Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Martini, continua il pellegrinaggio sulla sua tomba

Suoi oggetti vescovili in eredita' alla cattedrale

04 settembre, 21:02
La tomba del cardinal Carlo Maria Martini nel Duomo di Milano visitata da numerosi fedeli
La tomba del cardinal Carlo Maria Martini nel Duomo di Milano visitata da numerosi fedeli
Martini, continua il pellegrinaggio sulla sua tomba

di Bianca Maria Manfredi

MILANO - Il Duomo di Milano è diventato meta di pellegrinaggio per chi vuole pregare sulla tomba del cardinale Carlo Maria Martini che ieri, dopo i funerali, è stato inumato davanti al crocifisso di San Carlo. Non c'é più la fila continua che ha portato duecentomila persone a rendergli omaggio alla camera ardente, né la fiumana che ha partecipato alle esequie riempiendo il Duomo e affollando la piazza davanti ai maxischermi ieri. Però è un via vai che non si interrompe, come dimostra il fatto che ogni ora oggi i fedeli hanno acceso circa 700 ceri, cioé molti più del normale. Ci sono turisti che sarebbero venuti comunque in cattedrale e ne approfittano per dire una preghiera davanti alla tomba su cui é poggiata la lapide con scritto 'Carlo Maria Martini Cardinale Arcivescovo di Milano 1980-2002', non quindi con gli anni di nascita e morte ma quelli in cui è stato alla guida della Diocesi. C'é chi, come lo spagnolo Luis, è a Milano per affari e ha considerato "doveroso" venire a rendergli omaggio, chi, come Alessandra Nascimbeni, non ha potuto partecipare ai funerali e oggi ha 'rimediato'. Chi si è fermato per lasciare una rosa, chi si è inginocchiato a recitare il rosario. Altri si sono limitati a lasciare un messaggio sulla sua pagina Facebook, diversi gli stranieri che hanno inviato post in inglese, francese, spagnolo, portoghese e persino olandese. Questo pellegrinaggio nella cattedrale non stupisce monsignor Luigi Testore, l'esecutore testamentario di Martini. "Il lascito del cardinal Martini è sostanzialmente quello spirituale, come ha manifestato l' attenzione della gente nei suoi confronti - ha detto - ha guidato molti, soprattutto a partire dagli anni '80 a costruire il loro cammino di fede. In chi va in Duomo da questo momento in poi, l'idea di vedere la sua tomba ci sarà". Alla cattedrale, l'ex arcivescovo ha lasciato "gli oggetti legati al suo episcopato", come le mitre. Gli altri oggetti sono destinati a familiari e alle persone che gli sono state vicine. Dato che era un gesuita vanno alla compagnia del Gesù i suoi averi, cioé i diritti d'autore della sua grande produzione a cui non dovrebbero in futuro aggiungersi opere completamente nuove. "Inediti veri e propri - ha sottolineato monsignor Testore - non ce ne sono più".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni