Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Pronuncia nome ex e la strangola

Vanessa Scialfa aveva 20 anni

28 aprile, 09:52
Vanessa Scialfa in un'immagine tratta da Facebook
Vanessa Scialfa in un'immagine tratta da Facebook
Pronuncia nome ex e la strangola

"Abbiamo trovato Vanessa, è viva...": è stato l'escamotage usato dalla polizia per fare confessare Francesco Lo Presti, che, disperato, è scoppiato a piangere: "non è possibile", avrebbe detto, "ho fatto una fesseria, non può tornare più....". E' quanto si apprende da fonti investigative. Dopo le ammissioni di colpa, l'uomo avrebbe spiegato di avere agito per gelosia e avrebbe fatto trovare il corpo della sua fidanzata alla polizia. Lo avrebbe chiamato col nome del suo ex fidanzato in un momento di intimità. Sarebbe stata questa la molla della violenta gelosia che ha spinto Francesco Lo Presti a uccidere la sua fidanzata nella loro abitazione di Enna. E' quanto si apprende da fonti investigative. Secondo questa ricostruzione, dopo la lite la ragazza stava per uscire di casa, ma l'uomo l'avrebbe strangolata con un cavo elettrico e poi soffocata con un fazzoletto. La Procura avrebbe disposto accertamenti tossicologici su vittima e fermato per verificare l'eventuale assunzione di stupefacenti o sostanze alcoliche. Dopo avere commesso il delitto Francesco Lo Presti avrebbe valutato l'ipotesi di suicidarsi, ma lontano da Enna, probabilmente a Catania. E' quanto emerge dalle otto pagine del fermo disposto dalla Procura nei confronti del 34nne che tre giorni fa, per gelosia, ha strangolato a casa e poi gettato da un cavalcavia la fidanzata di 20 anni, Vanessa Scialfa. Il provvedimento gli è stato notificato dalla squadra mobile della Questura di Enna.

"Sono un padre attento che si occupa dei propri figli. Ma Vanessa non sono riuscita a difenderla" . Giovanni Scialfa il padre della 20enne uccisa dal fidanzato convivente Francesco Lo Presti 34 anni, non si dà pace. Seduto con la moglie Isabella davanti l'obitodio del cimitero di Enna piange la sua "amata creatura". "Mia figlia è andata via da casa il 5 febbraio - ricorda - lavorava al chiosco della Kore come barista e un paio di volte avevo visto questo ragazzo là con lei. Le avevo detto che non mi piaceva. così lei era andata via da casa. Mi ero rivolto alle forze delll'ordine ma loro mi avevano detto che era maggiorenne". Dopo 15 giorni erano andati a convivere. "La prima volta che li ho ricevuti a casa è stato per Pasqua - rievoca Giovanni Scialfa - anche domenica scorsa erano stati a casa mia. Avevano litigato perché lui che era in malattia dal lavoro, faceva il lavapiatti in un albergo, rischiava il licenziamento. Martedì mattina mia moglie ha chiamato Vanessa - conclude il padre della ventenne uccisa - che le ha detto che Francesco era andato a lavoro. Ma da quello che sappiamo è tornato a casa prima perché si è licenziato".

A 20 ANNI STRANGOLATA E BUTTATA DA UN CAVALCAVIA A ENNA - Aveva vent'anni Vanessa Scialfa, capelli lunghi e una frangetta che ricordava il taglio delle dive del cinema. Sul viso l'espressione di chi ha curiosità per la vita, una vita finita troppo presto, per la follia di chi l'ha uccisa e poi scaraventata giù da un cavalcavia, vicino a quella che un tempo era una fiorente miniera di salgemma dell'Ennese e ora è un posto polveroso in una Sicilia che ormai parla di sé solo al passato. Vanessa era scomparsa martedì scorso da Enna, dove viveva insieme al suo fidanzato, Francesco Lo Presti, 34 anni. Erano stati i genitori di lei a denunciarne la scomparsa ai carabinieri. Alle 15.15 di due giorni fa si erano recati in caserma dopo aver parlato con il fidanzato della figlia, il quale aveva detto loro che Vanessa era uscita per un appuntamento di lavoro e aveva confusamente riferito di una lite avvenuta poco prima. Adesso Lo Presti è stato fermato, dopo un lungo interrogatorio in questura, e su di lui pesano tutti i sospetti. I primi risultati dell'indagine portano a ipotizzare che la ragazza sia stata strangolata in casa; poi il corpo è stato avvolto in un lenzuolo e lanciato giù dal cavalcavia. Notizie che arrivano all'orecchio del padre di Vanessa, Giovanni, distrutto dal dolore, mentre si trova all'obitorio del cimitero, dove ha dovuto compiere il triste rito del riconoscimento del cadavere. "Non lo devono arrestare - grida - perché poi ci penserò io, con le mie mani... Lo avevo accolto in famiglia perché pensavo che fosse un bravo ragazzo, ma come si fa a uccidere per un futile litigio". Vanessa e Francesco vivevano in una casa di via Filippo Gallina, in una zona periferica vicino al Castello di Lombardia, di cui il padre della ragazza, un geometra, era custode e col suo stipendio mandava avanti una famiglia con sei figli, tre dei quali avuti dal secondo matrimonio. Dopo la scomparsa di Vanessa, su facebook erano sorti cinque gruppi per il suo ritrovamento, a cui si erano iscritte tremila persone. "Vi prego di diramare questa foto - aveva scritto il padre agli "amici" del social network - è mia figlia, non abbiamo notizie da martedì 24 aprile". Dopo la scomparsa nessuno aveva pensato all'omicidio, sembrava un allontanamento volontario, ma la situazione è precipitata. Nonostante il riserbo di investigatori e inquirenti, qualcosa trapela: Lo Presti - interrogato alla presenza del suo avvocato - sarebbe presto crollato davanti all'incalzare delle domande e la versione del litigio e dell'allontanamento della ragazza non ha retto a lungo. Da quanto si apprende, proprio lui avrebbe condotto le forze dell'ordine sul luogo in cui è stato ritrovato il corpo di Vanessa, avvolto in un lenzuolo. Intanto, la città è sgomenta. Nel Comune capoluogo di provincia, ma che conta poco meno di 30 mila abitanti, tutti conoscevano Vanessa. Il sindaco, Paolo Garofalo, non ha parole: "E' terribile quello che è accaduto - dice -. Nessuno ridarà la vita a Vanessa, ma il Comune intende fare tutto ciò che potrà per i suoi familiari".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni