Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Andrea Muccioli lascia San Patrignano

Per 16 a capo della comunita', ci sarebbero divergenze con i Moratti

07 agosto, 17:19
Andrea Muccioli lascia San Patrignano
Andrea Muccioli lascia San Patrignano
Andrea Muccioli lascia San Patrignano

di Giulia Seno

SAN PATRIGNANO (RIMINI) - A San Patrignano c'é sempre stato un Muccioli, ma tra non molto, forse da settembre o forse più in là, Andrea Muccioli non sarà più responsabile della grande comunità per tossicodipendenti sulle colline riminesi, che si è fatta conoscere anche per i prodotti agricoli d'eccellenza e l'equitazione ad altissimo livello.

A Rimini e dintorni lo si diceva già da qualche giorno e le voci parlavano di diversità di vedute tra Muccioli e la famiglia Moratti. Questa sera è giunta dalla comunità la conferma che Muccioli lascerà, ma precisando che resta invariato il sostegno dei Moratti, che affonda nel tempo quasi con le stesse radici di Sanpa, fondata nel 1978 da Vincenzo Muccioli, figura amata ma anche discussa per le sue metodologie di recupero, soprattutto nel periodo dell'omicidio di Roberto Maranzano, ospite della comunità, e del successivo processo.

Il figlio Andrea prese le redini di Sanpa dopo la sua scomparsa nel 1995. Da allora, solo successi. Tanto che potrebbe essere allo studio per lui una qualche forma di collaborazione con la comunità. La conferma della sua decisione di lasciare è stata diffusa con un comunicato congiunto che Andrea Muccioli ha firmato con Letizia e Gianmarco Moratti.

"Abbiamo sempre lavorato - recita - per un unico e comune obiettivo: il bene dei ragazzi di San Patrignano. E' stato così in passato, lo è oggi, lo sarà domani. Scelte e decisioni individuali di ognuno di noi, non modificano questo fatto. Tanto meno il sostegno che da 32 anni tutta la famiglia Moratti offre alla comunità e che continuerà in futuro. Tutto ciò rimane valido, anche nel momento in cui chi oggi ricopre il ruolo di responsabile della comunità, decide di lasciare i suoi incarichi".

Un comunicato che conclude con un dettaglio altrettanto importante per la comunità: "Sarà San Patrignano stessa, i suoi operatori e i suoi volontari, a decidere come assumersi collettivamente le grandi responsabilità portate avanti con dedizione e successo da Andrea Muccioli".

Insomma, si mormora sulle colline riminesi - dove nessuno ammette fratture anche se già nei giorni scorsi non si smentiva l'ipotesi che Muccioli potesse lasciare -, se frizioni davvero ci fossero state tra Muccioli e Moratti, si tratterebbe di un fatto privato che non deve avere ripercussioni sulle altre scelte rilevanti per la comunità.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni