Percorso:ANSA.it > Economia > News

Marcegaglia: incredibile il no di Fiom

"E' un sì all'occupazione, sì al lavoro, sì all'investimento"

16 giugno, 19:21
Pomigliano, no di Fiom
Pomigliano, no di Fiom
Marcegaglia: incredibile il no di Fiom

ROMA - Il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, ritiene "difficile che Fiat possa fare marcia indietro" nel progetto su Pomigliano D'Arco. E sul referendum tra i lavoratori, che la Fiom ritiene illegittimo al apri dell'accordo, aggiunge: "E' importante che siano coinvolti e partecipino. Ad occhio e croce credo che andranno a votare e ad occhio e croce credo che diranno sì". Per la Cgil, dice Epifani, è "un sì all'occupazione, sì al lavoro, sì all'investimento".

MARCEGAGLIA, INCREDIBILE NO FIOM - "Secondo noi è incredibile che ci sia un no". Commenta così la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, il no della Fiom all'accordo con Fiat su Pomigliano. Incredibile, dice, "davanti ad una azienda che va contro la storia, prende produzioni dalla Polonia e le riporta in Italia, investe 700 milioni di euro". Quanto al referendum in azienda "attendiamo - dice la leader degli industriali - di vedere cosa vogliono fare i lavoratori"

LANDINI (FIOM), SIAMO A UN RICATTO - "Siamo a un ricatto, ai lavoratori viene chiesto: vuoi lavorare o chiudo la fabbrica? Il lavoratore deve scegliere tra vivere o morire. E' chiaro che sceglierà di vivere". Lo ha detto il segretario generale della Fiom Cgil, Maurizio Landini, a Repubblica.tv. "Per noi il referendum è illegittimo. E' come se si chiedesse di votare contro la Costituzione. E poi, quando si è sotto minaccia di licenziamento è illegittimo anche giuridicamente", ha rilevato il sindacalista. Con le regole di produttività fissate nell'accordo di Pomigliano, "la gente lavorerà peggio e rischierà di fermarsi. Se una volta per avere malattie professionali ci volevano 10-12 anni, oggi stiamo a 3-4 anni. Progettiamo delle cose in cui le persone non si rompano". Sull'assenteismo, "noi non siamo dalla parte dei furbi - ha detto Landini - ma l'azienda ha dato i dati fino al 2005; dal 2008 i dati di assenteismo a Pomigliano sono inferiori alla media di altre parti". Quanto ai permessi elettorali, che hanno inciso sull'assenteismo a Pomigliano, Landini ha replicato: "I nomi dei rappresentanti di lista sono delle forze politiche, le stese che chiedono ora chiedono a noi responsabilità. Non posso assumermi responsabilità che non sono mie". "Dicono che diciamo solo 'no' ma non é vero. Su Pomigliano la Fiom ha avanzato delle proposte alternative. E' stato detto di 'no' invece alle nostre proposte".

ACCORDO SENZA FIOM, REFERENDUM IL 22 - Accordo separato, senza la Fiom, sullo stabilimento Fiat di Pomigliano d'Arco e referendum tra i lavoratori il prossimo martedì 22 giugno. Si è chiusa così la trattativa tra l'azienda e i sindacati dei metalmeccanici, riuniti oggi in Confindustria per il confronto definitivo. Fim, Uilm, Fismic e Ugl hanno firmato il nuovo documento, integrato, presentato da Torino. La Fiom ha confermato il suo 'no' a un testo che considera "irricevibile", dai profili di "illegittimità", un "ricatto". Le tute blu della Cgil non si sono mosse dalla propria posizione - "di retroguardia" e "irragionevole", per le altre sigle - nonostante gli inviti e le pressioni ricevute. E hanno ribadito il 'no' anche alla consultazione degli operai. Consultazione alla quale, comunque, è legato l'effettivo sblocco degli investimenti Fiat per il sito campano, circa 700 milioni di euro per portare la produzione della futura Panda dalla Polonia in Italia. La parola passa, dunque, ai lavoratori: senza il loro sì, non se ne fa niente. Il Lingotto è stato infatti chiaro nel chiedere il consenso di tutti. Per questo, il numero uno della Uilm, Rocco Palombella, al termine del tavolo, si è rivolto direttamente a lavoratori: "La posta in gioco è molto alta". E ha riconosciuto che in momenti come questi "la cosa principale è firmare un'intesa che può in qualche modo ridurre anche i diritti, ma mantiene in piedi una fabbrica e non il contrario". Giudizio positivo anche dagli altri sindacati che hanno firmato. "Abbiamo fatto l'unica cosa sensata che un sindacato poteva fare, assicurando occupazione e reddito", ha affermato il segretario generale della Fim, Giuseppe Farina. "Abbiamo raggiunto un obiettivo di vitale importanza", ha rimarcato il vicesegretario nazionale dell'Ugl metalmeccanici, Antonio D'Anolfo. E' un accordo che "fa giustizia di tutte le polemiche che ci sono state", secondo il segretario generale della Fismic, Roberto di Maulo, che ha sottolineato come sia stato "chiarito che i diritti individuali non sono toccati" e che le eventuali sanzioni potranno riguardare solo i sindacati. Punto su cui più si sono levate le proteste della Cgil e della Fiom: "il testo è lo stesso e la minaccia di licenziare i singoli lavoratori non è cambiata", ha replicato il responsabile auto delle tute blu, Enzo Masini, che al tavolo di oggi ha preso parte in qualità di osservatore e che ha lasciato al momento della firma da parte degli altri sindacati. Proprio sulle sanzioni è stato inserito dalla Fiat, che ha raccolto la proposta dei sindacati firmatari, un punto aggiuntivo per l'istituzione di una Commissione paritetica di raffreddamento, che potrà essere chiamata ad esaminare le violazioni caso per caso. Domani la Fiom discuterà delle iniziative da intraprendere nel corso dell'assemblea degli iscritti convocata a Pomigliano, ha fatto sapere lo stesso Masini, sottolineando che con la Cgil "non c'é una visione diversa". La sua scelta e la sua posizione non sono però state condivisa dalle altre sigle sindacali. "E' la solita cortina fumogena per nascondere la ritrosia della Fiom all'innovazione e alla firma di accordi", ha replicato il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, che al contrario si è detto "molto contento" per la firma degli altri. In campo è scesa anche la politica. La Fiom è "un sindacato paralizzato dal blocco ideologico", ha detto il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi. E' "la rivincita dei riformisti", ha sostenuto il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti. Un invito a mettere da parte "la logica dei veti incrociati", stamattina era arrivato anche dal presidente del Senato, Renato Schifani: "Non è più il tempo del no o della fuga", ha detto. Si è invece schierato apertamente con la Fiom, l'Idv di Antonio Di Pietro, secondo cui si tratta di "un ricatto inaccettabile". Mentre non ha nascosto le proprie perplessità il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, che ha parlato di "vicenda eccezionale".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni