Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Processo Ruby: Pm, 'Ad Arcore sistema prostitutivo'

Pm Fiorillo: Maroni in Parlamento non disse il vero

04 marzo, 20:27
Una foto di Ruby (Karima El Mahroug), presa dal suo profilo facebook
Una foto di Ruby (Karima El Mahroug), presa dal suo profilo facebook
Processo Ruby: Pm, 'Ad Arcore sistema prostitutivo'

Ad Arcore era stato organizzato un vero e proprio 'sistema prostitutivo' di cui Ruby era 'parte integrante'. Lo ha detto il pm Antonio Sangermano nella requisitoria al processo sul caso Ruby a carico di Silvio Berlusconi. Al processo, questa mattina, anche la testimonianza del pm minorile Annamaria Fiorillo, secondo la quale 'quando l'allora ministro dell'Interno Maroni andò in Parlamento a dire che la polizia aveva affidato Ruby a Nicole Minetti secondo mie disposizioni riferì cose non vere. In una situazione simile nessun magistrato avrebbe preso una decisione diversa dalla mia, cioé la comunità'.

I giudici del tribunale di Milano, dopo aver respinto la richiesta di prove aggiuntive avanzate dalla difesa di Silvio Berlusconi, hanno chiuso l'istruttoria dibattimentale del processo Ruby.  I giudici, dopo circa un'ora di camera di consiglio, hanno respinto le richieste di ulteriori prove avanzate dalla difesa, sostenendo come superflua l'audizione dei testi, come il calciatore Ronaldo, la madre di Ruby nonché "non necessario" il confronto tra il pm Fiorillo e l'ispettore di Ps Giorgia Iafrate. Dunque il Tribunale ha dichiarato chiusa l'istruttoria dibattimentale e aggiornato alle 14 l'udienza per la requsitoria del procuratore aggiunto Ilda Boccassini e del pm Antonio Sangermano che hanno riferito, rispondendo a una domanda precisa del presidente del collegio, di essere "pronti" per la discussione. La difesa di Berlusconi ha invece chiesto tempo, e di rinviare la requisitoria a una delle prossime udienze già in calendario essendo i due legali "in affanno", per dirla con le parole di Ghedini, in quanto in questi giorni sono occupati in molti procedimento giudiziari, non da ultimo l'arringa attesa per sabato prossimo al processo Mediaset. I giudici hanno così chiesto ad accusa e difesa di prendere accordi circa i tempi dei loro interventi e, si prevede, salvo un cambio di programma dell'ultimo minuto, a breve la parola passerà alla Procura.

BERLUSCONI A PM NAPOLI: DISPONIBILE MA DOPO IL 15 MARZO - Berlusconi e' impossibilitato a presentarsi davanti ai magistrati della procura di Napoli nelle date indicate dagli inquirenti (5, 7 o 9 marzo), ma e' comunque disponibile a farsi interrogare, in ogni caso dopo il 15. Cosi', secondo indiscrezioni, una missiva dei legali del Cav ai pm che indagano sulla presunta compravendita di senatori.

PM FIORILLO, 'LA RAGAZZA DOVEVA ANDARE IN COMUNITA' PER SOSPETTI PROSTITUZIONE' - "Ho sempre mantenuto ferma la mia posizione e cioé che la ragazza venisse affidata ad una comunità".: così il pm minorile Annamaria Fiorillo sentita come testimone a Milano al processo Ruby a carico di Silvio Berlusconi. Il pm, ricordando le quattro telefonate ricevute nell'ormai nota notte in cui la minorenne venne trattenuta in Questura e poi affidata a Nicole Minetti, ha ribadito di aver dato disposizioni di "metterla in comunità" per il sospetto che "svolgesse attività di prostituzione". Annamaria Fiorillo ha ricordato che quella notte nella prima telefonata ricevuta le era stato riferito della denuncia fata da Caterina Pasquino, la quale aveva incontrato Ruby in un centro di bellezza a Milano.

Al pm di turno quella notte erano state date due versioni dalle ragazze, quella della derubata e quella dell'autrice del furto, cioé della marocchina minorenne al centro dell'inchiesta. "Sospettai che la ragazza - ha affermato riferendosi a Ruby - svolgesse attività di prostituzione e poi per me c'era una notizia di reato. Quindi disposi di metterla in comunità e che venisse per prima cosa fotosegnalata. E dissi anche al mio interlocutore questa frase, me la ricordo bene: "così la smette anche di prenderci in girò". Il magistrato durante la sua deposizione ha spiegato che con l'affido alla comunità si puntava a dare a Kharima El Marough "nuove occasioni e stili di vita".

PM FIORILLO, 'MARONI IN PARLAMENTO NON DISSE IL VERO' - Quando l'allora ministro dell'Interno Roberto Maroni "andò in Parlamento a dire che la polizia aveva affidato" a Nicole Minetti la minorenne Ruby "secondo le mie disposizioni" riferì "cose non vere". Lo ha detto oggi in aula il pm minorile Annamaria Fiorillo sentita come testimone al processo sul caso Ruby a carico di Silvio Berlusconi, parlando del procedimento aperto nei suoi confronti davanti al Csm.

"E' stato un attacco alla mia onorabilità - ha spiegato il pm - perché in una situazione simile nessun magistrato avrebbe preso una decisione diversa dalla mia", cioé la comunità Il pm Fiorillo, sentita come teste in Aula al processo Ruby a carico di Silvio Berlusconi, ha spiegato che nella notte tra il 27 e il 28 maggio 2010, quando la minorenne venne portata in Questura, al commissario di polizia che gli aveva riferito che la giovane marocchina era nipote di Mubarak fece notare: "tutt'alpiù è figlia del re del Marocco". Il pm ha spiegato che quella notte nessuno le disse della telefonata di Berlusconi ma si era solo presentata Nicole Minetti perché la ragazza era nipote dell'ex rais

PM FIORILLO: 'COMMISSARIO PS IAFRATE NON VOLEVA ASCOLTARMI' - Per il pm minorile Annamaria Fiorillo, sentita come testimone al processo Ruby a carico di Silvio Berlusconi, il commissario di polizia Giorgia Iafrate, alla quale aveva dato indicazioni di affidare la minore a una comunità, fu "una telefonata indimenticabile perché non è mai successo che dall'altra parte ci fosse una persona che non voleva ascoltarmi". Lo ha detto in Aula lo stesso pm nella sua ricostruzione di quanto accadde nella notte tra il 27 e il 28 maggio 2010 quando Ruby venne portata in Questura. Il pm ha spiegato in aula che dopo la mezzanotte di quella sera ricevette la terza telefonata e questa volta parlò con il commissario Iafrate, la quale le disse che "non c'erano posti in comunità e che si era presentata una consigliera ministeriale, tale Minetti, e che si era offerta di prendere in affido la minore".

Il magistrato ha riferito ai giudici di aver risposto al commissario di Polizia che quella di consigliera ministeriale era "una carica che non conosco e avevo anche chiesto a che titolo quella persona si era offerta di prendere in affido la ragazza". Il pm Fiorillo ha quindi proseguito spiegando al collegio che la poliziotta al telefono le aveva poi spiegato che Nicole Minetti aveva fatto sapere "che era stata incaricata perché si trattava della nipote di Mubarak. Rimasi incredula - ha proseguito il pm minorile - feci alcuni commenti e osservai 'se mi avete detto che e' marocchina, tutt'al più è figlia del re del Marocco". Durante la sua deposizione il pubblico ministero dei minori ha spiegato che Giorgia Iafrate "faceva fatica ad ascoltarmi, parlava come se fosse un monologo e io avevo difficoltà ad inserirmi nel suo discorso. Sembrava che il suo fine fosse, come poi si è rivelato, affidare la ragazza" alla persona che si era presentata in Questura.

"Ebbi con lei - ha continuato ancora Annamaria Fiorillo riferendosi al commissario di polizia - un tono deciso perché la minorenne si trovava in una situazione di difficoltà. E le dissi che se non intendeva comprendere se ne sarebbe assunta ogni responsabilità. Fu una telefonata indimenticabile. Non mi é mai successo che dall'altra parte ci fosse una persona che non voleva ascoltarmi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni