni nucleari iraniane, ma aumentano anche le voci che invitano alla prudenza. Da Berlino - che ha chiesto una soluzione diplomatica sul programma nucleare iraniano - alla Cina, che oggi avverte: Teheran sia flessibile con l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), ma no all'uso delle armi, anche per evitare nuove tensioni in Medio Oriente. Nei giorni scorsi la stampa israeliana aveva ripetutamente dato conto dei progetti di un possibile attacco militare, pur evidenziando come su questa ipotesi, caldeggiata dal primo ministro Netanyahu e dai ministri degli Esteri e della Difesa, vi fossero dissensi anche nello stesso esecutivo.

E oggi il sito del quotidiano israeliano Haaretz ha evidenziato le dichiarazioni di un alto funzionario militare americano, rimasto anonimo, secondo cui gli Usa temono che Israele possa attaccare senza avvertirli - cosa che prima mai sarebbe potuta accadere. Ma intanto cresce appunto il fronte che invita alla prudenza, e non solo in Israele, dove ieri lo stesso capo dello Stato Shimon Peres si e' mostrato preoccupato, cosi' come gli ex capi del Mossad Meir Dagan ed Efraim Halevy. Da parte iraniana - dopo che il capo di stato maggiore delle forze armate, Hassan Firouzabadi, aveva avvertito che una minaccia militare israeliana avrebbe comportato gravi perdite anche per gli Usa - si registra oggi l'implicita risposta della Guida suprema Ali Khamenei.

L'Occidente, gli Usa e il regime sionista non sono mai stati cosi' deboli, ha detto in sostanza in un messaggio ai pellegrini iraniani alla Mecca impegnati nel loro annuale raduno anti-americano e anti-israeliano. Tra gli ancora scarsi segnali di attenzione sulla stampa iraniana, figurava stamani un articolo nelle pagine interne di Iran Daily a firma dello scrittore israeliano Uri Avnery, intitolato ''Perche' Israele non attacchera' l'Iran''. Ma oggi sul sito della statale Press Tv sono apparsi gli articoli di due analisti iraniani, Ismail Salami e Arash Zahedi, convinti che un attacco militare sarebbe un suicidio militare per Israele e controproducente sul piano internazionale.

Sul fronte ufficiale tengono invece gli altri due elementi su cui poggia la triplice morsa della pressioni internazionali che si sta stringendo contro Teheran: le accuse statunitensi di aver ordito un complotto terroristico per assassinare l'ambasciatore saudita a Washington, quotidianamente respinte da Teheran che contrattacca accusando di terrorismo gli Usa, e le indiscrezioni sul prossimo rapporto dell'Aiea che sostanzierebbe con nuovi elementi i sospetti che il programma nucleare dell'Iran avrebbe obiettivi militari. Rapporto che Teheran non sembra temere, almeno a giudicare da quanto dichiarato dal ministro degli esteri Ali Akbar Salehi. ''Se l'Aiea fosse imparziale - ha detto -lavorerebbe in modo professionale e non sotto la pressione'' di ''Paesi stranieri'' ostili all'Iran.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni