Percorso:ANSA.it > Speciali > News
Addio alla Thatcher Tutti i titoli

Gran Bretagna piange 'Iron lady'

17 aprile, 20:12

Correlati

Speciali

Margaret Thatcher accanto ad un suo ritratto Margaret Thatcher accanto ad un suo ritratto
Gran Bretagna piange 'Iron lady'

di Anna Lisa Rapana'

L'Hotel Ritz era il suo posto preferito. Margaret Thatcher è morta questa mattina in una suite dell'albergo non lontano da Buckingham Palace. Aveva 87 anni ed era malata da anni. L'ultimo ictus le è stato fatale. La Gran Bretagna, e il mondo, danno l'addio alla donna e al politico. La prima e ad oggi unica donna primo ministro del Regno Unito che lascia un'eredità immensa e difficile, racchiusa in quel nome 'Lady di Ferro' che le ha dato la Storia. Lo dimostra il fiume di reazioni, immediate dopo la notizia della morte diffusa dall'amico di sempre e portavoce Lord Bell, comunicata dai figli Mark e Carol. La regina ha espresso la sua "tristezza" nell'apprendere della scomparsa della donna che, si dice, è stata l'unica a governare oltre che semplicemente regnare in Gran Bretagna da Elisabetta I, nel 1603. Ma anche in tempi più recenti, il ruolo di Margaret Thatcher è paragonabile a quello di pochi. Personalità e statura politica oggi sono associate solo a quelle di Winston Churchill.

La sua eredità è controversa, ma il Paese è in lutto: le bandiere sul parlamento a Westminster e su Downing Street sono a mezz'asta. Il primo ministro David Cameron ha interrotto un tour in Europa appena cominciato e da Madrid è rientrato a Londra già nel pomeriggio per onorare la memoria dell'ex primo ministro davanti a Downing Street, dove la Thatcher è rimasta per oltre dieci anni. "Abbiamo perso una grande leader, una grande primo ministro, una grande cittadina britannico", ha detto il leader Tory. "Margaret Thatcher ha salvato il nostro Paese", ha aggiunto, "la sua eredità resterà non solo negli anni a venire, ma nei secoli". Così, a seguire, un fiume di osanna: "Il più grande premier da Winston Churchill", secondo Boris Johnson. "Ha cambiato il nostro Paese per sempre e tutti le dobbiamo molto", il ministro degli Esteri William Hague.

Era "una vera forza della natura" e "un fenomeno politico", per John Major, che la sostituì alla guida del governo nel 1990. E dall'altra parte, anche gli 'oppositori', i laburisti nemici di sempre riconoscono che Margaret Thatcher è stata una "figura politica che svetta su tutte", nelle parole di Tony Blair: "Pochissimi leader riescono a cambiare non solo il panorama politico del proprio Paese, ma del mondo". Il mondo: negli Stati Uniti era prestissimo quando è stata diffusa la notizia. Ma è quasi paragonabile a quella vissuta in patria la commozione manifestata oltre l'Atlantico. Nel ricordo della donna che della 'special relationship' con l'America ha fatto un'ideologia e che nel liberismo è stata l'alleato più affidabile di Ronald Reagan e di quella rivoluzione culturale che furono gli anni '80 per l'Occidente e non solo. L'attuale presidente Usa Barack Obama lo interpreta bene, dicendo che l'America "ha perso una vera amica".

Si parla molto di ispirazione in queste ore a Londra, ma la Lady di Ferro è stato anche un personaggio difficile, ha segnato con politiche controverse un periodo duro e doloroso per molti: la lotta ai sindacati, la guerra delle Falkland, la trasformazione dell'economia cha ha dato una svolta al paese giudicata irreversibile. E non manca chi oggi continua a contarne danni e vittime. Tanto che non troppo tempo fa, dell'ex primo ministro Tory già anziana e sofferente si era scritto che i funerali di Stato sarebbero stati da evitare perché a rischio proteste. Anche su questo, alla fine, la linea l'ha dettata lei: per suo volere, saranno celebrati funerali con gli onori militari, ma non di Stato. Una cerimonia che, ha annunciato Downing Street, avrà uno status simile a quella tenuta per la regina madre e Lady Diana. E non a Westminster Abbey, ma a St. Paul Cathedral.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA