Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Costa d'Avorio: battaglia ad Abidjan, Gbagbo non cede

Il presidente destituito: "Non ho intenzione di arrendermi"

02 aprile, 08:43
Abidjan
Abidjan
Costa d'Avorio: battaglia ad Abidjan, Gbagbo non cede

di Chiara Rancati

PARIGI - Si continua a combattere per le strade di Abidjan, intorno al palazzo presidenziale nel quartiere di Plateau e alla residenza del presidente destituito Laurent Gbagbo. Il quale, nonostante le numerose defezioni tra i suoi sostenitori e l'inesorabile avanzata delle truppe del rivale Alassane Ouattara, non accenna a desistere. ''Non ha intenzione di abdicare o arrendersi a un qualsiasi ribelle'', ha spiegato alla stampa in mattinata il suo rappresentante in Europa, Toussaint Alain, accusando Ouattara di ''colpo di Stato post-elettorale''. Gbagbo resta nella capitale ivoriana, con tutta la sua famiglia, difeso strenuamente dalla Guardia repubblicana e dalle forze speciali. Nella zona del suo palazzo, per tutta la giornata si sono sentiti intensi scambi di colpi di armi pesanti e fucili automatici e i suoi sostenitori hanno affermato in serata di aver respinto l'offensiva dei Pro-Ouattara. Nel resto della citta' di Abidjan, capitale economica e demografica del Paese, la gente si e' barricata in casa per paura degli scontri e dei saccheggi, mentre e' salito a 700 il numero di stranieri rifugiatisi nel campo sorvegliato da militari francesi. La giornata di oggi ha fatto inoltre registrare la prima vittima tra il personale Onu nel Paese: si tratta di una giovane donna svedese, colpita presumibilmente da una pallottola vagante mentre si trovava nella sua abitazione. Intanto, si moltiplicano gli appelli delle organizzazioni internazionali a Gbagbo perche' lasci il potere al piu' presto. A quello lanciato ieri dal segretario generale dell'Onu, Ban Ki Moon, si sono aggiunti oggi quelli dell'Unione Africana, per bocca del presidente della Commissione Jean Ping, e della Comunita' economica degli Stati dell'Africa dell'ovest (Cedeao), che chiedono al presidente destituito di andarsene ''per alleviare le sofferenze del popolo ivoriano''. In serata, e' stata la Francia ad intimare a Gbagbo di ''ritirarsi immediatamente, far cessare le violenze e cedere pacificamente il potere'', dopo una riunione straordinaria tra il presidente Nicolas Sarkozy e alcuni ministri sulla situazione ivoriana. L'instabilita' della Costa d'Avorio, uno dei principali bacini agricoli africani, comincia nel frattempo ad avere ripercussioni sui mercati delle materie prime alimentari. A partire dal cacao, il cui prezzo, schizzato alle stelle nei mesi scorsi, continua inesorabilmente a scendere dall'inizio della settimana. La Costa d'Avorio e', infatti, il primo produttore al mondo di cacao, con oltre 1,3 milioni di tonnellate all'anno, pari al 40% circa della produzione globale, e gli operatori temono ora, dopo mesi di scarsita' per l'incertezza della situazione politica, un improvviso picco di offerta. Il cacao non e' pero' l'unica ricchezza ivoriana: nel Paese abbondano infatti anche le coltivazioni di caffe' (oltre 250 mila tonnellate all'anno, tra i primi 10 produttori al mondo), palme da olio e da cocco, cotone, cereali come mais e tapioca e frutta esotica. In rapida espansione, inoltre, l'estrazione di petrolio, cresciuta di oltre il 70% nei primi anni Duemila e diventata oggi la prima voce di esportazione, nonostante lo sfruttamento delle riserve sia difficoltoso a causa delle caratteristiche geologiche del suolo.

CICR: 800 MORTI MARTEDI' A DUEKOUE' - ''Almeno 800 persone'' sono state uccise martedi' scorso in violenze a Duekoue', nell'ovest della Costa d'Avorio. Lo ha reso noto oggi il Comitato internazionale della Croce rossa (Cicr), citando informazioni raccolte sul posto.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni