Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Napolitano:si chiude pagina drammatica

Berlusconi: 'Sic transit gloria mundi, ora la guerra e' finita'. Medvedv: 'Cattura e' una bella notizia'

21 ottobre, 08:18

NAPOLITANO, SI CHIUDE UNA PAGINA DRAMMATICA - Presidente, cosa cambia con la morte di Gheddafi? "Si chiude una drammatica pagina in Libia. C'é solo da augurarsi che si costruisca un Paese nuovo, libero e unito", ha risposto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, lasciando la restaurata Domus Mazziniana di Pisa per fare ritorno a Roma.

BERLUSCONI - "Sic transit gloria mundi". E' il commento che Silvio Berlusconi avrebbe fatto sulla cattura di Gheddafi durante il gruppo del Pdl, secondo quanto riferito da alcuni presenti. Il premier avrebbe aggiunto: "Ora la guerra è finita"

MEDVEDEV, CATTURA E' BELLA NOTIZIA - La cattura del leader libico Gheddafi è una "bella notizia": così il leader del Cremlino Dmitri Medvedev ha risposto ad una giornalista nella conferenza stampa congiunta con il premier olandese, dicendo di concordare con lui. "Il premier olandese l'ha già detto, è una bella notizia", ha replicato. Lo riferisce l'agenzia Itar-Tass.

BARROSO E VAN ROMPUY, FINITA ERA DISPOTISMO - La "riferita morte" di Muhammar Gheddafi "segna la fine di un'era di dispotismo e repressione della quale il popolo libico ha sofferto troppo a lungo". Così i vertici Ue, il presidente della Commissione José Manuel Barroso ed il presidente permanente del Consiglio Herman Van Rompuy, in una dichiarazione congiunta.

CLINTON, FINE GHEDDAFI NON SIGNIFICA FINE VIOLENZE - Il segretario di Stato Usa Hillary Clinton ha affermato di non poter confermare la cattura o la morte dell'ex leader libico Muammar Gheddafi, ma ha aggiunto che se le notizie che arrivano da Tripoli saranno confermate, si tratterà di uno sviluppo significativo. Parlando a Kabul con la Cbs, che lo riferisce nel suo sito web, la Clinton ha inoltre affermato di non ritenere che comunque la fine di Gheddafi porterà alla fine dei combattimenti in Libia.

FRATTINI, GRANDE VITTORIA POPOLO LIBICO - L'uscita di scena di Gheddafi "sarebbe una grande vittoria del popolo libico, la Libia sarebbe definitivamente liberata, si potrebbe costituire quel Governo libico che tutti attendiamo per andare verso elezioni democratiche". Lo ha sottolineato il ministro degli Esteri Franco Frattini. La conferma del Cnt sulla morte di Gheddafi", ha detto Frattini, arrivando a Bolzano al business forum delle associazioni degli industriali italiana e tedesca, "é un dato estremamente importante" "Ascolteremo le parole del presidente Jalil", ha aggiunto. Intanto, sottolinera, "credo che se questa fosse davvero la soluzione sarebbe una grande vittoria del popolo libico, la Libia sarebbe definitivamente liberata, si potrebbe costituire quel Governo libico che tutti attendiamo per andare verso elezioni democratiche".

BOSSI, ADESSO A CASA LIBICI CLANDESTINI - "Ora bisogna mandare i clandestini libici a casa". Il leader della Lega Nord, Umberto Bossi, commenta così l'annuncio della morte di Muammar Gheddafi.

JUPPE', FRANCIA FIERA DI AVER AIUTATO POPOLO LIBICO - La Francia è "fiera" di aver aiutato il popolo libico. Lo ha detto oggi il ministro degli Esteri francese, Alain Juppé.

BAN KI-MOON, ORA FERMARE COMBATTIMENTI - Per la Libia si tratta di una "transizione storica". Ora bisogna fermare i combattimenti. Così il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-Moon, commenta la morte del colonnello Muammar Gheddafi.

CARD. BERTONE, LAVORARE PER LA PACIFICAZIONE - "Dobbiamo pregare perché si lavori per la pacificazione del Paese e per la democrazia". Lo ha detto il segretario di Stato Vaticano card. Tarcisio Bertone. "Dobbiamo lavorare per il popolo libico e perché tutti cooperino per la ricostruzione".

SARKOZY, SI APRE PAGINA NUOVA POPOLO LIBICO - "Una nuova pagina si apre per il popolo libico, quella della riconciliazione nell'unità e nella libertà": lo si legge in un comunicato dell'Eliseo sugli ultimi avvenimenti in Libia.

OBAMA, FINE DI UN DOLOROSO CAPITOLO - "E' la fine di un doloroso capitolo" in Libia. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. "Avete vinto la vostra rivoluzione, ora avete una grande responsabilità": così dal Giardino delle rose Obama, si è rivolto al popolo libico.

S.SEDE RICONOSCE CNT, IMPEGNO PER POPOLO LIBICO - La Santa Sede considera il Cnt come "legittimo rappresentante del Popolo libico". E ora che "con la morte di Gheddafi si chiude la troppo lunga e tragica fase della lotta sanguinosa per l'abbattimento di un regime duro e oppressivo", la Santa Sede si impegnerà in favore del popolo libico. E' quanto rende noto la sala stampa vaticana.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni