Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Cucchi, ecchimosi sugli occhi suggeriscono ''lesioni inferte''

28 aprile, 21:52

(di Gabriele Santoro)

ROMA - Sul suo letto dell'ospedale 'Sandro Pertini' di Roma, Stefano Cucchi probabilmente non si stava rendendo conto della gravita' della sua situazione e nell'ultimo contatto con i paramedici, a mezzanotte, chiese una cioccolata. Poche ore dopo, attorno alle sei, stavano rianimandolo.

Ma probabilmente era gia' morto da almeno tre ore. E' quanto si legge negli atti della commissione di inchiesta sul servizio sanitario nazionale presieduta da Ignazio Marino, desecretati oggi, dopo un voto a maggioranza e di cui l'ANSA e' in possesso. Cucchi, si legge ancora, poteva ''non essere in grado di comprendere che se avesse continuato a rifiutare la terapia endovenosa poteva correre rischi mortali''. E sebbene i medici della struttura protetta avessero ''correttamente eseguito'' la diagnosi della sindrome metabolica sopravvenuta ''intorno al secondo-terzo giorno di degenza'' per il rifiuto da parte di Cucchi di assumere cibo e liquidi, ''il punto e' valutare se percepirono il 'punto di non ritorno della sindrome', poiche' questo imponeva cure d'urgenza''. In particolare, e' dalle trascrizioni delle relazioni dei consulenti della commissione che emergono parecchi dettagli sulla vicenda del geometra romano morto a una settimana dal suo arresto per droga, sul quale indaga la Procura di Roma. ''Stefano - spiego' nell'audizione del 3 febbraio il professor Vincenzo Pascali - non rifiutava tutte le cure ma solo quelle in vena''. E poi ''non rifiutava cibo e acqua in generale ma solamente in certi momenti. Cio' era finalizzato alla soddisfazione di una richiesta precisa, parlare con il proprio avvocato''. Dunque ''l'opposizione del paziente alle cure non era di principio'' e ''poteva essere rimossa'' accontentandolo. Ai medici del Pertini, insomma, si potrebbe imputare ''la mancata individuazione dell'urgenza e gravita' del problema la sera del 21 ottobre''. Dalla relazione di Pascali emerge inoltre come siano le ecchimosi sugli occhi, molto piu' che le valutazioni sulle lesioni vertebrali e sacrococcigee, che ''inducono a pensare che le lesioni non sono particolarmente compatibili con l'ipotesi di un evento accidentale ma suggeriscono invece l'ipotesi di lesioni inferte''. Negli atti desecretati oggi si fa luce inoltre su alcuni aspetti dei passaggi di ospedale in ospedale del geometra romano: all'ingresso del carcere di Regina Coeli fu ''collaborativo''. A riferirlo alla commissione e' Rolando Degli Angioli, il medico operante presso l'unita' di medicina penitenziaria del carcere. Cucchi ''era molto magro, aveva freddo, pesava poco, era sbigottito su quanto stava succedendo, e aveva una pressione di 90/60. Era vigile e lucido, ma rallentato nel parlare'' perche' aveva assunto un antiepilettico e ansiolitico, somministratogli a piazzale Clodio. ''Aveva dolore alla schiena e nel camminare, riferiva nausea e astenia". Elementi che hanno fatto richiedere a Degli Angioli che venisse trasportato subito al Fatebenefratelli perche' gli fosse fatta una radiografia del cranio, una della regione sacrale e una visita neurologica. La richiesta di ricovero fu emessa alle 16.15-16.30. L'ambulanza, si legge ancora nelle carte, e' arrivata alle 18.15 ma Cucchi e' uscito dal carcere alle 19.50. ''Stefano doveva stare in ospedale - spiega Degli Angioli - Se la radiologia del carcere fosse stata aperta ce lo avrei mandato lo stesso perche' stava male. Non era un male dell'anima o del pensiero, ma fisico. Non abbiamo parlato del perche' stava li'. Io gli ho dato l'acqua''. Nello spiegare la tempistica del trasbordo in ospedale, che - puntualizza il documento - si trova a 600 metri dal carcere, Degli Angioli riferisce che lascio' la richiesta di portare Cucchi in ospedale direttamente all'agente preposto che si trovava lì. "Dell'uscita alle 19.50 non so il perche'''. Il ragazzo rientro' poi a Regina Coeli alle 23, e anche qui ''non so rispondervi perché fosse rientrato''. Sulla decisione di desecretare gli atti e' stata oggi pero' polemica politica: a votare per il si' i 10 commissari del Pd, dell'Idv e la gruppo misto Poli Bortone. La Lega si e' astenuta mentre il Pdl si e' opposto: ''Il nostro no - ha spiegato il capogruppo in commissione Michele Saccomanno - e' perche' volevamo trovare un sistema comune per garantire le persone che abbiamo convocato''. Per la presidente dei senatori Pd Anna Finocchiaro e' stato invece ''un atto di meritoria trasparenza delle istituzioni''. Il presidente Marino si e' detto convinto che ''la desecretazione possa aiutare la Procura a fare chiarezza anche sui comportamenti individuali dei medici''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni