Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Neonato morto in ospedale, periti: era sano

Cordone intorno al collo, tracciato monitoraggio strappato

29 dicembre, 20:06
L'ospedale Santo Spirito in Sassia a Roma
L'ospedale Santo Spirito in Sassia a Roma
Neonato morto in ospedale, periti: era sano

ROMA - Fino al momento del travaglio e del parto, il piccolo Gabriele Gnessi non presentava danni compatibili con quelli riscontrati dopo la nascita. E' la conclusione a cui sono giunti i periti incaricati dalla Procura di Roma di svolgere gli esami sulla morte del bambino avvenuta il 2 settembre 2009 nell'ospedale 'Bambino Gesu'' di Roma. A gettare ombre su quanto accadde la notte del 28 del luglio precedente nell'ospedale romano di 'Santo Spirito in Sassia' anche il ritrovamento in un cestino della spazzatura della parte finale del tracciato del monitoraggio del travaglio e del parto: un possibile tentativo di occultamento.

Il piccolo, spiegano i periti, aveva due giri di cordone ombelicale attorno al collo e fin dalle prime fasi del travaglio ha sofferto di una 'grave mancanza di ossigeno'. Ipossigenazione che, prolungata, ha provocato un danno giudicato "vasto e irreversibile alla corteccia cerebrale" che ha portato Gabriele alla morte. I genitori di Gabriele, da subito, hanno denunciato l'accaduto e hanno chiesto perché i medici non siano intervenuti con un taglio cesareo. Parte del mistero starebbe proprio in quel nastro cartaceo con il tracciato del monitoraggio.

Quei 90 minuti finali di registrazione testimonierebbero che forse sarebbe stato possibile intervenire. La madre di Gabriele si era presentata autonomamente al Santo Spirito per quello che sembrava un normale parto a termine e durante il quale non erano state registrate irregolarità o anomalie particolari salvo una minaccia di parto pretermine poche settimane prima, ma poi rientrata.

Durante le fasi di travaglio e parto, spiega il legale della famiglia Gnessi, Rodolfo Spanò "tutto è andato male e Gabriele è nato più morto che vivo. Abbiamo chiesto la sospensione cautelare dal lavoro di medici e ostetriche intervenuti durante il parto ma senza successo". La direzione sanitaria del Santo Spirito, pur non entrando nel merito della vicenda, afferma di attendere con fiducia l'esito delle indagini della magistratura e di aver "cristallizzato" quanto avvenuto quella notte. Quanto ai provvedimenti cautelativi di sospensione, spiegano, "non sono eseguibili fino a sentenza definitiva di condanna".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni