Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Auschwitz al Pigneto: 'Provocazione artistica'

'Work will make you free' con lo stesso stile di quella del campo di concentramento

26 aprile, 16:48
L'insegna del Pigneto e quella di Auschwitz
L'insegna del Pigneto e quella di Auschwitz
Auschwitz al Pigneto: 'Provocazione artistica'

ROMA - Non e' un'apologia dell'Olocausto, si tratta solo di una provocazione per dire che la nostra societa' e' un enorme campo di concentramento. L'autore della scritta 'Work will make you free', apparsa ieri al Pigneto, spiega le sue ragioni sulle pagine de 'Il Fatto' e in un'intervista audio- video sul sito dello stesso quotidiano. Per lui voleva essere una sorta di monito. Come dire: 'Attenti a questa deriva, rischiamo tutti di perdere le normali condizioni di vita''. ''Sapevo che si trattava di una provocazione'', ammette. E si difende: ''Sono un artista che ha voluto aprire un dibattito, non posso e non voglio essere confuso con teppisti o fanatici''. Ha 32 anni, e' lucano, e' un precario: insegna Grafica e fa corsi di formazione ai disoccupati. Per arrivare a mille euro al mese, racconta: ''Ci devo sudare'', 350 vanno per una stanza in affitto: nessun aiuto dai genitori pensionati. Nessun orientamento politico denunciato, men che meno simpatie naziste. L'idea gli era venuta un anno fa e poi ha decantato prima della realizzazione. Insegna tonda non come l'originale, ''come quelle del Luna Park'' fa notare, in inglese e non in tedesco: ''Per alleggerire'' sottolinea e affinche' ''tutti la potessero capire, anche i turisti''. Il fatto che sia apparsa il 25 aprile, assicura che e' stato solo un caso: avrebbe voluto farlo la scorsa settimana, ma per problemi tecnici e' apparsa il giorno della Liberazione. Chiede scusa alle famiglie delle vittime dell'olocausto se non volendo le ha offese. Assicura il massimo rispetto. Parla di un dovere dell'arte: sollevare problemi e suscitare dibattiti. ''Io volevo - spiega - che guardando questo cancello, installato in una periferia, abitata da giovani precari ed extracomunitari oggi diventati clandestini, tutti riflettessero sul fatto che un pezzo di lager e' nelle nostre citta', mentre noi ce ne passeggiamo spensierati''. ''Tutt'altro che nazista - sottolinea - volevo far riflettere''. E incalza ''a volte le condizioni di lavoro sono cosi' difficili da essere quasi schiavitu'''. Definisce un ''paradosso'' il coro di politici dopo la sua rappresentazione e si chiede: ''Il sindaco che ha deportato i romeni, e ha diviso il padre dai figli, e' lo stesso che rilascia dichiarazioni indignate contro il neonazismo e mette al primo posto le politiche della famiglia. Chi sbaglia io o lui?''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni