Percorso:ANSA.it > Calcio > News

Napoli passa da festa a rabbia web

Delusione per il ko e l'arbitraggio

11 agosto, 18:14
Pandev e Cavani
Pandev e Cavani
Napoli passa da festa a rabbia web

Pronti via. Dopo l'estate del calcioscommesse torna in campo il pallone e comincia una nuova stagione delle polemiche. La Supercoppa in salsa cinese, al Bird's Nest in cui ancora aleggiava lo spirito olimpico del 2008, parte con gol e emozioni, illude i tifosi del Napoli e si conclude con la rabbia azzurra e l'atteggiamento polemico della società che rifiuta di presenziare alla cerimonia di premiazione e di ritirare la medaglia per gli sconfitti. Il club azzurro, poco dopo la fine della gara, ha infatti pubblicato sul suo sito web un comunicato in cui c'é scritto che "al termine della partita di Supercoppa il Napoli ha deciso di non presenziare alla cerimonia di premiazione e non rilasciare dichiarazioni". Niente premiazione, quindi, e silenzio stampa deciso probabilmente anche per evitare dichiarazioni a caldo e strascichi polemici. A Napoli, intanto, l'assedio dell'aria immobile agostana era stato rotto per due volte ai gol di Cavani e Pandev. Erano bastati pochi minuti per suscitare di nuovo gli entusiasmi, per tirare fuori le trombe, comprate per la finale degli Europei e rimaste nel cassetto ad attendere l'appuntamento cinese con i rivali di sempre. In strada gli ultrà azzurri che si erano radunati all'esterno dello stadio San Paolo, anche per polemizzare con la sede cinese che li ha esclusi dall'abbraccio con i loro beniamini. Una protesta che, alla fine, aveva convinto anche il presidente De Laurentiis che, complice anche il flop della Dragon Cup, voleva riportare tutto in Italia. Ma la festa d'agosto è durata poco, sostituita dalla rabbia per il contestato arbitraggio di Mazzoleni. Una rabbia fredda che, lontano dallo stadio, si è sfogata sui social network dove non sono mancati tweet contro l'arbitro, spesso conditi dall'ironia: "Assegnata a Mazzoleni la maglia numero 10 di Del Piero", scrive un tifoso azzurro deluso. Ironia anche su Facebook dove diversi utenti tifosi del Napoli hanno tolto la propria foto dal profilo sostituendola con la scritta "Mazzoleni ha espulso anche la mia foto profilo". E su Twitter é sceso in campo anche il sindaco di Napooli Luigi De Magistris: "Napoli a testa alta. Orgogliosi del carattere e della determinazione del gruppo! Fino all'espulsione è stata una #verapartita", ha scritto. Alla fine a consolarsi sono stati soltanto i tanti tifosi che hanno seguito la partita sugli schermi allestiti nei lidi balneari in tutta la Campania: per sbollire la rabbia hanno potuto concedersi un tuffo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni