Percorso:ANSA.it > Economia > News

Commercio: vendite marzo +2,9% anno

Lo comunica l'Istat, precisando che l'incremento tendenziale è il più alto da febbraio 2008

25 maggio, 11:24

ROMA- Le vendite al dettaglio a marzo sono aumentate del 2,9% su base annua e hanno registrato una crescita dello 0,5% su base mensile. Lo comunica l'Istat, precisando che l'incremento tendenziale è il più alto da febbraio 2008.

"La risalita netta delle pressione tendenziale", fa notare l'Istat, deriva da un aumento del 3,7% delle vendite di prodotti alimentari e da una crescita del 2,7% di quelle dei prodotti non alimentari. Mentre, in termini congiunturali le vendite di prodotti alimentari sono cresciute dell'1,1% e quelle di prodotti non alimentari sono aumentate dello 0,2%. "Il dato di marzo tira un po' su la media trimestrale", sottolinea l'istituto: nel primo trimestre del 2010 (periodo gennaio-marzo) le vendite al dettaglio su base annua sono cresciute dello 0,1%, mentre su base mensile sono diminuite dello 0,2%.

Un risultato "particolarmente positivo" è stato registrato dalla grande distribuzione, che a confronto con il mese di marzo 2009 ha segnato un aumento delle vendite del 4,4%, invece i piccoli negozi (imprese operanti su piccole superfici) hanno registrato un incremento delle vendite del 2%. In particolare, nella grande distribuzione le vendite hanno messo a punto un incremento sia per i prodotti alimentari, (+4,7%), sia per i prodotti non alimentari (+4%).

Anche per i piccoli negozi sono state registrare variazioni positive sia per le vendite di prodotti alimentari (+1,8%), sia per quelle di prodotti non alimentari (+1,9%). Tornando alla grande distribuzione, nel mese di marzo la crescita più ampia ha riguardato gli esercizi specializzati (+7,5%), mentre quella più contenuta è stata registrata dagli esercizi non specializzati a prevalenza non alimentare (+1,7%). Con riferimento alle dimensioni delle imprese, a marzo le vendite sono cresciute, in termini tendenziali dell'1,4%, nelle micro aziende (fino a 5 addetti), del 2,2% nelle imprese medie (da 6 a 49 addetti) e del 4,8% per le imprese con almeno 50 addetti.

Guardando ai diversi prodotti non alimentari, a marzo tutti i gruppi hanno mostrato risultati positivi. Gli aumenti più significativi hanno interessato il comparto dei 'giochi, giocattoli, sport e campeggio' (+6,4%). Nel mese di marzo 2010 le imprese al dettaglio hanno dichiarato, in media, 27 giorni di apertura, con un incremento dello 0,3% su base tendenziale. (ANSA).

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni