Percorso:ANSA.it > Economia > News

Fini, Marchionne? Un po' più canadese che italiano

"Se Fiat è ancora un grande colosso, è perché c'è stato il contribuente italiano a garantirlo''

25 ottobre, 23:55
Fini e Marchionne
Fini e Marchionne
Fini, Marchionne? Un po' più canadese che italiano
ROMA - L'ad della Fiat Sergio Marchionne e' riuscito ancora una volta a dividere l'Italia. Il giorno dopo l'intervista alla trasmissione 'Che tempo che fa' e' un diluvio di dichiarazioni, tra critiche e applausi. Un po' in ordine sparso perche' opinioni divergenti sono espresse all'interno della maggioranza, dell'opposizione, dei sindacati, del governo. L'uscita che la Fiat farebbe meglio senza l'Italia non e' piaciuta al presidente della Camera e leader di Fli, Gianfranco Fini, che fa notare che se il Lingotto oggi ''e' un grande colosso lo deve al contribuente italiano''. Di Marchionne dice: ''Mi sembra che abbia dimostrato di essere piu' canadese che italiano''. E aggiunge: ''e' paradossale''. Il Pdl risponde indirettamente a Fini e fa invece quadrato, replicando in chiave Fiat la dialettica politica all'interno della maggioranza. Il coordinatore Sandro Bondi rileva che ''le affermazioni di Marchionne chiamano in causa problemi veri con i quali tutti dovremmo confrontarci''. Per il portavoce Daniele Capezzone ''e' davvero auspicabile che la politica italiana abbia la lungimiranza di sostenere Marchionne, che si sta dimostrando un coraggioso innovatore''. Pioggia di critiche sul manager dall'opposizione. Il leader del Pd Pierluigi Bersani non lascia dubbi. ''Sto con chi rischia di perdere il posto di lavoro, perche ci sono in gioco dei diritti''. Inoltre, sostiene, ''ci vogliono regole universali sul lavoro, altrimenti diventiamo cinesi anche noi'' ''Se fossi al governo - sostiene - chiamerei la Fiat e i sindacati e cercherei di vederci chiaro''. Per il leader Idv Antonio di Pietro quelle di Marchionne
sono ''parole offensive e vergognose''. La difesa arriva invece dalla Confindustria. ''Come parti sociali e con il governo abbiamo il dovere di far tornare il Paese competitivo'', ha detto il vice presidente Alberto Bombassei secondo il quale ''Marchionne non vuole lasciare l'Italia''. Il leader dei Giovani Federica Guidi osserva come sia necessario ''cercare di avere delle regole flessibili e dinamiche in modo da riuscire ad intercettare il nuovo modo di competere''. Dalla parte dell'ad anche il numero uno della Cisl Raffaele Bonanni
: ''Ha colto nel segno'', dice. E aggiunge: ''Appena Marchionne ha annunciato che voleva investire in Italia dovevamo suonare le campane: noi invece le abbiamo suonate a morto''. Il leader della Cgil Guglielmo Epifani argomenta: ''La verita' e' che i nostri prodotti non incontrano il mercato e se produci meno, con tanta Cig, e' difficile guadagnare e fare utili''. Per Epifani poi ''non si puo' far finta di pensare che da un turno di lavoro dipende se la Fiat va avanti o no sul mercato''. ''Che in Italia ci sia un problema di competitivita' - dice il segretario generale della Uil Luigi Angeletti - non lo scopre certo Marchionne. L'importante e' che sia disposto ad accogliere le sfide, non solo a parlarne''. Il governo e' un po' in ordine sparso ma di fatto prende le distanze dal numero uno della Fiat. Il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, e' critico. La denuncia del manager - dice il responsabile del Lavoro - e' ''ruvida e non tanto condivisibile''. Per Renato Brunetta ''Marchionne vede il bicchiere mezzo vuoto'' e per Giorgia Meloni ''non dovrebbe dimenticare gli enormi sforzi fatti dai contribuenti italiani''. Piu' cauto Franco Frattini: ''Gli investimenti che ha appena confermato in Italia vogliono dire che all'Italia ci crede''. Torino non sembra alzare gli scudi contro l'ad della Fiat. ''Di fronte al problema della competitivita' del Paese - dice il sindaco Sergio Chiamparino - non si possono chiudere gli occhi''. Rivolto al suo Pd dice: ''Un partito non dovrebbe limitarsi a fare il tifo per o contro ma deve indicare una strada, provare a lanciare una sfida''. Per l'arcivescovo della citta', il cardinale Severino Poletto, le parole di Marchionne sono ''un segnale di dialogo''. ''Lavoro perche' quanto previsto da Fabbrica Italia si possa realizzare'', ha commentato il governatore del Piemonte, Roberto Cota. Il piu' critico? Ancora una volta il segretario generale della Fiom Cgil Maurizio Landini. Per lui ''Marchionneracconta tante cose inesatte anche un po' di balle''.
 
CALDEROLI, A TORINO RICORDINO PRESTITI E INCENTIVI - ''Marchionne ha la memoria corta sugli aiuti di Stato''. Lo dice in un'intervista a Repubblica il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli a proposito delle affermazioni dell'amministratore delegato della Fiat sulla produttivita' degli impianti italiani. ''Si potrebbe dire - aggiunge - che gli italiani, e in particolare la Padania, senza la Fiat in questi anni sarebbero stati meglio''. ''Un conto e' aver restituito un prestito - prosegue Calderoli -. La verita' e' che in questi anni gli italiani la Fiat se la sono comprata gia' due volte''. Per il ministro leghista Marchionne non puo' ''prendere in considerazione solo il suo periodo di gestione'' e per quanto riguarda gli incentivi, ''se crede di riceverne altri se lo scordi''. Se ci saranno soldi, promette, ''devono andare alle piccole imprese che non hanno mai avuto nulla e che non sputano come lui nel piatto dove hanno mangiato per anni''. Per Calderoli ''probabilmente Marchionne cerca un paracadute per i risultati che portera' a casa e darne ad altri la responsabilita'. Da canadese ha fatto presto ad italianizzarsi. La Fiat ha gia' partorito l'avannotto Montezemolo, non possono produrne un altro''.
 
CALDEROLI, BENE PROGETTO NON PAROLE MARCHIONNE DA FAZIO - ''Credo nel progetto di Marchionne
e lo sostengo, pero' non con queste sue uscite da Fazio. Anche perche' Marchionne non puo' oggi venire a dire cio' che dice quando in realta' anche durante il suo periodo la Fiat ha ricevuto gli incentivi del governo''. Cosi' il ministro Roberto Calderoli ha commentato le dichiarazione dell'ad Fiat, parlando con i giornalisti a Torino. ''Ciascuno ha dato - ha sostenuto Calderoli- e ciascuno ha ricevuto. E' evidente che qualcosa la Fiat ha ricevuto, e quindi, la frase che la Fiat farebbe meglio senza l'Italia, Marchionne avrebbe fatto meglio a non dirla''. Quanto alle preoccupazioni dell'ad del Lingotto sul costo del lavoro, Calderoli ha dichiarato: ''Sul costo del lavoro
Marchionneha ragione, e' un impegno di tutti di procedere a una riduzione, in primis attraverso la diminuzione della pressione fiscale''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni