Percorso:ANSA.it > Calcio > News

Supercoppa: festa Juve, furia Napoli

14 agosto, 13:36
Supercoppa alla Juve tra i veleni
Supercoppa alla Juve tra i veleni
Supercoppa: festa Juve, furia Napoli



Gol, colpi di scena, spettacolo: la Supercoppa italiana va alla Juventus, ma il modo offende il Napoli e così anche la nuova stagione si apre nel segno delle polemiche e dei veleni. Il dito è puntato su Mazzoleni, che con il cartellino costringe gli azzurri a giocare in nove: a quel punto era impossibile tenere testa all'avversaria, che nei supplementari ha messo a segno i due gol della vittoria finale. La partita era stata bellissima ed emozionante fino a quel momento: due volte in vantaggio il Napoli, due volte raggiunto dalla Juventus. A quel punto una parola di troppo rivolta da Pandev a uno dei due assistenti, è costata il cartellino rosso. Una decisione magari tecnicamente giustificata, ma certo eccessiva dal punto di vista psicologico in una finale, perché non solo ha sparigliato le forze, ma si è portata dietro altri drammi per il Napoli: Zuniga, pochi minuti dopo, per un fisiologico secondo cartellino giallo, finiva fuori. Mazzarri, non contento di avere protestato (non è una novità) sul rigore assegnato alla Juventus, apparso non nettissimo ma possibile, si é fatto cacciare, lasciando la squadra senza guida e con il morale sotto i tacchi. La protesta finale del Napoli, che non si presenta alla cerimonia di premiazione, non è sicuramente un gesto di fair play, ma Mazzoleni avrebbe potuto anche evitare una decisione così fiscale: la partita fino a quel momento era stata infatti dura ma corretta. L'analisi tecnica vale quindi fino al 90' dei tempi regolari: il Napoli si era mostrato micidiale in contropiede e la Juve lo aveva sofferto moltissimo. Dopo il gol lampo di Cavani c'era voluta una girata da cineteca di Asamoah per riportare la Juve in parità. Ma Pandev pochi minuti dopo aveva colpito quasi allo stesso modo, spazi enormi e peccato di sufficienza di Bonucci. La Juve era lentissima, Pirlo non è ancora al meglio, Marchisio nemmeno, Matri si era confermato centravanti troppo modesto come terminale offensivo. Benissimo Asamoah (grande acquisto) e promettente Giovinco, così come la carta giocata da Carrera, Vucinic, nella ripresa, si è dimostrata decisiva. Il montenegrino aveva colpito anche una traversa (con l'aiuto di De Sanctis), dimostrandosi incontenibile in coppia con Giovinco per la compassata difesa napoletana. Senza l'inferiorità numerica e gli errori tecnici e psicologici dell'arbitro, avremmo certamente assistito a supplementari ben diversi. Mazzarri aveva tolto Hamsik, a corso di benzina e probabilmente sarebbe entrato anche Insigne, presumibile spina nel fianco per la difesa bianconera con la sua velocità. La Juve dedica la vittoria ad Antonio Conte e rilancia il guanto di sfida al Napoli che nella finale di Coppa Italia era stata l'unica a batterla nella passata stagione. Tra le note liete Asamoah, Giovinco e l'identità della squadra che ha pienamente confermato la solidità dell'impianto dello scorso anno. I problemi arrivano dalla difesa (Bonucci non è in forma e Lucio ha scricchiolato non poco) e dal terminale offensivo: tanta vivacità, ma pochissima concretezza sotto porta. L'esatto opposto del Napoli, che si è dimostrato cinico e produttivo sotto porta, ma trova difficoltà quando deve costruire coralmente e ha una difesa non velocissima. Oggi ha sbagliato anche Mazzarri, con il cambio di Hamsik e il non impiego di Insigne: nel calcio non contano solo gli schieramenti tattici, ma anche le scelte in campo. Con la sua espulsione, poi, il tecnico ha indotto inconsciamente la squadra a sedersi, mentre avrebbe potuto ancora infastidire parecchio la lenta Juventus di oggi.

IL FILM DELLA PARTITA
Al 27' pt fuorigioco bianconero sbagliato; Cavani, lanciato in contropiede, insacca al secondo tentativo. 
Al 37' pt spettacolare rete di Asamoah, che con una bordata di sinistro dal limite dell'area firma il pari. 
Al 41' pt distrazione madornale della retroguardia bianconera, Pandev ne approfitta e segna con un pallonetto. 
Al 28' st Vidal trasforma il rigore concesso ai bianconeri per un fallo di Fernandez ai danni di Vucinic.
Il Napoli finisce i tempi regolamentari è in nove dopo le espulsioni di Pandev e Zuniga, nel finale della ripresa.
Al 7' pts autogol dei partenopei; una deviazione di Maggio su cross di Pirlo inganna De Sanctis e si insacca.
Al 12' pts i bianconeri dilagano; Vucinic si trova solo davanti a De Sanctis e lo supera con un comodo piatto

CARRERA, VITTORIA DEDICATA A CONTE - "Certamente il primo pensiero va al mister". Queste le prime parole di Massimo Carrera alla Rai dopo la vittoria della Juve contro il Napoli nella Supercoppa Italiana. Il tecnico, seduto in panchina al posto di Antonio Conte, squalificato per 10 mesi per l'inchiesta sul calcioscommesse, ha voluto dedicare proprio all'allenatore bianconero il successo di Pechino. "Conte non l'ho sentito durante la partita. Con lui era tutto programmato" ha aggiunto Carrera. "Dedicata ad Antonio Conte, il nostro tecnico ci ha sempre aiutato fin dal mio primo giorno alla Juve". Il centrocampista della Juventus, Kwadwo Asamoah, non ha esitato a dedicare la vittoria in Supercoppa italiana sul Napoli al tecnico bianconero, che dopo la squalifica ha seguito la partita dalla tribuna. "Non abbiamo mai mollato - ha aggiunto ai microfoni Rai - nemmeno quando eravamo in svantaggio. E' stata molto difficile, ma lo sapevamo perché il Napoli merita grande rispetto, dimostrando un grande spirito di squadra".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni