Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Brasile, terra d'asilo e di latitanze

Vi cerco' rifugio anche Buscetta,il'boss dei due mondi'

01 gennaio, 18:34
Rousseff e Lula
Rousseff e Lula
Brasile, terra d'asilo e di latitanze

ROMA - Il Brasile e' da tempo un paese nel quale latitanti italiani - e anche super-latitanti, come Tommaso Buscetta - cercano rifugio, a tale punto che piu' di una decina di anni fa, nel 1999, il Servizio Centrale Operativo della polizia chiese alle autorita' locali di tracciare una ''mappa'' dei numerosi mafiosi che vi risiedevano, oltre ai 16 per i quali gia' allora si era richiesta l'estradizione. Buscetta, noto come ''il boss dei due mondi'' fu arrestato in Brasile il 24 marzo del 1983, e successivamente estradato in Italia, dove - sconvolto dal tradimento di Pippo Calo' - inizio' a collaborare con il giudice antimafia Giovanni Falcone, dopo essere stato separato dalla sua giovanissima moglie brasiliana, Cristina.

Ma Buscetta e' solo il nome piu' noto di una lunga lista, che include anche Antonino Salamone, il boss della famiglia mafiosa di San Giuseppe Iato, che fu arrestato nel 1993, quando aveva 75 anni, nella sua casa di San Paolo. Brasile rifugio di mafiosi e narcotrafficanti, ma anche di terroristi e militanti di gruppi estremisti, di destra e di sinistra, come Cesare Battisti. Ma anche Gaetano Orlando, ex appartenente al neofascista Movimento di Azione Rivoluzionaria (Mar) arrestato a Foz de Iguacu nel maggio dell'83 e successivamente estradato in Italia. Luciano Pessina, ex Brigate Rosse, arrestato nell'agosto del 1996 a Rio, riusci' invece a sfuggire all'estradizione, giacche' il Tribunale Federale Supremo (Tfs) stabili' che due dei delitti per i quali era stato condannato erano prescritti e il terzo doveva essere considerato come un'azione politica, e non un atto terroristico. Lo stesso avvenne tre anni prima con Achille Lollo, ex Potere Operaio, condannato per l'attentato contro la casa di un esponente missino a Roma, nel quale morirono tra le fiamme due figli del politico: il Tsf ritenne che l'intervallo di 11 anni fra una prima sentenza di assoluzione nel 1975 e la condanna nel 1986, in base alle leggi brasiliane, invaliderebbe il secondo processo.

Tutte le risoluzioni riguardanti le estradizioni di italiani latitanti, tanto per fatti di criminalita' comune come per violenza politica, sono pero' state prese autonomamente dal Tsf, contrariamente al caso di Cesare Battisti, in cui e' la presidenza a dire l'ultima parola. Ma i due casi piu' noti di mancata estradizione di latitanti stranieri in Brasile non concernono l'Italia. L''ex dittatore paraguayano Alfredo Stroessner mori' in esilio a Brasilia nel 2006, dopo essere stato condannato nel suo paese per crimini contro l'umanita' nel 1997, e Ronald Biggs, il britannico protagonista della mitica Grande Rapina al Treno (1966) che dopo 35 anni di esilio dorato sulle spiagge di Rio e' tornato volontariamente in Inghilterra nel 2001.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni