Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Berlusconi: Israele fermi insediamenti e renda Golan

Colloquio bilaterale con il presidente siriano Bashar Al-Assad

27 marzo, 21:42
Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi
Berlusconi: Israele fermi insediamenti e renda Golan

dell'inviato Luigi Ambrosino

SIRTE (LIBIA) - Per ridare "una chance alla pace", Israele deve fermare l'espansione edilizia a Gerusalemme Est e restituire i territori occupati dopo il '67, a partire dalle alture siriane del Golan. Nel giorno del 'silenzio elettoralé, mentre dall'Italia rimbalzano segnali di un clima sempre più arroventato, Silvio Berlusconi si ritaglia uno spazio di politica estera e vola a Sirte, in Libia, per partecipare al 22/esimo vertice della Lega Araba e 'consigliare' agli "amici israeliani", pressati da Stati Uniti e Europa, una svolta in Medio Oriente.

L'aereo del premier atterra nella città libica affacciata sul Mediterraneo quando sono da poco passate le 8 del mattino. Sulla pista dell'aeroporto, circondata dal deserto, Berlusconi trova subito Muammar Gheddafi che lo saluta a braccia aperte tra un tripudio di canti e coloratissime danze berbere. Un veloce colloquio con il presidente siriano Bashar al Assad sotto una tenda variopinta fatta montare dal Colonnello per accogliere i leader e poi subito via al 'Sirt Congress Hall Complex'. Prima di infilarsi nella sala del vertice però, il Cavaliere si concede ancora una passeggiata tra le bancarelle del piccolo 'suk' allestito all'ingresso della struttura, tra strette di mano e sorrisi ai commercianti che gli regalano tappeti, tuniche arabe, piatti d'argento e un assaggio di deliziosi datteri. Attorno a lui cominciano a sfilare le delegazioni in arrivo. Entrano il sovrano giordano Abdallah II, il premier turco Recep Erdogan, l'emiro del Qatar, l'amico presidente tunisino Ben Ali e poi ancora il segretario generale dell'Onu Ban Ki Moon e il leader palestinese Abu Mazen. Sarà davanti a loro, poco dopo, che Berlusconi - unico leader occidentale invitato al summit da Gheddafi - manderà un messaggio chiaro ad Israele, evocando le stesse preoccupazioni espresse dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano durante il suo recente viaggio a Damasco.

L'aria che tira tra gli arabi (come confermerà Abu Mazen nel suo applauditissimo intervento) è il rifiuto di qualsiasi negoziato - anche indiretto - se prima Israele non congela gli insediamenti, soprattutto nei quartieri palestinesi di Gerusalemme. Ed è in questo contesto, dice allora Berlusconi quando arriva il suo turno, che l'Italia "ha ribadito ad Israele che le recenti decisioni riguardanti gli insediamenti, specie a Gerusalemme Est, sono controproducenti e possono compromettere seriamente le possibilità di ripresa del dialogo". Un dialogo che deve comprendere l'intero scenario regionale, che preveda anche la soluzione del conflitto con Beirut e Damasco, e quindi, "il ritorno delle alture del Golan alla Siria". Insomma, per uscire dall'isolamento, suggerisce Berlusconi, Israele "ascolti la voce degli amici, come quella dell'Italia e degli Stati Uniti", e Benyamin Netanyahu compia "gesti concreti" per migliorare le condizioni di vita dei palestinesi, a cominciare da Gaza, dove la situazione è ormai diventata "intollerabile".

Sono richieste forti, che il premier bilancia con un appello alla "moderazione" lanciato ai leader arabi. Poi il messaggio lanciato 'Oltreoceano', alla Casa Bianca di Barack Obama: "Credo molto nell'impegno del presidente Obama e della sua amministrazione. E' questo il momento di dare una chance alla pace. Ne abbiamo la possibilità. Ne portiamo la responsabilità. Ne sentiamo l'urgenza". L'orizzonte rimane sempre quello dei 'due popoli-due Stati', con la creazione di quello palestinese, dice Berlusconi raccogliendo gli auspici del 'Quartetto', da completare al massimo nel giro di due anni.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni