Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Papa a Sacra Rota, basta annullamenti ad ogni costo

Duro richiamo a verifica prove e indissolubilita' matrimonio

29 gennaio, 17:46

(di Domitilla Conte)

CITTA' DEL VATICANO - I giudici decidano secondo giustizia, gli avvocati evitino ''con cura'' di sostenere cause perse, e nessuno creda che il matrimonio cristiano possa sciogliersi con la stessa facilita' di un divorzio civile, o quasi. E' questo il senso del duro monito riservato questa mattina da papa Benedetto XVI ai componenti della Rota Romana in occasione dell'apertura dell'Anno giudiziario del tribunale ordinario della Santa Sede, la cui principale attivita' consiste proprio nell'annullamento dei matrimoni in chiesa.

Un 'reset' divenuto nel corso degli anni fin troppo facile, soprattutto per alcuni personaggi in vista che, non volendo rinunciare alla loro fama di cattolici osservanti, desideravano comunque una maggiore liberta' nella loro vita privata. A costo, come accaduto in qualche caso, di dichiararsi falsamente impotenti o infermi di mente. Il pericolo di una eccessiva attenzione alle ''esigenze soggettive'', accompagnato da una verifica non sempre approfondita delle prove, era gia' stato sottolineato dal Papa lo scorso anno, e il decano del tribunale, mons. Antoni Stankiewicz, non ha mancato di ammettere le difficolta', frutto di quella ''visione relativistica'' della persona umana e della sua natura denunciata da papa Ratzinger e, prima di lui, da Giovanni Paolo II, che aveva intravisto il pericolo, per la Rota Romana, di diventare ''una facile via per la soluzione dei matrimoni falliti''. Benedetto XVI parte da lontano e arriva a conclusioni operative: ''Occorre prendere atto della diffusa e radicata tendenza, anche se non sempre manifesta - ha detto a giudici e avvocati rotali - che porta a contrapporre la giustizia alla carita', quasi che l'una escluda l'altra'', quasi che ''la carita' pastorale'' potesse ''giustificare ogni passo verso la dichiarazione della nullita' del vincolo matrimoniale''. La ''verita''', insomma, asservita ad esigenze personali, come vuole il relativismo imperante, una ''cultura senza verita''', che fa dell'amore, e del matrimonio, ''un guscio vuoto'', e della carita' mero ''sentimentalismo''. Un problema etico alla base del concetto di giustizia, e non solo in fatto di matrimoni, che rischia di affrancarsi dalla necessita' di ''ricerca del vero'', dando legittimita' ad una semplice ''accondiscendenza ai desideri e alle aspettative delle parti, oppure ai condizionamenti dell'ambiente sociale''. E' a partire da questa complessa analisi, che Benedetto XVI ha esortato i giudici a ''rifuggire da richiami pseudopastorali che situano le questioni su un piano meramente orizzontale, in cui cio' che conta e' soddisfare le richieste soggettive per giungere ad ogni costo alla dichiarazione di nullita', al fine di poter superare, tra l'altro, gli ostacoli alla ricezione dei sacramenti della Penitenza e dell'Eucaristia''. Una questione, quella della comunione ai divorziati, al centro di un ampio dibattito all'interno della Chiesa, e che trova tra i suoi sostenitori autorevoli ecclesiastici. Il Papa chiarisce che ammettere i separati e divorziati in attesa di sentenza della Rota all'Eucaristia ''sarebbe un bene fittizio, e una grave mancanza di giustizia e di amore'', ''con il pericolo oggettivo di farli vivere in contrasto oggettivo con la verita' della propria condizione personale''. Anche perche' ''in caso di dubbio'' - ha insistito il Papa - il matrimonio ''si deve intendere valido fino a che non sia stato provato il contrario, altrimenti si corre il grave rischio di rimanere senza un punto di riferimento oggettivo per le pronunce circa la nullita', trasformando ogni difficolta' coniugale in un sintomo di mancata attuazione di un' unione il cui nucleo essenziale di giustizia, il vincolo indissolubile, viene di fatto negato''. Ad essere in gioco e' quindi il principio, fondamentale per la chiesa cattolica, dell'indissolubilita' del matrimonio, non solo inscritto nel magistero, ma anche, e non a caso - ha sottolineato Ratzinger - regolata dal Diritto.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni