Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Venezuela: si schianta aereo con 51 a bordo

Almeno 15 le vittime. La Farnesina sta verificando l'eventuale presenza di italiani

14 settembre, 12:56
archivio
archivio
Venezuela: si schianta aereo con 51 a bordo

CARACAS - Almeno 15 morti, quattro dispersi e anche molti superstiti, 36, alcuni gravemente feriti: è il bilancio dello schianto ieri in Venezuela di un aereo con 51 persone a bordo, precipitato vicino alla città di Puerto Ordaz, forse a causa di un errore del pilota.

Una parte consistente del velivolo è andata distrutta a causa delle fiamme, hanno rilevato gli uomini della protezione civile accorsi sul posto. La tragedia, hanno aggiunto i media di Caracas, è avvenuta in mattinata mentre l'aereo - un Atr-42 della compagnia statale Conviasa - proveniente dalla località turistica dell'Isola della Margarita, era in fase di atterraggio a una decina di chilometri dall'aeroporto 'Manuel Carlos Piar' di Puerto Ordaz. A bordo dell'aereo c'erano 51 persone (47 passeggeri, 4 membri d'equipaggio), ha precisato il governatore dello stato di Bolivar, Francisco Rangel Gomez, che ha coordinato le operazioni di soccorso, mentre per molte ore dopo l'incidente le fonti del governo avevano riferito di un totale di 47 persone a bordo. I 36 superstiti sono ricoverati negli ospedali della zona, ha aggiunto Rangel Gomez, ricordando che i morti sono 15 e che ci sono 4 dispersi: ''Li stiamo cercando'' nel luogo dove e' avvenuto l'incidente, ha precisato il governatore. Anche se gli inquirenti stanno ancora cercando di capire le cause dell'incidente, a quanto pare la responsabilità e' del pilota, Ramiro Caceres, il quale poco prima dello schianto ha avvertito via radio lo scalo di Puerto Ordaz che aveva perso ''il controllo'' del velivolo. Ma altre fonti citate da media locali riferiscono di problemi meccanici dell'aereo subito dopo la partenza dalla Margarita, rilevando inoltre che il pilota avrebbe tentato l'ammaraggio nelle acque del fiume Orinoco, per poi decidere invece di provare l'atterraggio a Ordaz. Il velivolo si è schiantato in un'area industriale, a due passi dagli stabilimenti del gruppo Sidor (Siderurgia de Orinoco) che, fino alla sua nazionalizzazione qualche mese fa da parte del governo di Hugo Chavez, apparteneva al gruppo italo-argentino Techint. Per fortuna - ha aggiunto Rangel Gomez - nel punto in cui l'aereo si è schiantato non c'erano impiegati né operai della Sidor, e anche i danni materiali sono stati molto limitati. I primi soccorsi - ha concluso - sono giunti molto rapidamente, proprio per la vicinanza del luogo dell'incidente con lo stabilimento, che conta su una squadra di pompieri.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni