Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Malati di Sla in prima linea, governo disabile

In sciopero fame da 7 giorni, restituiremo tessera elettorale

27 ottobre, 15:13
Esponenti del Comitato 16 Novembre Onlus durante il corteo
Esponenti del Comitato 16 Novembre Onlus durante il corteo
Malati di Sla in prima linea, governo disabile

ROMA - "Da una settimana 70 disabili gravi e gravissimi, tra cui i malati di sla, sono in sciopero della fame nel silenzio nell'indifferenza totale del governo: questo è umanamente inaccettabile. Quello di Monti non è un governo per i disabili ma un governo disabile". Usa parole dure Mariangela Lamanna, vicepresidente del Comitato 16 novemnre onlus che da una settimana è a fianco dei malati in sciopero della fame per sollecitare l'attenzione del governo sul Piano per l'Autosufficienza e sullo stanziamento reale di 658 milioni previsti per i malati gravi nella legge sulla spending review. "Non si può consegnare un paese alla disumanità -spiega Lamanna -i nostri malati hanno scelto questa forma di protesta estrema per richiamare il governo alle proprie responsabilità, i malati hanno diritto ad un'assistenza dignitosa. La nostra protesta si è svolta nel silenzio più assoluto della politica e del governo fino a ieri, quando il ministro della salute Balduzzi ci ha contattato annunciando a breve l'apertura di un tavolo tecnico,con i tre ministeri che hanno competenza in materia (Ministero della salute, dell'economia e del lavoro)e le Regioni per analizzare lo stanziamento dei fondi per il Piano per l'autosufficienza. Provvedimento - spiega Lamanna- che noi abbiamo chiesto 'blindato' a monte, in modo che le regioni non possano poi disperdere i contributi in mille rivoli diversi". Il Comitato 16 novembre Onlus ha presentato da tempo il progetto 'Restere a casa' che prevedere l'assistenza domiciliare ai disabili gravi e geravissimi, affetti da patologie neurodegenerative. "Un'assistenza costante e vigile 24 ore su 24 che ha bisogno di cure e macchinari con costi altissimi -sottolinea la vicepresidente nazionale - per la quale noi abbiamo chiesto un contributo statale di 20mila euro a malato. Un progetto che movimenterebbe anche l'occupazione, prevedendo la creazione di 90mila posti di lavoro nel settore dell'assistenza". L'impegno preso dal ministro della salute Balduzzi è dunque un primo passo al quale però "devono seguire risultati concreti. Altrimenti andremo avanti ad oltranza con lo sciopero della fame. Il nostro segretario nazionale Salvatore Usala, malato di Sla, da lunedì sarà in sciopero della fame totale e questo per un malato grave è estremamente pericoloso. Se non otterremo risultati consegneremo anche le tessere elettorali".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni