Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Periti: fumi e polveri pericolosi

26 luglio, 14:25
L'ingresso degli stabilimenti Ilva di Taranto
L'ingresso degli stabilimenti Ilva di Taranto
Periti: fumi e polveri pericolosi

L'Ilva di Taranto con le emissioni di gas, vapori, polveri e diossina crea pericoli per la salute dei suoi lavoratori e della gente. E gli animali abbattuti nei mesi scorsi perche' ammalatisi pascolando nell'area industriale di Taranto avevano quasi impresso il 'marchio' di quelle emissioni, e l'azienda non ha fatto tutto quello che le compete per evitare quei pericoli. E' una relazione precisa e con poche attenuanti quella che i periti chimici hanno depositato il 27 gennaio alla segreteria del gip di Taranto Patrizia Todisco, prima parte di una maxi-perizia sulle emissioni dell'Ilva disposta nell'ambito di un incidente probatorio. Sei i quesiti ai quali i periti dovevano rispondere e l' immagine dell'Ilva ne esce sempre 'macchiata' da pecche

. I periti scrivono, ad esempio, di ''notevoli quantita' di inquinanti rilasciate dalle emissioni'' dello stabilimento tarantino. La contaminazione degli animali, poi abbattuti, che pascolavano nelle vicinanze del Siderurgico viene legata dai periti soprattutto all' attivita' di sinterizzazione, nell'area agglomerazione della piu' grande fabbrica di acciaio d'Europa. Un'azienda, l'Ilva di Taranto - per i periti - che non assolve a tutti i compiti in materia di tutela ambientale. Perche', ad esempio, dalle analisi ''emerge la quantita' rilevante di polveri che viene rilasciata dagli impianti, anche dopo gli interventi di adeguamento''. L'indice viene puntato soprattutto sulle polveri che fuoriescono dall'acciaieria per il fenomeno dello 'slopping', tradotto 'espulsione di gas e nubi rossastre dai camini'. Non solo, ma poiche' le emissioni provengono da impianti nei quali sono svolte anche attivita' di recupero, gia' dal lontano 17 agosto 1999 le stesse emissioni ''dovevano essere presidiate da sistemi di controllo automatico in continuo dei parametri inquinanti'', che invece non ci sono.

Di conseguenza ''non c'e' alcun elemento che dimostri il rispetto dei limiti previsti''. Un richiamo forte i periti lo rivolgono all'Ilva, nelle loro conclusioni, sull'applicazione delle 'Bat' (le migliori tecnologie possibili) in materia ambientale. ''Esse risultano in generale adottate - scrivono - anche se in alcune aree si rileva solo una parziale applicazione delle stesse, ovvero l'adozione di Bat che garantiscono una minore performance ambientale rispetto a quelle migliori''. In qualche caso, si sottolinea, si fa riferimento piu' al protocollo europeo (Bref) che alle 'Bat', la cui adozione ''garantirebbe la riduzione degli inquinanti emessi''. ''I periti della Procura hanno dato una risposta limpida ad una citta' inquinata che ha fame di giustizia e sete di verita''', hanno commentato le associazioni ambientaliste. Ovvero, si puo' e si deve fare molto di piu'

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni