Percorso:ANSA.it > Calcio > News

La Roma si coccola Julio Sergio Bertagnoli

Tifosi ammirati, è il nuovo Tancredi

07 dicembre, 17:47
I giocatori della Roma, Philippe Mexes e il portiere Julio Sergio Bertagnoli durante Roma-Bari
I giocatori della Roma, Philippe Mexes e il portiere Julio Sergio Bertagnoli durante Roma-Bari
La Roma si coccola Julio Sergio Bertagnoli

ROMA - Da "miglior terzo portiere del mondo", battuta detta con una punta di veleno da chi lo relegava costantemente in tribuna, l'ex tecnico giallorosso Spalletti, a giocatore decisivo al quale ora la società deve affrettarsi a rinnovare il contratto, visto che scade a giugno.

Il destino calcistico di Julio Sergio Bertagnoli, portiere brasiliano della Roma di origini italiane, è girato a 360 gradi. L'estate scorsa è stato sul punto di trasferirsi al Grosseto perché in giallorosso non trovava spazio. Ad apprezzarlo erano solo le tifose, che lo consideravano uno dei belli della squadra. Poi Spalletti ha cambiato idea su di lui, complici le disastrose prove di Arthur e l'infortunio di Doni, e da quel 30 agosto scorso, quando l'ex n. 1 del Santos fece la sua comparsa da titolare contro la Juve, la sua vita è cambiata, nonostante la sconfitta contro i bianconeri.

Ormai non può più essere un caso: Julio Sergio sfodera prestazioni da prima pagina una dietro l'altra, con parate decisive contro Bari, Catania, Basilea e Lazio che per la Roma hanno significato passaggio del turno di Europa League e punti in più in campionato, con la risalita verso il quarto posto ormai distante una sola lunghezza. Nell'inversione di rendimento romanista c'é quindi il marchio di questa brasiliano atipico, al quale non piace la carne e che al mare preferisce la montagna. E' lui, prodezze e gol di Totti a parte, l'asso non più tanto segreto nella manica di Ranieri che ha avuto il merito di dargli fiducia a tempo pieno. A bocciare Julio Sergio, più che Spalletti, era stato il suo preparatore dei portieri Adriano Bonaiuti, che ne aveva sconsigliato l'uso al tecnico di Certaldo, dimostrandosi poco lungimirante.

La musica è cambiata con Giorgio Pellizzaro, proclamato da un forum di tifosi il miglior portiere del Catanzaro di tutti i tempi e compagno di squadra di Ranieri, quando l'attuale tecnico della Roma giocava nella squadra calabrese. Pellizzaro è uno che di estremi difensori se ne intende, il suo lavoro fu molto apprezzato anche ai tempi del Chelsea e chi pensa che nel rendimento di Julio Sergio ci sia anche il suo zampino probabilmente non sbaglia. Ma secondo Pellizzaro "il merito è tutto del ragazzo". "Se è riuscito a rimanere alla Roma per tre anni senza giocare - dice ancora Pellizzaro - e soltanto allenandosi vuol dire che ha un grande carattere. Evidentemente non era considerato all'altezza di giocare in una squadra come la Roma, ma io non boccio in partenza nessuno. Cerco di capire pregi e difetti di ogni ragazzo che mi trovo ad allenare e poi cerco di lavorare su quelli che ritengo i punti deboli". Ma di Julio Sergio Pellizzaro preferisce evidenziare le qualità: "ha, come ho già detto, carattere e poi un'elevata resistenza neuromuscolare. In allenamento ho cercato di potenziare la sua reattività". I risultati sono stati ottimi, visto che l'ultimo esempio di quanto Julio sia tornato reattivo è la parata di ieri sulla conclusione del laziale Mauri, dopo il tiro finito sul palo di Zarate, su cui il portiere dei giallorossi aveva comunque dato l'impressione di poter intervenire.

Ai romanisti ricorda un po' Tancredi per via dell'altezza, non proprio ideale per chi gioca fra i pali, ma il ricordo del portiere del secondo scudetto potrebbe essere beneaugurante per questo brasiliano grande amante dell'arte che comunque sottolinea spesso di essere "alto 1.84, come Julio Cesar". Se continua così presto potrebbe accorgersene anche Dunga, che per la nazionale brasiliana oltre all'interista non ha certezze in fatto di portieri. Una poteva essere Doni, ma nella Roma si sta ripetendo quanto già successo al Santos, dove proprio Doni faceva da riserva a Julio Sergio. Ora chi sceglierà Dunga fra i due romanisti? Se fosse Julio Sergio a partire verso il Sudafrica per Spalletti e soprattutto Bonaiuti sarebbe un autentico schiaffo.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni