Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Nobel Pace a Obama, scettico Osservatore Romano

'Oscilla sulla bioetica'. Il presidente del comitato difende la scelta

10 ottobre, 21:41

Barack Obama

Barack Obama

CITTA' DEL VATICANO - Il Nobel per la pace assegnato al presidente degli Stati Uniti Barack Obama "ha colto tutti un po' di sorpresa" - Osservatore Romano incluso - perché "sarebbe difficile definire il presidente un pacifista a tutto tondo" alla luce anche della sua "politica oscillante nei confronti dei grandi temi bioetici" a partire dall'aborto, tema che Madre Teresa di Calcutta, Nobel nel 1979, definì "la guerra più dura" e "col maggior numero di caduti". Lo scrive oggi Lucetta Scaraffia sul quotidiano della Santa Sede.

Il premio Nobel per la pace, afferma l'Osservatore Romano, "suscita ancora una volta perplessità e critiche" per i criteri di designazione "spesso influenzati da un pensiero politicamente corretto". I provvedimenti presi da Obama "sul piano dell'impegno militare statunitense in Iraq e in Afghanistan - osserva il quotidiano della Santa Sede - sembrano collocarsi a metà strada tra una fedeltà ai principi pacifisti proclamati durante la campagna elettorale e una politica più realistica, che qualcuno ha definito addirittura come continuazione di quella del 'guerrafondaio' Bush'". Una "politica oscillante molto simile a quella tenuta dal presidente americano nei confronti dei grandi temi bioetici innanzi tutto a proposito dell'aborto, che tante polemiche ha suscitato fra i cattolici". "Ricevendo l'ambito riconoscimento - prosegue l'Osservatore romano - Obama dovrebbe ricordare che nel 1979 è stato preceduto da madre Teresa di Calcutta, la quale ebbe il coraggio, nella sua dichiarazione ufficiale in occasione della consegna del premio, di ricordare che la guerra più dura, e con il maggior numero di 'caduti', è la pratica dell'aborto, legalizzato e facilitato anche dalle strutture internazionali".

A difesa della scelta e' invece sceso in campo il presidente del comitato per il Nobel per la pace, Thorbjoern Jagland, che ha risposto alle critiche per l'assegnazione del premio, considerata da molti "prematura", sottolineando che al contrario c'era il rischio di ricompensare il presidente americano "troppo tardi". "Qualcuno può indicarmi chi ha fatto di più quest'anno?", ha chiesto Thorbjoern Jagland durante una conferenza stampa al centro del Nobel per la Pace di Oslo. "E' difficile designare un vincitore del premio per la Pace che sia più vicino di Obama al testamento di Alfred Nobel", ha dichiarato Jagland, secondo quanto riportato dal quotidiano Dagbladet. Alle perplessità di molti per l'assegnazione del premio a Obama a soli nove mesi dal suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente del Comitato ha risposto che "avremmo anche potuto darglielo troppo tardi. Noi catturiamo l'aria del tempo, la necessità dell'epoca". Ieri, durante un'intervista pubblicata sul sito ufficiale del premio Nobel, Jagland aveva ricordato che anche Oscar Arias, presidente del Costa Rica e premio Nobel nel 1987, era stato premiato a pochi mesi dall'insediamento e riferendosi alla scelta su Obama aveva detto: "Glielo abbiamo dato per quello che ha fatto e anche per incoraggiarlo a continuare il suo lavoro su questa linea". Riguardo le tante reazioni, positive e negative, sulla scelta, il presidente del Comitato ieri aveva ammesso che "molti ci hanno approvato, altri sono rimasti sorpresi", ma "é molto bello essere in questa situazione e vedere le reazioni che giungono da tutto il mondo".

IERI L'ASSEGNAZIONE, CASA BIANCA 'SORPRESA'

NEW YORK - Il presidente Barack Obama ha detto di essere ''sorpreso'' per il conferimento del Nobel per la Pace e di accettare il riconoscimento ''con profonda umilta'''. ''Accetto questo premio come una chiamata all'azione per tutte le nazioni davanti alle sfide del XXI secolo - ha aggiunto in una dichiarazione nel giardino della Casa Bianca - non lo considero un riconoscimento delle cose che ho fatto, ma piuttosto un'affermazione della leadership degli Stati Uniti''.

''Per essere onesto, non credo di meritare di essere in compagnia di tante figure che hanno cambiato il mondo e che mi hanno ispirato'', ha detto il presidente. Il Comitato per il Nobel aveva spiegato di avere assegnato il riconoscimento ad Obama ''per gli sforzi straordinari nel rafforzare la diplomazia internazionale e la cooperazione tra i popoli'' mettendo in particolare l'accento sulla lotta alla proliferazione nucleare. ''Molto raramente una persona e' riuscita, al pari di Obama, a catturare l'attenzione del mondo e a dare al suo popolo speranza per un futuro migliore''. La notizia della vittoria del Nobel per la Pace ha colto di sorpresa la Casa Bianca. Il portavoce Robert Gibbs aveva reagito 'a caldo' con un email composto di una sola parola 'WOW!' prima di svegliare il presidente alle sei del mattino (circa un'ora dopo l'annuncio da Oslo) per comunicare la buona notizia. ''Non pensavo di svegliarmi cosi' stamattina'', ha poi detto il presidente Barack Obama commentando il Nobel per la Pace nel giardino della Casa Bianca. Obama ha detto che una delle figlie ha esclamato ''Papa', hai vinto il Nobel per la Pace e inoltre oggi e' il compleanno del cane Bo''. E l'altra: ''Papa', lo sai che adesso abbiano tre giorni di vacanza?'' (lunedi' e' festivo negli Usa). ''Questo tanto per tenere le cose in prospettiva'', ha aggiunto il presidente con un sorriso.

Il presidente Barack Obama dara' in beneficenza il denaro che ricevera' insieme al Nobel per la Pace, ha annunciato la Casa Bianca. Obama ricevera' l'equivalente di 1,4 milioni di dollari.

Di solito il Comitato del Nobel informa il vincitore con un minimo di anticipo ma stavolta era stato deciso di non dare comunicazioni anticipate (anche per una questione di fusi orari) cosi' la decisione e' giunta alla Casa Bianca come una totale sorpresa. Il Nobel ad Obama ha colto di sorpresa anche il resto dell'America. Scatenando subito i critici del presidente che hanno definita ''prematura'' la scelta del Comitato. ''Obama finora ha fatto la pace solo con Hillary Clinton'', ha osservato con sarcasmo un editorialista del Wall Street Journal. Una osservazione generale e' che Obama rappresenta per adesso solo una speranza ma che sul piano concreto non ha raggiunto molti risultati pratici: dalla minaccia Iran alla pace in Medio Oriente, dall'Iraq alla non proliferazione nucleare il suo lavoro e' solo nella fase iniziale. Col paradosso che la decisione piu' importante, del neo-Nobel per la Pace, potrebbe essere nell'immediato futuro un aumento delle truppe Usa in Afghanistan. L'ex-presidente americano Jimmy Carter ha definito il conferimento del Nobel per la Pace a Barack Obama ''una audace affermazione di sostegno internazionale alla sua visione del mondo ed al suo impegno per realizzarla''. Ma il leader repubblicano Michael Steele ha detto che il riconoscimento e' in realta' solo ''un premio allo star power'' di un presidente che non ha ancora conseguito risultati. Obama e' il terzo presidente Usa in carica a ricevere il Nobel per la Pace. Nel 1906 il riconoscimento era andato al presidente Theodore Roosevelt. Nel 1919 il presidente Woodrow Wilson aveva ottenuto il Nobel per avere creato le premesse della nascita delle Nazioni Unite. Un altro presidente americano, Jimmy Carter, ha ricevuto il Nobel per la Pace ma solo nel 2002, cioe' due decenni dopo avere lasciato la Casa Bianca. Il premio era andato nel 2007 all'ex vicepresidente Al Gore per la sua crociata a favore dell' ambiente. Ma Obama ha battuto ogni record conquistando l'ambito riconoscimento solo nove mesi dopo il suo arrivo alla Casa Bianca. Obama andra' a Oslo il 10 dicembre prossimo a ritirare il premio.

BERLUSCONI A OBAMA, GIUSTO RICONOSCIMENTO A TUO LAVORO - ''L'attribuzione del premio Nobel per la pace e' un giusto riconoscimento al tuo lavoro per il rilancio di una politica di cooperazione fra i popoli. Il tuo sogno di un mondo senza armi nucleari e di dialogo tra tutte le nazioni ha riacceso la speranza di un futuro di pace. A nome mio, del mio governo e di tutto il popolo italiano ti esprimo le mie piu' affettuose congratulazioni''. E' il messaggio del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi al presidente Usa Barack Obama.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni