Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Attacco metro Mosca, identificati organizzatori

Sono una donna daghestana e una cecena. Medvedev a sorpesa nella Repubblica caucasica

02 aprile, 16:22
Esplosione in Daghestan, due morti
Esplosione in Daghestan, due morti
Attacco metro Mosca, identificati organizzatori

MOSCA - Il comitato nazionale antiterrorismo ha reso noto ufficialmente che sono stati identificati gli organizzatori e alcuni esecutori degli attentati alla metro di Mosca e nella città daghestana di Kizliar. Lo riferisce l'agenzia Itar-Tass. L'identità degli organizzatori non è stata resa nota, anche se l'altro ieri l'attentato alla metropolitana di Mosca era stato rivendicato dal capo dei ribelli del Caucaso del Nord, Doku Umarov. In particolare, una delle due donne kamikaze che hanno colpito nel metrò della capitale è stata identificata come "Zhannet Abdurakhmanova (Abdullaieva)", una diciasettenne daghestana. Nessuna conferma per ora sulla seconda kamikaze alla metro di Mosca, che ieri alcuni media indicavano in Markha Ustarkhanova, una cecena di 20 anni, vedova di un guerrigliero ceceno, Said-Emin Khazriev, eliminato nell'ottobre scorso durante la preparazione di un attentato contro il presidente ceceno Ramzan Kadyrov.

KAMIKAZE STAZIONE LUBIANKA AVEVA 17 ANNI - Aveva 17 anni la donna kamikaze che lunedì scorso si e' lasciata esplodere nella stazione Lubianka della metro di Mosca, nel primo dei due attentati costati la vita a 39 persone. Lo riferisce l'agenzia Interfax citando una fonte del ministero dell'interno del Daghestan: la giovane viveva in questa repubblica caucasica, nel villaggio Kostek, del distretto di khasaviurt, anche se non e' chiaro a quale etnia appartenesse (potrebbe anche essere cecena). La notizia appare anche sul quotidiano Kommersant, che pubblica la foto della ragazza insieme a suo marito, Umalat Magomedov, ribatezzato Albar, un capo guerriglia daghestano ucciso il 31 dicembre scorso in una sparatoria seguita ad un controllo stradale di routine: entrambi sono immortalati con una pistola in mano, dentro una casa. L'identità dell'altra kamikaze, quella che ha agito nella stazione Park Kulturi della metro moscovita, era già trapelata ieri: Markha Ustarkhanova, una cecena di 20 anni, vedova di un guerrigliero ceceno, Said-Emin Khazriev, eliminato nell'ottobre scorso durante la preparazione di un attentato contro il presidente ceceno Ramzan Kadyrov.

 
DAGHESTAN, UFFICIALE POLIZIA SFUGGE AD ATTENTATO - Spari oggi in Daghestan contro l'auto di un ufficiale di polizia, che tuttavia e' rimasto illeso: lo riferiscono le agenzie citando il ministero dell'interno locale. L'attacco e' avvenuto lungo la strada che collega i villaggi di Aksai e Grenbenskaya nel distretto di Khasaviurt. La vettura del poliziotto e' rimasta danneggiata. Attentati del genere sono quasi all'ordine del giorno in Daghestan ma, dopo i recenti attentati alla metro di Mosca e nella citta' daghestana di Kizlyar contro la polizia locale, il rischio e' quello di una escalation della tensione.
 
RAFFORZATA SICUREZZA IN VISTA DI PASQUA - All'indomani dei recenti attentati, la Russia ha deciso di rafforzare le misure di sicurezza in vista della Pasqua ortodossa, la festività religiosa piu' importante del Paese e che quest'anno coincide con quella della Chiesa Cattolica. Lo riferiscono alcuni media russi.
 
La partita prevista per domani a Mosca allo stadio Luzhniki tra Cska e Zenit e' stata rinviata al 14 aprile per l'impossibilita' di garantire la sicurezza da parte delle forze dell'ordine, impegnate in questo weekend a sorvegliare edifici religiosi e trasporti: solo a Mosca sono previste messe in quasi 300 tra chiese e monasteri. Il Cska ha confermato invece all'ANSA che martedì, nello stesso stadio, si giocherà la partita di Champions contro l'Inter. Padre Vsevolod Chaplin, responsabile del Patriarcato per i rapporti tra la Chiesa e la società, si e' detto ''assolutamente certo che ogni credente, ogni cristiano ortodosso non avrà alcuna paura di partecipare alla messa anche se la minaccia terroristica e' reale''. ''Aiuteremmo i terroristi, se avessimo paura'', ha aggiunto.

Ieri intanto il leader del Cremlino Dmitri Medvedev e' volato a sorpresa in Daghestan e ha chiesto il pugno di ferro nella lotta contro il terrorismo. I servizi segreti (Fsb), all'indomani della rivendicazione del leader dei ribelli Doku Umarov, hanno annunciato intanto di conoscere l'identità degli organizzatori dei recenti attentati alla metro di Mosca e in Daghestan, dove ieri due persone sono saltate accidentalmente in aria in un'auto imbottita di esplosivo.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni