Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Matrimonialisti, 6 mila separati tornano insieme

Un quinto dei coniugi vivono da 'separati in casa'

16 maggio, 15:22
Matrimonialisti, 6 mila separati tornano insieme
Matrimonialisti, 6 mila separati tornano insieme
Matrimonialisti, 6 mila separati tornano insieme

ROMA - Separati veri, separati per finta per gabbare il fisco, separati che tornano a vivere insieme, separati "in casa" per motivi economici o per vergogna, separati che non divorziano, divorziati che tornano insieme e magari si risposano: sono tante le sfaccettature della crisi dei matrimoni in Italia. L'Associazione Matrimonialisti Italiani (Ami) prova a fornire le cifre e le tendenze dei fenomeni. Ogni anno in Italia si registrano 160 mila nuovi separati e 100 mila divorziati, un trend costante nell'ultimo decennio, al quale corrisponde un forte calo del numero di matrimoni, passati dai 400 mila degli anni '70 ai 240.000 del 2009. Dei 160 mila nuovi separati, rende noto l'Ami, circa 8.000 persone (5%) scelgono la cosiddetta "separazione simulata" per conseguire vantaggi di carattere fiscale, seppure la coppia sia affiatata e si continui a vivere insieme.

Occorre poi considerare che circa 6 mila separati (o separandi) tornano a vivere insieme durante o dopo l'iter della separazione, in genere per motivi di carattere sentimentale, economico, genitoriale. Delle 146 mila persone separate in via definitiva soltanto 100 mila divorziano, il resto non lo fa per ragioni legate al disinteresse di ottenere lo stato libero (coppie non più giovanissime) o a motivi religiosi (la chiesa cattolica vede nel matrimonio un sacramento indissolubile). Anche tra i divorziati può subentrare la riconciliazione: si calcola che lo 0.1% torni a vivere insieme (circa 100 all'anno) e che circa un quinto di costoro decida addirittura di risposarsi con rito civile. Secondo dati dell'Ami, poi, un quinto del totale dei coniugi italiani vive da "separati in casa".

Le ragioni di tale scelta, sempre più frequente, vanno ricercate nelle difficoltà economiche del momento e nelle necessità di evitare l'impoverimento della famiglia. Queste coppie vivono sotto lo stesso tetto ma con letti separati, organizzano vacanze separate, hanno sovente nuovi partner e concorrono alle spese comuni tra cui anche quelle del mutuo della casa coniugale. Sussiste anche un'altra ragione di fondo, avvertita soprattutto nel centro sud: la condizione dei separati e dei divorziati viene vissuta come un fallimento personale e una vergogna sociale.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni