Percorso:ANSA.it > Calcio > News

Primi interrogatori, si punta a societa'

30 maggio, 14:23
Il centrocampista della Lazio, Stefano Mauri, arriva in Procura federale
Il centrocampista della Lazio, Stefano Mauri, arriva in Procura federale
Primi interrogatori, si punta a societa'

degli inviati Matteo Guidelli e Stefano Rottigni

Primi interrogatori e prime abbondanti ammissioni degli arrestati nella quarta ondata dell'inchiesta Last Bet della Procura di Cremona: infatti, uno lascia il carcere, anche se il suo ruolo era limitato. E mercoledi' sarà il capitano della Lazio Massimo Mauri a comparire davanti al gip. E' tutto intenzionato a raccontare la sua verità e a difendersi, come hanno spiegato i suoi avvocati che l'hanno visitato in carcere. Nell'ordinanza di custodia cautelare ha trovato cose "inverosimili". Poi parleranno l'ex genoano Omar Milanetto e l'ex Grosseto Marco Turati, ma è possibile che anche il portiere della Nazionale Buffon sia chiamato a testimoniare dopo la sua intervista choc sui pari "comodi" L'arrestato scarcerato oggi e Vittorio Gatti, bergamasco, amico dell'ex calciatore del Siena Filippo Carobbio, che andò a Bari dopo la partita Palermo-Bari per riprendere i soldi consegnati ai giocatori pugliesi dagli zingari perché il match non era andato secondo i loro desiderata. Gatti credeva fossero soldi derivanti da scommesse legali, ma fu Angelino Iacovelli, una sorta di factotum, dal muratore all'autista, dei giocatori baresi, (un po' come Gatti lo era di Carobbio) a spiegargli che era il denaro su cui ruotavano le combine. Gatti ammette ed esce dal carcere come probabilmente lascerà l'istituto di pena cremonese di Cà del Ferro Paolo Acerbis, gigantesco portiere del Vicenza accusato di aver manipolato o cercato di farlo, numerosi match di quando era al Grosseto: Grosseto-Mantova, Torino Grosseto e altre sei. Acerbis, davanti al gip Guido salvini ha ammesso tutto, anche l'utilizzo di una scheda telefonica ad hoc per contattare lo zingaro Ilieski.

Episodi circostanziati e contenuti nell'ordinanza di custodia cautelare quelli su cui hanno dovuto riferire i due (il terzo interrogato oggi, Ivan Tisci pare abbia cercato di minimizzare), ma le loro dichiarazioni potrebbero ampliarsi, in un prossimo interrogatorio davanti ai pm, tesi a verificare lo spunto di novità di questa quarta fase dell'inchiesta: l'ipotesi di combine tra società. Un'ipotesi già registrata dallo stesso Salvini nell'ordinanza quando parla "dell'esistenza di accordi non solo tra singoli giocatori ma addirittura tra intere squadre". Ed è il pentito ungherese dell'inchiesta, Gabor Horvat, a fornire una "circostanza rilevante, anche se ancora da approfondire", aggiunge il gip. Dalle sue dichiarazioni emerge infatti "sia pure de relatò, un riferimento al coinvolgimento di 'capi di club', che altri non possono essere che i dirigenti delle squadre coinvolte". L'informativa della Polizia alla base delle nuove misure cautelari di spunti come questi ne offre molti: per esempio le parole degli ex giocatori del Siena Carobbio e Filippo Coppola. "Qualche giorno prima della partita Siena-Varese - dichiarò Carobbio - Coppola entrò negli spogliatoi sbiancato in volto rappresentandoci che poco prima, all'esterno degli spogliatoi, era stato avvicinato da una persona vicina al presidente che gli aveva chiesto se c'era la possibilità di perdere la partita". Richiesta, forse in quella sola occasione, respinta con perdite, tanto che il Siena diede del suo meglio, vincendo largamente. Questa persona, "di cui Coppola mi fece anche il nome ma che in questo momento non ricordo - proseguì Carobbio - gli aveva detto che il presidente intendeva scommettere o aveva scommesso sulla nostra sconfitta. Intendo riferirmi al presidente Mezzaroma. Della richiesta del presidente sarebbe stato al corrente anche lo staff tecnico. "In seguito ho appreso da Stellini che la proposta era stata fatta da Mezzaroma anche allo staff tecnico e anche loro si erano rifiutati. Era la prima volta che ci proveniva una richiesta del genere dal presidente". E in un'altra occasione, per un altro match, l'attuale allenatore della Juventus, secondo Carobbio, avrebbe detto: "L'accordo c'é".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni