Percorso:ANSA.it > Economia > News

Confcommercio: consumi marzo piu' bassi dal 2000

Indicatore cala del 3, 4% su anno, 0, 1% su mese

07 maggio, 14:16
Archivio
Archivio
Confcommercio: consumi marzo piu' bassi dal 2000

I consumi di marzo in Italia hanno toccato il livello più basso dal 2000. L'indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) ha registrato un calo del 3,4% in termini tendenziali e dello 0,1% rispetto a febbraio che, pur segnalando un'attenuazione della caduta della spesa reale, riporta i consumi ai livelli del 2000.

Nel primo trimestre, l'ICC segnala, rispetto al primo trimestre del 2012, una flessione del 4,2% e la compressione dei livelli di spesa, spiega Confcommercio, segue quella del reddito e dell'occupazione. La dinamica tendenziale dell'ICC di marzo riflette un calo del 2,2% della domanda di servizi e del 3,9% della spesa per beni. Solo il segmento dei beni e servizi per le comunicazioni mostra un aumento (+3,1% su marzo 2012).

Il dato più negativo é ancora quello relativo ai beni e servizi per la mobilità la cui domanda scende dell'8,5%. "Il dato segnala il permanere di una situazione fortemente critica che interessa tutti i segmenti che compongono il comparto e che non sembra essere ancora giunta ad un punto di svolta". Riduzioni dei consumi particolarmente significative hanno interessato anche i beni e servizi ricreativi (-5,6%), gli alimentari, le bevande ed i tabacchi (-3,0%), gli alberghi ed i pasti e le consumazioni fuori casa (-2,8%) ed i beni e servizi per la casa (-2,7%). I dati destagionalizzati confermando invece un'attenuazione della caduta della spesa reale, ma i consumi hanno raggiunto il livello più basso da quando viene calcolato l'indicatore.

A marzo, a fronte di una diminuzione della domanda per servizi (-0,7%), i beni hanno mostrato un modesto aumento (+0,2%). Il dato più negativo si registra per gli alberghi ed i pasti e consumazioni fuori casa (-1,4%). L'aumento dell'1,6% dei beni e servizi per la mobilità rappresenta un modestissimo tentativo di recupero rispetto alle riduzioni dei mesi precedenti. Per maggio Confcommercio stima una variazione congiunturale dell'indice dei prezzi al consumo dello 0,1%, con un tasso di crescita tendenziale dell'1,3% (1,2% il mese precedente). "E' presumibile - si legge infine - che con aprile si sia chiusa la fase di rapido rientro dell'inflazione, in atto dall'ultimo trimestre del 2012, che dovrebbe rimanere attestata, almeno fino all'estate, su valori inferiori all'1,5%". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni