Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

INTERVISTA/ Presidente Grandi Rischi, non abbassare guardia

Maiani, obiettivo e' messa in sicurezza degli edifici

09 giugno, 14:30
Ispezione a Novi di Modena dopo il terremoto
Ispezione a Novi di Modena dopo il terremoto
INTERVISTA/ Presidente Grandi Rischi, non abbassare guardia

di Enrica Battifoglia

ROMA - "E' importante che non cali l'allerta e che l'attenzione resti presente", ha detto all'ANSA il presidente della Commissione Grandi Rischi, Luciano Maiani, all'indomani della comunicazione della Commissione che ha fatto molto discutere per il riferimento ad una "significativa probabilità" dell'attivazione del "segmento compreso tra Finale Emilia e Ferrara, con eventi paragonabili ai maggiori registrati nella sequenza".

Una dichiarazione, quella della Commissione, giudicata da molti allarmistica. Per Maiani "quella frase non è stata interpretata bene". Ha voluto infatti essere "un'esortazione alla messa in sicurezza degli edifici". Fuori discussione qualsiasi riferimento alla previsione dei terremoti. "Non abbiamo metodi per prevedere i terremoti", ha detto.

"I sismi in Emilia potrebbero fermarsi qui e decrescere, ma un rischio di ripresa c'é - ha rilevato - e in caso di ripresa non si può escludere che altri terremoti possano avvenire altrove. In queste condizioni penso che sia importante agire per la messa in sicurezza degli edifici più critici". Il riferimento al crollo dei capannoni nelle zone colpite dal sisma in Emilia arriva spontaneo: "Vorremo evitare che questo si ripeta", ha rilevato il presidente della Commissione Grandi Rischi. L'obiettivo della frase contenuta nel comunicato diffuso ieri dalla Commissione era quindi sollecitare una "migliore strategia di azioni mirate a contrastare la vulnerabilità degli edifici". D'altro canto, ha aggiunto, "mi sembra che si stia andando nella direzione giusta", ha commentato riferendosi agli stanziamenti decisi dal governo e all'operato della Protezione Civile.

La corretta interpretazione del passaggio della nota della Commissione che fa riferimento alla probabilità di una nuova attività sismica tra Finale Emilia e Ferrara si riferisce, ha precisato Maiani, "al prodotto di due probabilità". La frase intende cioé dire che "nel caso di un'eventuale ripresa dell' attività sismica, allora la probabilità che un terremoto possa colpire altrove non può essere esclusa. La prima probabilità - ha spiegato - è che l'attività sismica riprenda e la seconda é che, se l'attività dovesse riprendere, allora un evento importante potrebbe verificarsi nel punto più debole".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni