Percorso:ANSA.it > Speciali > News
STRAGE DI USTICA Tutti i titoli

Ustica: familiari vittime saranno risarciti

A maggio 2014 causa per 81 parenti passeggeri deceduti

22 ottobre, 17:44
Il relitto del DC9 nel Museo della Memoria di Ustica Il relitto del DC9 nel Museo della Memoria di Ustica
Ustica: familiari vittime saranno risarciti

La Cassazione ha sancito nel gennaio scorso il diritto al risarcimento dei familiari di quattro vittime della strage di Ustica, che nel '90 si erano rivolti al giudice civile. Nel procedimento davanti ai giudici romani lo Stato si era difeso sostenendo la tesi della prescrizione (giudicata "infondata" dalla Suprema Corte) e poi della non imputabilità perche', in assenza di prove certe su quanto era accaduto nei cieli di Ustica la sera del 27 giugno 1980, non si poteva parlare di "omissione di condotte doverose".

La Cassazione aveva replicato che "è pacifico l'obbligo delle amministrazioni ricorrenti di assicurare la sicurezza dei voli", e che "è abbondantemente e congruamente motivata la tesi del missile" accolta dalla Corte d'appello di Palermo nel primo verdetto sui risarcimenti del 14 giugno 2010. La citazione per i risarcimenti parte nel 1990 da due familiari delle vittime, Gaetano La Rocca e Marco Volanti, difesi dall'avvocato di Palermo Vincenzo Fallica e dal suo collega di Bologna Giorgio Masini. In seguito i parenti di Elvira De Lisi e Salvatore D'Alfonso si aggiungono ai primi due. Secondo i legali, non c'era alcun dubbio processuale che il Dc 9 fosse caduto per un'esplosione ("non importa - scriveva Fallica - se l'ordigno era dentro l'aereo o se la caduta sia stata provocata da un missile".

Nel primo caso "c'è responsabilita' degli organi preposti dallo Stato per il controllo della sicurezza dei voli. Seguendo l'ipotesi che l'ordigno sia esploso dall'esterno non appare dubbio che essa debba considerarsi connessa all'esercizio dell' attività militare svolta dalle Forze armate in ordine a eventuali esercitazioni o di controllo di attività militari straniere". Nel maggio 2007 lo Stato viene condannato a risarcire 980 mila euro a favore dei parenti delle 4 vittime.

Nel giugno 2010, in appello, la cifra sale a 1,24 milioni. Il 28 gennaio scorso la Cassazione respinge il ricorso dell'avvocatura dello Stato. La Suprema corte, inoltre, rimanda alla corte d'appello la decisione su una nuova quantificazione del danno, chiesta dai legali di De Lisi e Volati, che ritengono non sufficiente il risarcimento. Dopo la prima sentenza civile del 2007 anche altri familiari di vittime hanno citato i ministeri della Difesa e dei Trasporti e la presidenza del Consiglio e nel settembre 2011 il tribunale civile di Palermo ha ancora condannato lo Stato a risarcire 81 parenti di una quarantina di vittime con oltre 100 milioni di euro. L'avvocatura dello Stato ha ottenuto la sospensiva dei pagamenti e l'appello per questo processo e' fissato per il 21 maggio 2014.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA