Percorso:ANSA.it > Economia > News

Fiat: accordo su Mirafiori, ma senza la Fiom

Marchionne: 'Ora investimenti in tempi brevi'. Ariaudo: firma vergognosa, limita sindacati

24 dicembre, 10:23
Una linea di montaggio di uno stabilimento Fiat
Una linea di montaggio di uno stabilimento Fiat
Fiat: accordo su Mirafiori, ma senza la Fiom

di Renato Botto

TORINO - Per lo stabilimento di Mirafiori, "inizia una nuova fase della vita. E adesso faremo partire gli investimenti previsti nel minor tempo possibile". Per Sergio Marchionne, amministratore delegato della Fiat, l'accordo firmato oggi dai sindacati (esclusa la Fiom) e dall'azienda, "é il miglior regalo di Natale che potessimo fare alle nostre persone. Ora - aggiunge - bisogna lavorare per realizzare il contratto collettivo specifico per la joint venture che consentirà il passaggio dei lavoratori alla nuova società Fiat-Chrysler". La firma arriva dopo quasi sette ore di confronto all'Unione industriale di Torino, metà delle quali in 'ristretta' (cioé con ogni sindacato rappresentato da due dirigenti) e riannoda il filo interrotto il 3 dicembre, quando la trattativa si ruppe.

Nel rush finale sono state messe a punto le modifiche, dopo le osservazioni fatte dai sindacati, per quanto riguarda le pause, l'assenteismo, i turni di lavoro. La Fiom, come aveva annunciato nei giorni scorsi, non ha sottoscritto l'intesa: il segretario nazionale Maurizio Landini parla di "accordo vergognoso. Per la prima volta - dice - si cancella di fatto l'esistenza del contratto nazionale e si ledono i diritti dei lavoratori, impedendo ad un'organizzazione, tra l'altro la più rappresentativa del comparto e non solo della Fiat, di avere uomini e rappresentanze". di avere uomini e rappresentanze". Diametralmente opposto il giudizio di Roberto Di Maulo, segretario generale della Fismic: per lui "l'accordo ha una portata storica perché dimostra la capacità di mantenere un'industria manifatturiera in grado di attrarre investimenti esteri". In risposta alla Fiom, Di Maulo aggiunge: "viene modernizzato il sistema di relazioni industriale, creando il presupposto del contratto specifico dell'auto, maggiormente vicino ai bisogni dei lavoratori".

Il ministro del Welfare Maurizio Sacconi fa osservare il duplice valore dell'accordo, 'da un lato - sottolinea - esprime la volonta' di Fiat Chrysler di realizzare un importante investimento a Mirafiori e, dall'altro, la volontà dei sindacati riformisti di accompagnare quest'intesa con la piena utilizzazione degli impianti e una migliore remunerazione del lavoro attraverso un contratto più vantaggioso". La Cisl considera l'accordo appena raggiunto per lo stabilimento Mirafiori della Fiat un'intesa "importante che garantisce un'investimento fondamentale per Torino e l'Italia. Nessun diritto ètato toccato o tagliato - puntualizza il leader Cisl - ma ci sono anzi soldi in più in busta paga per i lavoratori e la riqualificazione del sito di Mirafiori. Sono certo - aggiunge - che i lavoratori apprezzeranno l'accordo e la posizione responsabile dei sindacati che l'hanno firmato".

Per Bruno Vitali, responsabile auto della Fim, i sindacati "hanno fatto il massimo. E Marchionne è stato 'incastrato': a questo punto deve fare gli investimenti annunciati". Chi si augurava una 'diversa' soluzione è il segretario confederale della Cgil, Vincenzo Scudiere, che parla di "'ennesimo accordo separato. Si consuma oggi - commenta - una vicenda che determina una maggiore preoccupazione da parte nostra perché avremmo preferito il prevalere del dialogo alla scelta pregiudiziale di escludere la Fiom dal futuro delle relazioni sindacali in Fiat''. "E' un risultato importantissimo per tutta l'industria italiana", commenta Gianfranco Carbonato, presidente dell'Unione industriale di Torino". "Mi sembra un accordo positivo, una Pomigliano migliore", chiude Sergio Chiamparino, sindaco di Torino.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni