Percorso:ANSA.it > Economia > News

E' 'guerra' sulla tassa alle E-cig

Tar, stop prelievo del 58,5%. Produttori, in 'limbo normativo'. Monopoli, no si applica

21 gennaio, 20:54
Le sigarette elettroniche e i liquidi
Le sigarette elettroniche e i liquidi
E' 'guerra' sulla tassa alle E-cig

Nuova 'puntata' nella 'guerra' sulle E-Cig. Il Tar del Lazio decide di sospendere il regime autorizzativo, previsto a carico di Dogane-Monopoli, per i depositi. Esulta l'Anafe-Confindustria, l'associazione che riunisce i produttori, spiegando che ''il Tar del Lazio ha di fatto spinto in un limbo normativo il sistema che prevede un'imposta di consumo del 58,5% sulle sigarette elettroniche e su tutti i prodotti ed accessori ad esse correlati''. Questa interpretazione del ''limbo normativo'' viene contestata dai Monopoli: ''il giudice amministrativo ha solo sospeso il nuovo regime autorizzativo previsto per i depositi, ma non l'applicazione del prelievo fiscale, in vigore dal primo gennaio 2014, che resta dovuto nella misura prevista dalla legge nella misura del 58,5%''. Su questa interpretazione replica l'Anafe: ''essendo saltato il regime autorizzativo non salta la tassa. Ma a questo punto non è più chiaro come pagarla e su cosa. Cioè su quali prodotti non potendo essere registrati visto che è saltato appunto il regime autorizzatorio''. Insomma l'aumento tanto temuto dai produttori resta e restano le conseguenze temute: ''avevamo iniziato a lavorare per l'immissione in mobilità di oltre 900 addetti del settore e denunciato il rischio di una progressiva perdita di posti di lavoro per gli oltre 5.000 dipendenti oltre che l'inevitabile chiusura dei 3.500 negozi sparsi sull'intero territorio''. Ora però i Monopoli insistono che la tassa è dovuta e sui tempi delle autorizzazioni aggiunge ''di aver dato corso con tempestività alle richieste di autorizzazione finora pervenute, sottolineando che la maggior parte di esse è giunta negli ultimi giorni di dicembre, quindi ben oltre la data di pubblicazione del decreto, i cui contenuti erano peraltro stati anticipati con la circolare del 20 novembre 2013, pubblicata sul sito dell'Agenzia''. Mentre secondo l'Anafe ''ad oggi, su oltre 120 operatori in Italia, nessuno ha avuto il via libera definitivo di AAMS, anche in ragione del ritardo di 40 giorni della pubblicazione del Decreto stesso, censurato anche dalla Corte dei Conti in una lettera al Ministro dell'Economia''. Una nuova battaglia 'legale' è così all'orizzonte in ogni caso una nuova 'puntata' sarà il prossimo 5 febbraio quando il Tar del Lazio discuterà anche un'altra richiesta di sospensiva. E questa volta proprio sul regime fiscale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni