Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Civitavecchia, chiusa centrale Enel

Per la morte dell'operaio avvenuta sabato scorso, sono 10 gli indagati per omicidio colposo

08 aprile, 09:30
Il sindaco di Civitavecchia Giovanni Moscherini ha annunciato la chiusura della produzione della centrale Enel di Torrevaldaliga
Il sindaco di Civitavecchia Giovanni Moscherini ha annunciato la chiusura della produzione della centrale Enel di Torrevaldaliga
Civitavecchia, chiusa centrale Enel

CIVITAVECCHIA  - Cancelli chiusi stamani alla centrale Enel di Torre Valdaliga Nord dopo l'ordinanza di chiusura del sindaco di Civitavecchia Giovanni Moscherini, firmata ieri a seguito dell'ultimo incidente mortale avvenuto sabato scorso all'interno dell'impianto. Circa 300 operai si sono recati stamani davanti ai cancelli della centrale per avere informazioni precise su quanto determinerà l'ordinanza di chiusura di 15 giorni della centrale. Ad attenderli i responsabili sindacali tra cui la segretaria della Cgil Elsa Bertero che ha spiegato loro che da oggi verranno avviate le procedure per garantire ai lavoratori, attraverso ammortizzatori sociali, un reddito per tutto il periodo di stop della centrale. La prima riunione tecnica convocata da Moscherini per dare corso a quanto disposto dall'ordinanza - tutte le verifiche tecnico e amministrative per stabilire le eventuali criticità sulla sicurezza per i lavoratori - si terrà stamani alle 11 nella sede del comune di Civitavecchia.

DIECI INDAGATI PER INCIDENTE
(dell'inviata Diana A. Formaggio)
Alla "morte annunciata" di Sergio Capitani, vittima di un incidente, il terzo dal 2007, sabato scorso all'interno della centrale Enel di Torre Valdaliga Nord, il sindaco di Civitavecchia Giovanni Moscherini ha risposto ieri con la chiusura della centrale. Una decisione vissuta dal primo cittadino "come un'assoluta necessità": la nuova centrale, con la trasformazione a carbone, "non può vivere nell'incertezza della sicurezza". Da oggi, con l' ordinanza di chiusura firmata dal sindaco e concordata con i presidenti delle province di Roma e Viterbo e con il sindaco di Viterbo, i cancelli degli impianti chiuderanno per 15 giorni a meno che le verifiche non consentano una riapertura anticipata. L'Enel, in serata, ha fatto sapere di non condividere la decisione della chiusura, sottolineando che le verifiche sulla sicurezza delle condizioni di lavoro "possono essere effettuate senza fermare l'operatività del sito". Ma novità sono arrivate anche sul fronte dell'inchiesta aperta dalla procura di Civitavecchia. Dieci persone sono infatti indagate per omicidio colposo. Secondo quanto si è appreso si tratta di sette dirigenti Enel (tutti in forza alla centrale di Torre Valdaliga Nord), due della ditta di manutenzione Guerrucci, per cui lavorava l'operaio morto, e uno della Chiodi. Ulteriori chiarimenti sulla dinamica dell'incidente arriveranno giovedì o venerdì prossimo, quando a Roma verrà effettuata l'autopsia sul corpo di Capitani. L'operaio stava lavorando con altri tre colleghi alla disostruzione di un tubo da cui è fuoriuscita acqua e ammoniaca. Disponendo la chiusura della centrale, il sindaco non ha accettato la versione dei rappresentanti Enel sulla dinamica dell'incidente che, a loro avviso, "prescinde da un quadro di mancanza strutturale di sicurezza". Prima di decidere lo stop ha voluto "ascoltare direttamente dai tre colleghi di Capitani feriti e ancora ricoverati come si sono svolti i fatti". E, i fatti, ha detto "sono andati diversamente". Comunque, "l'eventuale chiusura della centrale Enel di Torre Valdaliga e la conseguente interruzione della produzione - precisano i tecnici di Terna - non causerebbero alcun problema sulla rete elettrica". Oltre alle verifiche da effettuare nel periodo di chiusura della centrale - "i tempi li decideranno gli esperti di Inail, Asl ed enti preposti" - Moscherini ha chiesto alla Regione "di allestire postazioni stabili di controllo della sicurezza all' interno di Torrevaldaliga Nord, Torrevaldaliga Sud, al porto e in ogni altro luogo dove sia necessario". Scelte condivise dai sindacati. Per il leader della Cgil del Lazio Claudio Di Berardino "per garantire e monitorare la sicurezza nella centrale Enel serve una task force di esperti e piena libertà di movimento per i responsabili della sicurezza all'interno di tutti gli impianti". L'annuncio dello stop della centrale è stato accolto dagli operai delle ditte che hanno in appalto la manutenzione dell'impianto, ieri in sciopero "in segno di lutto", con un fragoroso e liberatorio applauso. I colleghi hanno voluto dedicare questa vittoria "per arrivare a lavorare in sicurezza, al nostro collega Sergio Capitani. L'Enel ci manda ogni giorno allo sbaraglio". La neo eletta presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ieri ha incontrato a Tarquinia i familiari dell'operaio morto: "Tragedie come queste - ha ribadito - non devono più accadere". Nel dolore, composto, anche i genitori di Sergio Capitani, hanno definito "sacrosanta" la chiusura della centrale per verificare il rispetto di tutte le norme di sicurezza all'interno dell'impianto.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni