Percorso:ANSA.it > Calcio > News

Trofeo Tim, coppa all'Inter

Juventus e Milan battute a Bari

14 agosto, 14:31
First match of the triangular 'Tim Trophy' in Bari
First match of the triangular 'Tim Trophy' in Bari
Trofeo Tim, coppa all'Inter

BARI - Nell'ultima mini-partita del 'Trofeo Tim', l'Inter ha sconfitto il Milan 3-2 ai calci di rigore dopo che i 45' erano terminati sullo 0-0. I nerazzurri si sono cosi' aggiudicati il trofeo. Inter (4-2-3-1): Castellazzi, Maicon (17' Benedetti), Cordoba, Materazzi (17' Natalino), Biraghi, Biabiany, Stankovic, Nwankwo (35' Obi), Mancini, Coutinho, Milito. (1 Julio Cesar, 21 Orlandoni, 25 Samuel, 26 Chivu, 6 Lucio, 19 Cambiasso, 33 Obinna, 27 Pandev, 10 Sneijder, 9 Eto'o). All.: Benitez Milan (4-3-1-2): Abbiati, Oddo, Yepes, Bonera (30' Papastathopoulos), Zambrotta, Flamini, Pirlo (30' Novinic), Ambrosini (26' Strasser), Merkel (36' Ronaldino), Huntelaar, Inzaghi. (1 Amelia, 20 Abate, 13 Nesta, 22 Borriello, 8 Gattuso, 54 Oduamadi, 77 Antonini, 30 Roma, 51 Beretta, 53 Novinic). All.: Allegri. Arbitro: Celi di Campobasso Calci di rigore: Milito gol, Flamini fuori, Mancini palo, Inzaghi fuori, Coutinho gol, Oddo gol, Obi gol, Huntelaar gol, Stankovic fuori, Ronaldinho traversa. Angoli: 2-2 Spettatori: 40.000 circa. Tanti cambi per dare spazio ai giovani e poco spettacolo nel derby meneghino del ''Trofeo Tim'', vinto dall'Inter ai calci di rigore. Nel Milan Inzaghi ha colpito una traversa in avvio e mostrato il solito piglio da contropiedista; sul fronte opposto mostra di crescere con personalita' il giovane nerazzurro Coutinho. I ritmi della sfida sono stati blandi e la lotteria dei rigori ha consacrato la vittoria del trofeo da parte dell'Inter, al sesto successo nella competizione.

 

CALCIO:TROFEO TIM; VINCE L'INTER, RIVALI SONO AVVERTITE
NERAZZURRI BRILLANTI, JUVE DA RIVEDERE, NEL MILAN CRESCE DINHO
Inter brillante, Milan in crescita, Juve convincente solo a sprazzi: questo il responso del 'Trofeo Tim', triangolare agostano disputato davanti alla cornice festosa dei quarantamila del San Nicola di Bari e vinto dalla squadra del presidente Moratti. Il triangolare con partite di 45' ha confermato sostanzialmente i valori espressi dall'ultimo campionato, con Milito e compagni di una spanna piu' forti delle concorrenti, ancora alla ricerca di una precisa identita' tattica. L'undici guidato quest'anno da Benitez, superando sia la Juve che il Milan (ai rigori), si e' confermato specialista della competizione, la cui coppa andra' per la sesta volta ad arricchire la bacheca nerazzurra. Sneijder, autore del bellissimo gol partita con la Juventus, e' stato premiato come miglior giocatore del torneo. Il tecnico spagnolo puo' dirsi soddisfatto delle due prove della sua squadra, alla quale la partenza di Balotelli non sembra aver creato contraccolpi. L'Inter finalizza con grande facilita', la manovra offensiva e' avvolgente, Sneijder un suggeritore ispirato e un cecchino gia' in forma campionato, Cambiasso un metronomo che non spreca un pallone. Questa solidita' ha letteralmente freddato i bollenti spiriti della Juve, che non ha mai impensierito Julio Cesar. Positive sono apparse le prestazioni dei giovani Nwankwo e Coutinho. Se Allegri aveva chiesto come 'regalo' il vero Ronaldinho, il brasiliano visto all'opera con la Juventus ha utilizzato al meglio la vetrina per rassicurare il suo allenatore, pur con qualche limite nella condizione fisica. Il Milan nella prima partita con i bianconeri e' apparso pungente grazie alla velocita' del nigeriano Oduamadi e all'estro di Dinho, autore di un gol d'autore. Nel derby con l'Inter, invece, sugli scudi Inzaghi: Pippo-gol ha avuto spunti travolgenti, confermandosi contropiedista d'eccezione. La Juventus e' ancora alla ricerca di una quadratura tattica: con l'Inter ha mostrato limiti in fase di impostazione, l'attivismo di Pepe e Lanzafame e' funzionale al 4-4-2 di Delneri, ma poco produttivo quanto a rifornimenti per le punte. La difesa deve ancora essere registrata: il tandem Chiellini-Bonucci ha ballato contro i nerazzurri e l'ex barese ha peccato di leziosita' nelle ripartenze. Con il Milan, nella seconda gara, il tandem offensivo Diego-Amauri ha reso la manovra meno prevedibile. Il neo-centravanti della Nazionale di Prandelli, ben servito con i cross dalle fasce, ha giostrato con efficacia come terminale della manovra. La tifoseria bianconera resta scettica nei confronti di Felipe Melo (fischiato al momento della sostituzione) mentre Diego, nella lista dei partenti nonostante gli elogi di Delneri, ha festeggiato la sua rete con una esultanza polemica verso il pubblico e un calcione alla bandierina.(ANSA).

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni