Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Trans australiani, sul passaporto c'e' una X

Si potra' indicare il sesso indeterminato, basta una lettera del medico

16 settembre, 16:22
Una trans al gay pride
Una trans al gay pride
Trans australiani, sul passaporto c'e' una X

SYDNEY - L'Australia ha introdotto nuove disposizioni nei suoi passaporti che consentono ai suoi cittadini di nominare il proprio genere ufficiale come maschio, femmina o indeterminato, senza dover completare le operazioni chirurgiche di cambiamento di sesso.

Secondo le nuove linee guida introdotte dal Dipartimento degli Esteri, sarà sufficiente una lettera di supporto del proprio medico, e sarà possibile identificare il sesso di propria scelta selezionando Male, Female o X (indeterminato). Prima d'ora era possibile cambiare genere nel passaporto solo dopo aver subito un'operazione di cambiamento di sesso, o se si era in viaggio per ottenerla.

La senatrice laburista Louise Pratt, il cui compagno è un transessuale nato femmina, ha osservato che i viaggi internazionali possono essere molto pericolosi per le persone il cui aspetto non corrisponde al sesso indicato nel passaporto. "Vi sono stati moltissimi casi di persone detenute in aeroporto in paesi stranieri, in episodi molto angoscianti e talvolta pericolosi", ha detto. "E' veramente una buona notizia per il mio compagno. Ora potremo viaggiare all'estero senza problemi".

Le nuove disposizioni sono state introdotte per prevenire la discriminazione contro i transessuali. "La maggior parte delle persone danno per scontata la possibilità di viaggiare liberamente e senza timore di discriminazione", ha detto il ministro della Giustizia Robert McClelland. "Questa misura estenderà le stesse libertà agli australiani con diversità di genere".

Il Dipartimento degli Esteri ha tuttavia avvertito che i problemi possono perdurare quando si attraversano alcuni confini internazionali, perché il passaporto è considerato un documento di identità secondario, ed è più importante il certificato di nascita, che dipende dalle leggi statali e non federali. E nella maggioranza degli stati australiani non è possibile registrare il cambiamento senza prova delle operazioni chirurgiche.

La notizia è stata accolta con soddisfazione dalle comunità dette transgender e intersex, che hanno chiesto che anche i governi statali facciano seguito, disponendo che anche i certificati di nascita possano essere alterati senza il prerequisito dell'operazione chirurgica. Sarebbe necessaria una riforma nazionale, ha commentato la senatrice Pratt. "Spero proprio che nella riforma delle leggi antidiscriminazione, che é attualmente in corso, sia la sessualità che il genere vengano riconosciuti come fattori di discriminazione", ha detto.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni