Percorso:ANSA.it > Economia > News

Crescita salari più bassa dal 2000

Retribuzioni di fatto 2012 salgono solo 1,9%

13 marzo, 11:13
Una busta paga
Una busta paga
Crescita salari più bassa dal 2000

ROMA - Nel 2012 le retribuzioni di fatto, i salari lordi per unità di lavoro equivalenti a tempo pieno (Ula) al netto della cassa integrazione, segnano nell'industria e nei servizi una crescita solo dell'1,9%. Lo rileva l'Istat. E' un dato in frenata sul 2011 (+2,1%) e nettamente al di sotto del tasso d'inflazione, pari al 3% sempre nel 2012.

La crescita segnata per il 2012 dalle retribuzioni lorde (per unità di lavoro equivalenti a tempo pieno), al netto della cig, nel complesso dell'industria e dei servizi è la più bassa dall'inizio della serie storica, avviata dall'Istat nel 2000.

Il risultato del 2012 è frutto di un aumento del 2,5% nel comparto industriale e di un rialzo, ancora più contenuto, pari all'1,2% nei servizi. Focalizzando l'attenzione sull'ultimo trimestre dell'anno, l'Istat rileva come l'indice destagionalizzato evidenzia una crescita congiunturale dello 0,7%; mentre su base annua l'aumento è del 2,0% (dato grezzo). L'Istituto di statistica precisa che la rilevazione riguarda salari, stipendi e competenze accessorie in denaro, al lordo delle trattenute fiscali e previdenziali, corrisposte ai lavoratori dipendenti direttamente e con carattere di periodicità, secondo quanto stabilito dai contratti, dagli accordi aziendali e individuali, e dalle norme in vigore. Sono, quindi, retribuzioni 'di fatto' e si differenziano da quelle 'contrattuali' che comprendono, per definizione, solo le competenze determinate dai contratti nazionali di lavoro. Quanto agli oneri sociali, nel quarto trimestre 2012 l'Istat indica un aumento dello 0,3% rispetto al trimestre precedente, mentre l'indice grezzo cresce dello 0,8% su base annua. "La ridotta crescita degli oneri è – spiega l'Istituto - dovuta, tra l'altro, alla fruizione dello sgravio contributivo per l'incentivazione della contrattazione di secondo livello riferito agli importi corrisposti negli anni 2010 e 2011". Nell'intero 2012 l'aumento per gli oneri sociali (contributi a carico del datore di lavoro versati agli enti di previdenza ed assistenza sociale e accantonamenti di fine rapporto) si è fermato allo 0,9%. Inoltre, fa sapere sempre l'Istat, nel quarto trimestre 2012 il costo del lavoro (somma delle retribuzioni lorde e degli oneri sociali) segna un aumento congiunturale dello 0,6%. In termini tendenziali, la crescita dell'indice grezzo è invece pari all'1,6%, stesso valore segnato per la media annua relativa al 2012.
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni