Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Papa Wojtyla, dubbi su miracolo il Vaticano smentisce

Stampa polacca, perplessita' sull'intercessione di Giovanni Paolo II nella guarigione di una suora

04 marzo, 19:03
Papa Wojtyla
Papa Wojtyla
Papa Wojtyla, dubbi su miracolo il Vaticano smentisce

CITTA' DEL VATICANO - Un giornale polacco ha oggi ipotizzato che la causa di beatificazione di Giovanni Paolo II possa subire rallentamenti per perplessità sul miracolo attribuito all'intercessione di Wojtyla, ovvero la guarigione dal Parkinson di una suora francese. Ma la notizia è stata definita nel pomeriggio "assolutamente priva di fondamento" da fonti autorizzate vaticane.

Le perplessità espresse dal giornale polacco 'Rzeczpospolita' sono subito rimbalzate in Italia e amplificate; qualcuno si è spinto a scrivere che la Congregazione per le Cause dei Santi avrebbe già chiesto al postulatore della causa di beatificazione, Slawomir Oder, di cambiare miracolo (sono centinaia quelli attribuiti al papa polacco) e di ricominciare la procedura. Cosa che risulta falsa. Ufficialmente né la Congregazione per la Causa dei Santi né il postulatore possono intervenire con dichiarazioni, perché l'accertamento del miracolo da attribuire a Wojtyla si trova in una fase "sotto segreto" istruttorio.

Una fonte autorizzata vaticana fa tuttavia notare che l'esame del miracolo, al momento quello della guarigione della suora francese dal Parkinson, è alle sue prime battute: è ancora al lavoro una prima commissione di periti, i quali dovranno trasmettere il loro parere alla commissione medica, la quale si riunirà probabilmente dopo Pasqua. Il parere medico sarà poi riportato ai teologi e quindi alla commissione dei cardinali. Il miracolo dunque è "sub judice", sotto analisi e una sua convalida (o anche una bocciatura) potrà avvenire solo in una fase successiva. Secondo il giornale polacco, la suora francese miracolata, Marie Simon-Pierre, potrebbe aver sofferto non del Parkinson, che è incurabile, ma di una malattia del sistema nervoso analogo, che invece sarebbe guaribile. Il quotidiano cita il parere di un neurologo polacco, prof. Grzegorz Opala, secondo il quale in certi tipi di malattie simili al Parkinson, provocati da traumi, avvelenamenti o farmaci, i sintomi della malattia scompaiono interrompendo la somministrazione dei medicinali. Se il caso di suor Marie Simon-Pierre dovesse essere scartato, il postulatore potrebbe indicare uno degli altri 251 casi registrati come potenziali miracoli avvenuti per intercessione di Giovanni Paolo II. In quel caso, secondo Rzeczpospolita, l'accertamento di una guarigione inspiegabile dovrebbe ricominciare e perciò la beatificazione di Karol Wojtyla subirebbe inevitabilmente un rinvio.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni