Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Napolitano: 'Nulla da nascondere'

Capo Stato: 'Insinuazioni miserrime'. Pdl: 'Ora commissione inchiesta'

21 luglio, 16:11
Rita e Salvatore Borsellino alla commemorazione a Palermo
Rita e Salvatore Borsellino alla commemorazione a Palermo
Napolitano: 'Nulla da nascondere'

di Anna Laura Bussa

Il presidente della Repubblica insiste: lui non ha nulla "da nascondere" e se ha deciso di sollevare conflitto di attribuzione davanti alla Consulta contro la Procura di Palermo l'ha fatto solo perché era suo dovere chiedere un pronunciamento "nella sede idonea" su questioni "delicate di equilibri e prerogative costituzionali". Solo così si potrà mettere fine ad una "campagna di insinuazioni e sospetti senza fondamento" e al "trascinarsi di polemiche senza sbocco sui mezzi di informazione". Ma ad Antonio Di Pietro "la difesa di Napolitano" convince poco. E l'attacco continua: il Capo dello Stato "tradisce la Costituzione", dichiara. E sulla vicenda intercettazioni presenta un'interrogazione al Guardasigilli. Il Pdl, intanto, presenta una proposta di legge alla Camera per istituire una commissione d'inchiesta. "A 20 anni dalla strage di via D'Amelio - sostengono i firmatari tra cui Massimo Corsaro - non si possono più tollerare verità nascoste". "E' venuto il momento di fare chiarezza sulla trattativa Stato-mafia e sul ruolo svolto dalla classe dirigente politica dell'epoca", affermano. Durante la cerimonia di consegna del Ventaglio da parte della stampa parlamentare, Napolitano, rispondendo alle domande dei cronisti torna sulla sua decisione di sollevare conflitto davanti alla Consulta e dichiara di averlo fatto perché i principi della "riservatezza" e del "libero esercizio delle funzioni del Capo dello Stato" vanno difesi. Sa bene che questa sua scelta potrà non risultare "comoda per l'applauso" e lo esporrà a "speculazioni miserrime". Ma non è da lui, sottolinea "cedere ad alcuna tentazione di discorsi facili e di confortevoli opportunismi". Parlare un linguaggio "di verità e responsabilità è parte dei doveri del presidente". Quindi, ribadisce, lui ha sempre difeso autonomia e indipendenza della magistratura e la lotta alla mafia è stato "l'impegno della vita". Di Pietro però non molla e da Termoli torna a chiedergli cosa abbia mai da nascondere in quelle telefonate con Nicola Mancino, visto che l'idea di sollevare conflitto davanti alla Consulta nasce solo ora e non per altre intercettazioni indirette che lo hanno riguardato come quella con l'allora numero uno della Protezione Civile Bertolaso. "Forse perché in quelle telefonate - domanda Di Pietro - lei diceva cose che si potevano ascoltare, potevano essere lette e sentite? Infatti sono state pubblicate e lei non si è offeso affatto...". Il Quirinale, però, respinge anche questa critica al mittente. Quando si solleva conflitto davanti alla Consulta, spiegano fonti del Colle, è per affermare un principio generale che riguarda tutto, non solo un singolo fatto. E mentre Ciancimino jr. chiede di conoscere il contenuto delle conversazioni tra Napolitano e Mancino perché lui in quanto parte nell'inchiesta ha "il diritto" di sapere, quasi tutte le forze politiche contestano Di Pietro. Il suo attacco a Napolitano, commenta Fabrizio Cicchitto (Pdl), è "irresponsabile". Da lui "basso opportunismo", incalza Anna Finocchiaro (Pd). E c'é anche chi se la prende con la Procura di Palermo come Pier Ferdinando Casini che dà dell' "imparziale" ad Antonio Ingroia sostenendo che sarebbe preoccupato se il Pm dovesse mai decidere su di lui ("a prescindere dall' innocenza o colpevolezza"). "Preoccupanti", gli ribatte però Fabio Granata (Fli) sono le parole di Casini, "non Ingroia".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni