Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Thiene saluta Matteo, "generoso cuore di alpino"

"Arrivato in Afghanistan aveva meravigliato tutti citando don Gnocchi e dicendo 'ora dobbiamo stare in prima linea'"

04 gennaio, 17:35
Un momento dei funerali di Matteo Miotto
Un momento dei funerali di Matteo Miotto
Thiene saluta Matteo, "generoso cuore di alpino"

THIENE (VICENZA) - "Arrivato in Afghanistan aveva meravigliato tutti citando don Gnocchi e dicendo 'ora dobbiamo stare in prima linea'". E' il ricordo del caporalmaggiore Matteo Miotto, ucciso il 31 dicembre in Afghanistan, così come lo ha voluto sottolineare monsignor Livio Destro, vicario del vescovo di Padova, aprendo l'omelia dei funerali del giovane alpino celebrati nel Duomo di Thiene. "Con il suo ottimismo - ha proseguito monsignor Destro - Matteo aveva contagiato i suoi compagni in quella terra ferita. Era il suo stile di vita da 'generoso cuore di alpino' che aveva ereditato dal nonno e mantenuto nelle sue frequentazioni nella parrocchia dell'Olmo di Thiene". Il celebrante ha definito "timido, discreto, ma pronto ad agire" il caporalmaggiore: "forse per questa sua disponibilità era così amato e stimato". Richiamando le parole del Vangelo di Matteo che ricordava come nostro Signore affamato, incarcerato, nudo, aveva trovato cibo, libertà e vestiti dal suo prossimo, monsignor Destro ha sottolineato che questi sentimenti "erano propri di Matteo che scrivendo ai suoi concittadini rilevava le differenze con gli afghani sempre però con molto rispetto". Il vicario vescovile ha quindi ricordato che in una tasca della mimetica che l'alpino vicentino indossava quando è stato colpito dal cecchino è stato trovato un piccolo presepio di legno intagliato in un ramo. "Una piccola opera d'arte - ha detto il sacerdote - che Matteo custodiva gelosamente e chissà quante volte avrà guardato il volto del Bambin Gesù nei giorni di Natale dopo aver accarezzato il visi dei bambini afghani". Prima di iniziare la cerimonia liturgica lo stesso monsignore aveva sottolineato come la partecipazione di migliaia di persone ai funerali rappresentasse "un abbraccio della città, della regione, di questa terra a Matteo per dirgli che siamo responsabili e che rispondiamo al Dio dell'amore". "L'eclisse é appena finita - aveva osservato il sacerdote - e dopo l'eclisse del dolore e della sua sofferenza il ricordo di Matteo ci dia la forza di reagire".

GENITORI MIOTTO, EROE VERO ED ESEMPIO PER GIOVANI - Con un breve messaggio del vescovo di Padova Antonio Mattiazzo, una lettera della famiglia letta da un padre cappuccino e una canzone di Franco Battiato cantata da Nicola Varo, cugino di Matteo, si sono conclusi nel Duomo di Thiene i funerali del caporal maggiore degli Alpini Matteo Miotto, ucciso il 31 dicembre in Afghanistan. Particolarmente toccanti le parole dei familiari della giovane vittima che lo hanno voluto ricordare "come un alpino vero". "Tu sei l'eccezione - hanno sottolineato - non la normalità, tu sei l'eroe vero non un eroe falso come quelli mercificati. Sarai un esempio per i giovani di oggi". Il feretro sarà ora accompagnato al cimitero di Thiene e prima della tumulazione farà una breve sosta nel Santuario della Madonna dell'Olmo frequentato dal giovane alpino. Un applauso ha salutato l'uscita della bara dalla chiesa così come un applauso aveva accolto le spoglie dell'alpino all'arrivo nel tempio cristiano. Monsignor Livio Destro, che ha celebrato la funzione religiosa, ha invitato la grande folla a non seguire al cimitero l'ultimo viaggio di Matteo Miotto, un ultimo atto che la famiglia vuole vivere in forma privata".

ESERCITO, FOTO BANDIERA INVIATA A STAMPA SENZA STEMMA - ''La foto del primo caporalmaggiore Matteo Miotto a bordo di un blindato diffusa dall'Esercito agli organi di informazione il giorno della sua morte era stata fornita dallo stesso Matteo un paio di mesi prima a corredo della sua 'lettera aperta' dall'Afghanistan pubblicata in occasione della festa delle Forze armate, il 4 novembre: in quella foto la bandiera italiana che ha in mano l'alpino non reca lo stemma sabaudo''. Lo afferma lo Stato maggiore dell'Esercito, dopo che alcuni organi di informazione hanno avanzato l'ipotesi che la foto fosse stata 'ritoccata' dall'ANSA. La foto trasmessa dall'Esercito all'ANSA e agli altri organi di stampa, viene ribadito, non presentava lo stemma sabaudo. La fotografia con quello stemma e' stata successivamente diffusa dal papa' di Matteo
Miotto
.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni