Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Pirateria: tornata in liberta' nave 'Anema e Core'

Stanno tutti bene i membri dell'equipaggio

29 luglio, 15:48
La fregata Maestrale (in primo piano) della Marina militare italiana (foto d'archivio)
La fregata Maestrale (in primo piano) della Marina militare italiana (foto d'archivio)
Pirateria: tornata in liberta' nave 'Anema e Core'

ROMA - E' tornata in liberta' la motonave cisterna ''RBD Anema e Core'' che era stata sequestrata dai pirati nei giorni scorsi nel golfo della Nigeria , al largo del Benin. Secondo quanto si apprende dal comando generale delle capitanerie di porto, i pirati hanno abbandonato il cargo che ora e' in navigazione in acque sicure.

''I membri dell'equipaggio, informa da bordo il comandante, stanno bene'.  I pirati - informa il capo ufficio relazioni esterne delle Capitanerie di porto - hanno abbandonato la nave alle 22:37 di ieri sera, e ora il cargo e' in navigazione verso una posizione sicura. La nave - che fa capo alla società armatoriale RBD Armatori (Rizzo-Bottiglieri-De Carlini Armatori S.p.A.) di Torre del Greco, e che trasporta gasolio da autotrazione - era stata sequestrata dai pirati la notte fra il 23 e il 24 luglio scorso al largo delle coste della Nigeria. L'allarme era stato dato intorno alle 2:40 del giorno 24 dal Comando generale delle Capitanerie di porto. Giuseppe Mauro Rizzo, Amministratore delegato della Compagnia armatrice, ha espresso apprezzamento nei confronti dell'equipaggio della nave e della struttura di terra per aver affrontato e gestito con coraggio e professionalità l'emergenza nel rispetto dei protocolli di sicurezza. Inoltre, ha ringraziato il Comando Generale delle Capitanerie di porto e l'Unità di Crisi della Farnesina, che ha mantenuto costantemente i contatti con la Società armatrice e le famiglie dell'equipaggio, sottolineando l'efficienza e la tempestività con la quale hanno seguito gli eventi.

SINDACO TORRE DEL GRECO: 'LIBERAZIONE IMMENSA GIOIA' - "Ci riempie di immensa gioia la liberazione degli uomini e del mercantile Rbd Anema e Core. Adesso non possiamo attendere il prossimo arrembaggio. Sono necessari provvedimenti e sinergie di intenti forti a livello internazionale, affinché siano garantite maggiori sicurezze per i tanti marittimi impegnati in lavori duri e lontani dai propri cari". Così Ciro Borriello, sindaco di Torre del Greco ha commentato la liberazione della motonave cisterna "RBD Anema e Core" che era stata sequestrata dai pirati nei giorni scorsi nel golfo della Nigeria , al largo del Benin. "Esprimiamo - conclude il Primo cittadino - la nostra più sincera gratitudine al Governo, in particolare all'onorevole Franco Frattini, ministro degli Esteri, all'Unità di crisi della Farnesina e a tutti coloro che si sono adoperati per aver restituito alle famiglie i loro cari".

ARMATORE: 'PLAUSO E APPREZZAMENTO PER EQUIPAGGIO' - L'amministratore delegato della società armatoriale RBD Armatori compagnia (Rizzo-Bottiglieri- De Carlini Armatori S.p.A.) di Torre del Greco, Giuseppe Mauro Rizzo, ha espresso "plauso e apprezzamento" per l'equipaggio della nave e della struttura di terra per "aver affrontato e gestito con coraggio e professionalità l'emergenza nel rispetto dei protocolli di sicurezza". Rizzo ha anche ringraziato il Comando Generale delle Capitanerie di porto e l'Unità di Crisi della Farnesina, che ha mantenuto costantemente i contatti con la Società armatrice e le famiglie dell'equipaggio, sottolineando "l'efficienza e la tempestività con la quale hanno seguito gli eventi". I pirati hanno abbandonato la "RBD Anema e Core" alle 22,37 di ieri, ora la nave è in navigazione verso una posizione sicura, da bordo il comandante ha informato che gli uomini dell' equipaggio stanno bene. La Anema e Core, che trasporta gasolio da autotrazione, era stata sequestrata dai pirati la notte fra il 23 e il 24 luglio scorso al largo della Nigeria. L'allarme era stato dato intorno alle 02.40  /7> del 24 dal Comando generale delle Capitanerie di porto.

"La nave è già in navigazione in acque sicure e continuerà a girare il mondo per assolvere alla funzione per la quale è stata realizzata" ha aggiunto Rizzo.

"E' stata premiata la pazienza - ha aggiunto Rizzo - e sento di ringraziare in prima battuta i 23 componenti dell'equipaggio, che in un momento non certo facile non hanno mancato di mostrare professionalità e quella giusta calma che serve a fronteggiare simili situazioni". Rizzo ha voluto rivolgere anche un ringraziamento all'Unità di crisi della Farnesina e al comando generale delle Capitanerie di porto, "che hanno attivato i giusti canali diplomatici per arrivare al rilascio. Le autorità hanno seguito costantemente questa vicenda, informandoci sempre di come evolvessero le cose". L'ad della Rbd Rizzo-Bottiglieri-De Carlini mantiene, invece, il massimo riserbo sull'azione dei pirati nigeriani: "Non possiamo dire se questi soggetti abbiano portato via o meno risorse dalla nave, in quanto su questi aspetti non èpossibile sbilanciarsi per non compromettere il lavoro investigativo. Di certo però si può affermare che chi compie questi atti di norma ha scarsa 'inventiva', e alla fine la vicenda si conclude quasi sempre con un saccheggio".

MAMMA CARLUCCIO, E' LA FINE DI UN INCUBO - "Ho ricevuto la telefonata di Jacopo ieri sera intorno alle 23. Mi ha detto 'i pirati sono andati via. Sto bene, non mi è successo nulla, presto tornerò a casa'. E' stata una liberazione, la fine di un incubo, non vediamo l'ora di poterlo riabbracciare". Così Antonella Mollica commenta la liberazione del figlio, Jacopo Carluccio, il giovane di 22 anni, di Ameglia, studente dell' Accademia Italiana della Marina Mercantile di Genova, membro dell' equipaggio della nave mercantile 'Anema e Core' liberata dai pirati ieri sera dopo il sequestro avvenuto nella notte tra il 23 e il 24 luglio scorsi. "Quando abbiamo sentito la sua voce al telefono abbiamo tirato un sospiro di sollievo. Jacopo ci ha detto che questa mattina sarebbe stato condotto in un ospedale per sostenere alcune visite, e che presto sarebbe tornato a casa. Aspettiamo con ansia il suo rientro", ha concluso la donna.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni